Suzuka, Libere 2: Vettel domina con la Red Bull

Dietro al tedesco c'è Webber davanti a Rosberg. Male la Ferrari. Si gira Raikkonenn. Sbattono Maldonado e Perez

Suzuka, Libere 2: Vettel domina con la Red Bull
La Red Bull si prende la supremazia nel secondo turno di prove libere del Gp del Giappone portando Sebastian Vettel in vetta alla lista dei tempi con un 1’33”852 ottenuto con le gomme medie. Il tedesco, che poi si è dedicato ad una simulazione di gara, ha preceduto il compagno di squadra Mark Webber, distanziato di un paio di decimi. L'australiano ha girato con una configurazione aerodinamica standard, mentre Sebastian ha fatto tagliare l'ultimo flap dell'ala anteriore per ridurre la resistenza all'avanzamento. Le RB9 sull'asfalto ruvido di Suzuka sono risultate molto competitive anche nel passo di gara che è parso irraggiungibile per chiunque altro: Vettel ha impressionato con le medie. Il terzo tempo è stato ottenuto da Nico Rosberg con la Mercedes: il tedesco è accreditato di 1'34"114, ma se la W04 se la cava egregiamente sul giro secco da qualifica, non si può dire altrettanto nella durata di uno stint. La quarta prestazione è stata colta da Kimi Raikkonen con la Lotus in 1'34"202: il finlandese ha dovuto interrompere la sua sessione per un'uscita di pista nella sabbia alla Dunlop. Kimi non ha sbattuto, ma dopo il testacoda non è riuscito a ripartire con le ruote posteriori affondate nella ghiaia. Raikkonen è riuscito ad essere più rapido del compagno di squadra, Romain Grosjean: il francese è arrivato a 559 millesimi da Vettel. Va detto che la Lotus beneficia dell'insolito caldo di Suzuka (ci sono stae punte di 28 gradi) che permette alla E21 di essere competitiva anche nel giro da qualifica. Lewis Hamilton è sesto con la Mercedes, davanti alla positiva Toro Rosso di Daniel Ricciardo, mentre Felipe Massa è il migliore dei ferraristi: il brasiliano è ottavo a otto decimi dalla vetta. E Fernando Alonso? Lo spagnolo è solo decimo, alle spalle di Jenson Button con la McLaren, perché Fernando è stato autore di un testacoda con le gomme medie. Abortito il tentativo da qualifica, non ha riprovato il giro secco, ma si è dedicato alla simulazione della gara. L'asturiano ha chiesto delle modifiche sulla F138 non soddisfatto di essere dietro a Toro Rosso e McLaren. La sessione è stata caratterizzata da due incidenti: Pastor Maldonado, dopo aver perso una ruota nel turno del mattino, è finito contro le barriere della curva Degner. Il venezuelano non ha risentito del botto, anche se la Williams era danneggiata nella parte anteriore. Peggio è andata a Sergio Perez che ha sbattuto violentemente dopo aver perso il retrotreno della sua MP4-28 all'ingresso della Spoon Curve. Il messicano ha toccato l'erba sintetica con la ruota posteriore destra ed è andato ad urtare le barriere. Sergio è rimasto leggermente scosso ed è stato portato precauzionalmente al centro medico del circuito dal quale è uscito dopo pochi minuti. Positivo Esteban Gutierrez undicesimo con la Sauber davanti a Jean-Eric Vergne con la Toro Rosso e il compagno di squadra Nico Hulkenberg. Male le due Force India con Paul di Resta e Adrian Sutil solo 15esimo e 16esimo. Non ha girato Jules Bianchi con la Marussia: la squadra ha iniziato il montaggio del muletto dopo il crash nelle libere 1 del francese. Il telaio è risultato irreparabile per cui è stato necessario allestire il telaio di riserva. FORMULA 1, Suzuka, 11/10/2013 Classifica finale Prove Libere 2 1. Sebastian Vettel - Red Bull-Renault - 1'33"852 - 35 2. Mark Webber - Red Bull-Renault - 1'34"020 - 35 3. Nico Rosberg - Mercedes - 1'34"114 - 36 4. Kimi Raikkonen - Lotus-Renault - 1'34"202 - 17 5. Romain Grosjean - Lotus-Renault - 1'34"411 - 30 6. Lewis Hamilton - Mercedes - 1'34"442 - 36 7. Daniel Ricciardo - Toro Rosso-Ferrari - 1'34"473 - 30 8. Felipe Massa - Ferrari - 1'34"698 - 35 9. Jenson Button - McLaren-Mercedes - 1'34"912 - 34 10. Fernando Alonso - Ferrari - 1'35"087 - 32 11. Esteban Gutierrez - Sauber-Ferrari - 1'35"089 - 36 12. Jean-Eric Vergne - Toro Rosso-Ferrari - 1'35"109 -34 13. Nico Hülkenberg - Sauber-Ferrari - 1'35"182 -34 14. Paul Di Resta - Force India-Mercedes - 1'35"275 - 35 15. Adrian Sutil - Force India-Mercedes - 1'35"341 - 25 16. Sergio Perez - McLaren-Mercedes - 1'35"709 - 8 17. Valtteri Bottas - Williams-Renault - 1'36"136 - 41 18. Pastor Maldonado - Williams-Renault - 1'36"722 - 6 19. Charles Pic - Caterham-Renault - 1'37"630 - 31 20. Giedo van der Garde - Caterham-Renault - 1'37"905 - 36 21. Max Chilton - Marussia-Cosworth - 1'38"121 - 33 22. Jules Bianchi - Marussia-Cosworth - senza tempo
condivisioni
commenti
Lutto per la Formula 1: è morta Maria de Villota

