GP Giappone: ecco come i piloti passano il tempo

Verstappen ha organizzato una sfida a FIFA 2019 con Gasly, Norris e Sainz, mentre Grosjean ha deciso di montare un modello della Tyrrell P34 a sei ruote. Vettel si allena in albergo, mentre Ricciardo e Russell si danno al bowling.

GP Giappone: ecco come i piloti passano il tempo

Uno degli aspetti che caratterizza il Gran Premio del Giappone è che tutti i piloti, i responsabili dei team e gli organizzatori, alloggiano nello stesso albergo: il Suzuka Circuit Hotel, adiacente la pista.

La giornata libera, non programmata, ed il vincolo di non poter lasciare la struttura a causa delle condizioni meteo, ha dato il via ad una serie di iniziative ‘ammazza-noia’.

Anche nel weekend di Monaco c’è il tradizionale venerdì libero, ma è tutt’altra cosa.

“Non si possono confrontare le due situazioni - ha chiarito Hulkenberg – nel venerdì di Monaco c’è parecchio da fare tra impegni con gli sponsor ed altro. Qui, invece, dobbiamo tenerci occupati e trovare qualcosa da fare, io propongo di andare tutti in camera di Max (Verstappen) a giocare a FIFA 19!”.

Il riferimento per i videogames sono Norris e Verstappen, ma anche Sainz e Gasly non si tirano indietro, e FIFA Soccer 19 è il titolo del momento.

 

Max si muove con la sua Play Station sempre al seguito (abitudine che condivide con Perez), quindi, soprattutto se le linee internet non saranno funzionanti, l’appuntamento è nella camera dell’olandese.

Anche Grosjean gira con una Xbox, ma alla vigilia del Gran Premio del Giappone ha trovato un passatempo strategico:
“Ho anche comprato un modellino della Tyrrell a sei ruote da costruire. Nel negozio c’era anche un’auto radiocomandata, ma non avevo l’attrezzatura per costruirla, così ho scelto un modello tradizionale da montare con la colla. Non ho la vernice, ma ci sono gli adesivi, e mentre la colla si asciugherà passerò alla Xbox”.

 

Il Suzuka Circuit Hotel ha una pista da bowling, destinata a diventare il punto d’incontro della giornata. “Ho sentito che il wifi non funzionerà – ha spiegato Ricciardo – prendo due birre e vado al bowling, o… potremmo darci appuntamento per una giornata old-style, senza tecnologia, e raccontarci storie davanti al fuoco, che dite?”.

Il bowling sarà anche una meta per Russell: “Ci sono già andato giovedì, e poi… visto che non possiamo uscire dall’Hotel non credo che si possa scegliere tra molto”.

Vettel e Kvyat si sentono invece troppo ‘anziani’ per una giornata da passare davanti ai videogame. “Sono troppo vecchio per questo – ha confessato Seb – avrò tempo per riposare e fare sport, ma sicuramente non all’aperto!”.

“Non sono da videogame – ha confermato Kvyat – preferisco rilassarmi in sauna e magari guardare qualche film”.

E Lewis Hamilton? “Non ancora deciso del tutto – ha raccontato il campione del Mondo - c'è una località a tre ore di distanza chiamata “La Grotta” dove stanno massacrando molti delfini. Se riesco vorrei andarci, per attirare l’attenzione su quanto viene fatto in quel posto, ma non so quanto ci si può mettere per arrivarci considerate le condizioni meteo che ci saranno. Non è il miglior esempio della cultura giapponese, ma per il resto è un paese bellissimo”.

condivisioni
commenti
A Suzuka Mercedes a piena potenza, Ferrari ancora no

Articolo precedente

A Suzuka Mercedes a piena potenza, Ferrari ancora no

Prossimo Articolo

F1: le Pirelli 2020 saranno provate nel corso delle Libere di Austin

F1: le Pirelli 2020 saranno provate nel corso delle Libere di Austin
Carica commenti
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021