Arrivabene: "E' stata una lezione di umiltà"

Il team principal Ferrari commenta una gara caratterizzata dagli errori dei piloti, ritirati entrambi

Maurizio Arrivabene per la prima volta nella sua gestione della Ferrari non porta a casa nemmeno un punto. Le due SF15-T si sono fermate entrambe per gli incidenti che hanno bloccato Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen. Le Rosse restano senza punti per la prima volta dopo 20 Gp e il team principal del Cavallino è crudo come sempre nelle sua analisi a caldo…
"E' stata una lezione di umiltà. Oggi siamo finiti per terra. Per diventare grandi bisogna toccare il cielo con un dito, ma poi bisogna tenere i piedi per terra. La squadra quest'anno c’è: siamo in Formula 1 e queste cose possono capitare, ma il team ha dimostrato di essere in giornata già ieri con il fantastico cambio di motore fatto sulla monoposto di Raikkonen. I ragazzi hanno lavorato anche questa notte finché ce l’hanno permesso. Oggi i piloti hanno avuto più problemi di quello che dovevano. Dobbiamo partire da qui per andar avanti. Oggi abbiamo imparato cosa non dobbiamo fare”.

Vettel si è scusato degli errori con la squadra...
“Non si deve scusare, siamo insieme. Dobbiamo partire da qui per capire cosa non dobbiamo fare. E’ un vero peccato perché la macchina andava veramente molto forte: basta guardare i tempi sul giro".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento Gran Premio del Messico
Sub-evento Gara domenicale
Circuito Autódromo Hermanos Rodríguez
Piloti Kimi Raikkonen , Sebastian Vettel
Team Ferrari
Articolo di tipo Commento