F1 | GP d'Arabia Saudita: si parla di sicurezza con piloti e team

I responsabili del GP dell'Arabia Saudita hanno incontrato privatamente team e i piloti per tranquillizzare tutti sulla sicurezza a Jeddah dopo gli eventi che hanno funestato la gara di quest'anno.

F1 | GP d'Arabia Saudita: si parla di sicurezza con piloti e team
Carica lettore audio

La seconda prova del campionato 2022 è stata caratterizzata da un attacco missilistico ad un impianto petrolifero vicino al circuito al venerdì per mano dei ribelli Houthis dello Yemen.

Questo ha spinto i capi della F1, i team e i piloti a discutere se lo svolgimento dell'evento fosse sicuro e alla fine si è deciso di procedere.

La situazione ha però indotto i responsabili della gara a rivedere su larga scala l'accaduto e a mettere a punto un piano per evitare che si ripeta in futuro.

I responsabili delle gare si sono incontrati individualmente con tutti i team e i piloti nel corso delle ultime gare per discutere della situazione e assicurarsi che i concorrenti siano a proprio agio in vista del 2023.

Nell'ambito delle trattative in corso, il ministro dello Sport dell'Arabia Saudita, il principe Abdulaziz Bin Turki Al-Faisal, ha partecipato al Gran Premio di Singapore dello scorso fine settimana per offrire un aggiornamento sui progressi compiuti.

"Abbiamo parlato con team e piloti delle misure necessarie che sono state prese, lavorando in particolare con la F1, e la nostra priorità numero uno è la sicurezza per tutti", ha detto parlando con alcuni media, tra cui Motorsport.com.

 

"Questo non solo in pista, ma in tutto il regno. Stranamente, tre giorni dopo l'attacco è stato annunciato un cessate il fuoco. Quindi credo che con tutti i media che sono venuti alla gara, sia stato un modo per mostrare aggressività e per attirare l'attenzione. Ma eravamo fiduciosi su sicurezza e protezione in quel momento".

Il Principe Abdulaziz ritiene importante che ci sia una discussione aperta sulle preoccupazioni di chiunque in F1, e ha ammesso che si sarebbe potuto fare di più per parlare con i piloti e le squadre prima.

"Penso che dobbiamo fare di più per mantenere un dialogo e una comunicazione aperta tra di noi. Anche per noi è stata una novità da imparare a gestire, forse non abbiamo contattato molti team prima gara. Ci siamo resi conto che era necessario farlo ora, quindi eccoci qui".

"Sappiamo di avere delle preoccupazioni riguardo ad alcune questioni. Non siamo perfetti e non abbiamo mai affermato di esserlo. Ma almeno stiamo imparando dalle nostre esperienze e stiamo prendendo provvedimenti per migliorare le cose in futuro".

Il Principe Abdulaziz ha dichiarato che per il 2023 saranno adottate ulteriori misure di sicurezza per la F1.

"Stiamo lavorando con la F1 per assicurarci che tutte le preoccupazioni dei piloti, dei team o dei singoli, e anche dei tifosi, siano soddisfatte. Sappiamo che tutto è sicuro, ma dobbiamo spiegare quali misure sono state adottate".

"Durante l'evento sono state dispiegate più di 4.000 truppe proprio per questo, perché quando succedono queste cose si teme che le persone che vogliono aggravare la situazione se ne accorgano. Quindi abbiamo fatto sì che nessuno compromettesse la sicurezza dell'evento e della città".

"Per noi la sicurezza è ancor più importante della F1. Si tratta di una nazione, quindi è la nostra priorità numero uno. E stiamo lavorando con loro".

Le modifiche al tracciato

 

Oltre a rafforzare la sicurezza intorno all'impianto, verranno apportate piccole modifiche alle barriere del circuito di Jeddah per il 2023, al fine di migliorare la visibilità dei piloti.

"Stiamo lavorando con la FIA e la F1 per alcune modifiche alla pista. Il tracciato è lo stesso, ma per questioni di sicurezza miglioreremo la visibilità".

"Abbiamo anche capito che la nuova monoposto è più sensibile ai cordoli, come è successo a Miami, quindi li abbiamo cambiati".

"Da quando abbiamo terminato la seconda gara stiamo lavorando costantemente con la FIA e la F1 per assicurarci di arrivare alla prossima ben preparati".

condivisioni
commenti
F1 | Magnussen: "Esagerata la bandiera nera e arancione"
Articolo precedente

F1 | Magnussen: "Esagerata la bandiera nera e arancione"

Prossimo Articolo

F1 | Incontro Red Bull-Honda a Tokio: possibile ritorno di fiamma?

F1 | Incontro Red Bull-Honda a Tokio: possibile ritorno di fiamma?