Articolo precedente

Lutto per la Formula 1: è morta Maria de Villota

Prossimo Articolo

Ross Brawn nega i contatti con la Honda per il 2015

Ross Brawn nega i contatti con la Honda per il 2015
Carica commenti
Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna Prime

Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna

Si sta facendo un gran parlare attorno alle ali flessibili in Formula 1. A partire dal GP di Francia, la situazione dovrebbe normalizzarsi, ma ecco cos'ha causato l'oggetto del contendere tra Mercedes e Red Bull

Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21 Prime

Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21

La Scuderia è terza nel mondiale Costruttori con 92 punti davanti alla McLaren: la SF21 ha un potenziale nettamente superiore a quello della SF1000, ma la Rossa finora ha raccolto meno del potenziale mostrato in pista. Andiamo a capire perché c'è una differenza fra il giro secco e il passo gara, per capire come mai a due pole position conquistate in prova non abbia corrisposto almeno una vittoria.

Formula 1
11 giu 2021
Chinchero racconta Ricciardo (p. 1) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p. 1) - It's a long way to the top

15esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 1).

Formula 1
10 giu 2021
Perez: l'alfiere di re Max nella partita a scacchi per il titolo Prime

Perez: l'alfiere di re Max nella partita a scacchi per il titolo

Con la vittoria a Baku il messicano ha portato punti preziosi nel Costruttori ed ha dimostrato come in questa stagione, nella lotta tra Verstappen e Hamilton, le seconde guide dei due team di punta avranno un ruolo determinante.

Formula 1
10 giu 2021
GP Baku: Perez trionfa nel week end nero Mercedes Prime

GP Baku: Perez trionfa nel week end nero Mercedes

Sergio Perz ha vinto in maniera rocambolesca il Gran Premio d'Azerbaijan, sesta prova del Mondiale 2021 di Formula 1. Il messicano ha avuto la meglio di Vettel e Gasly, con Verstappen out a tre giri dal termine dopo aver ampiamente dominato la corsa

Formula 1
10 giu 2021
Bottas: il vero punto debole della Mercedes Prime

Bottas: il vero punto debole della Mercedes

Valtteri Bottas è il protagonista indiscusso di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il finlandese in Azerbaijan ha vissuto uno dei suoi fine settimana peggiori da quando è in Mercedes. Proviamo a capire ed analizzare quali fattori possono aver portato a ciò.

Formula 1
8 giu 2021
GP d'Azerbaijan: caos, rimonte e sorprese a Baku Prime

GP d'Azerbaijan: caos, rimonte e sorprese a Baku

Il GP d'Azerbaijan di Formula 1 non è stato per nulla avaro di sorprese. A Baku abbiamo assistito ad una gara animata da ricchi colpi di scena, con cambi al vertice e situazioni insperate. Ecco com'è andata nella nostra esclusiva animazione grafica

Formula 1
7 giu 2021
Minardi: “Hamilton non si è voluto accontentare” Prime

Minardi: “Hamilton non si è voluto accontentare”

Andiamo ad analizzare il GP dell'Azerbaijan dando i voti ai piloti di Formula 1 insieme a Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi

Formula 1
7 giu 2021