Mercedes: a cosa serve il cerchio posteriore con i buchi?

condivisioni
commenti
Mercedes: a cosa serve il cerchio posteriore con i buchi?
Di: Giorgio Piola
20 ago 2015, 15:17

Oltre a essere più leggero grazie ai raggi cavi, si possono anche scaldare prima le gomme

Mercedes, cerchio posteriore forato
Mercedes GP nuovo alettone posteriore
Lewis Hamilton,, Mercedes AMG F1 Team

La Mercedes teme le variabili condizioni meteo del Belgio e si è preparata in maniera adeguata, anche se le previsioni non contemplano la pioggia che è una caratteristica tipica delle Ardenne. Nell'immagine Effe 1 Tech è possibile osservare i cerchi Advanti della W06 Hybrid al montaggio delle gomme Pirelli. Colpisce il fatto che ci siano almeno tre configurazioni diverse: in primo piano si può notare la ruota posteriore con i buchi, mentre più indietro si osservano versioni semplicemente chiuse e quelle trattate con il Polisyl.

Ovviamente a destare maggiore curiosità è il cerchio con i fori. Non bisogna affatto stupirsi perché i buchi coincidono con le razze che sono cave. Due i possibili vantaggi di questa scelta: alla maggiore leggerezza si può associare anche la possibilità di scaldare prima gli pneumatici. Come? L'aria che gonfia le gomme circola anche nelle razze del cerchio e i raggi sono investiti dall'aria calda che viene espulsa dal disco in carbonio, per cui si può favorire anche un riscaldamento del pneumatico all'inizio di un run da qualifica o di gara.

I cerchi forati non sono affatto una novità assoluta, visto che sono impiegati da diversi anni in Formula 1, ma è curioso notare come nel tempo possa cambiare la funzionalità dei singoli accessori di una monoposto...

Prossimo articolo Formula 1
Toro Rosso: già operativa la nuova sede a Faenza

Articolo precedente

Toro Rosso: già operativa la nuova sede a Faenza

Prossimo Articolo

Toro Rosso: Tatham rinforza il reparto progettazione

Toro Rosso: Tatham rinforza il reparto progettazione
Carica commenti