GP del Giappone più corto di un giro: è giallo FIA

La classifica del GP del Giappone è stata stilata al giro 52, una tornata prima del previsto perché una mano misteriosa ha acceso il pannello della bandiera a scacchi in anticipo. Grazie a questo "errore" il ritirato Perez porta a casa tre punti iridati. La FIA ha aperto un'inchiesta.

GP del Giappone più corto di un giro: è giallo FIA

Sergio Perez può ringraziare la FIA se è stato classificato al nono posto del GP del Giappone. Il messicano, infatti, è stato spedito nelle barriere dell’ultima curva alla conclusione del giro 52 e ha portato a casa due punti preziosissimi perché la gara di Suzuka è stata accorciata di un giro rispetto alla distanza prevista di 53 tornate pari a 307,471 km, altrimenti sarebbe finito fuori dalla zona iridata a due giri dal vincitore.

E allora cosa è successo? Il pannello luminoso con la bandiera a scacchi è stato visualizzato con un giro d’anticipo, per cui la direzione gara ha dovuto dichiarare la corsa conclusa con un giro prima del previsto. Chi ha attivato il segnale luminoso? La FIA ha subito aperto un’inchiesta per capire cosa è successo, visto che la tradizionale bandiera a scacchi è stata agitata regolarmente alla chiusura del giro 53.

Il fatto è inquietante e ha un precedente nemmeno troppo lontano nel tempo: si ricorderà che la modella Winnie Harlow aveva sventolato la bandiera a scacchi nel Gran Premio del Canada 2018 con due tornate d’anticipo sulla distanza prevista della gara di Montreal. In quella occasione era stata l’emozione a giocare un brutto scherzo alla donna, mentre a Suzuka l’errore dovrebbe riguardare un addetto ai lavori.

Con Sergio Perez che ha salvato il nono posto con la Racing Point nonostante il contatto causato da Pierre Gasly con la Toro Rosso, Nico Hulkenberg scivola in decima piazza e Lance Stroll finisce fuori dalla zona punti all’11esimo posto. Ma di chi è stata la manina?

Cla Pilota Giri Tempo Gap Distacco km/h Punti
1 Finland Valtteri Bottas 52 1:21'46.755     221.325 25
2 Germany Sebastian Vettel 52 1:22'00.098 13.343 13.343 220.725 18
3 United Kingdom Lewis Hamilton 52 1:22'00.613 13.858 0.515 220.702 16
4 Thailand Alexander Albon 52 1:22'46.292 59.537 45.679 218.672 12
5 Spain Carlos Sainz Jr. 52 1:22'55.856 1'09.101 9.564 218.251 10
6 Monaco Charles Leclerc 51 1:21'51.731 1 Lap 1 Lap 216.845 8
7 Australia Daniel Ricciardo 51 1:21'57.458 1 Lap 5.727 216.592 6
8 France Pierre Gasly 51 1:22'09.795 1 Lap 12.337 216.050 4
9 Mexico Sergio Perez 51 1:22'10.165 1 Lap 0.370 216.034 2
10 Germany Nico Hulkenberg 51 1:22'10.780 1 Lap 0.615 216.007 1
11 Canada Lance Stroll 51 1:22'13.40 1 Lap 2.620 215.892  
12 Russian Federation Daniil Kvyat 51 1:22'17.115 1 Lap 3.715 215.730  
13 United Kingdom Lando Norris 51 1:22'24.504 1 Lap 7.389 215.407  
14 Finland Kimi Raikkonen 51 1:22'37.491 1 Lap 12.987 214.843  
15 France Romain Grosjean 51 1:22'44.514 1 Lap 7.023 214.539  
16 Italy Antonio Giovinazzi 51 1:23'03.072 1 Lap 18.558 213.740  
17 Denmark Kevin Magnussen 51 1:23'05.388 1 Lap 2.316 213.641  
18 United Kingdom George Russell 50 1:21'43.978 2 Laps 1 Lap 212.925  
19 Poland Robert Kubica 50 1:23'11.838 2 Laps 1'27.860 209.177  
  Netherlands Max Verstappen 14 22'58.020 38 Laps 36 Laps 211.602  
condivisioni
commenti
Bottas: "Prendere la posizione al via è stato fondamentale"

Articolo precedente

Bottas: "Prendere la posizione al via è stato fondamentale"

Prossimo Articolo

Leclerc punito con 15", Ferrari multata di 25 mila dollari

Leclerc punito con 15", Ferrari multata di 25 mila dollari
Carica commenti
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021