Hamilton fa un 48 a Spa, solo nono Vettel!

Lewis rifila mezzo secondo a Rosberg. Terzo è Bottas, ma è la Ferrari la grande delusione

Lewis Hamilton è inavvicinabile: il campione del mondo in carica ha fatto un vero 48 a Spa Francorchamps con la Mercedes. L'inglese ha centrato la 48esima pole position in carriera lasciando a mezzo secondo Nico Rosberg, massacrando il compagno disquadra e rivale nel campionato piloti, con lo stratosferico tempo di 1'47"197. Hamilton ha firmato la terza pole nelle Ardenne e la decima della stagione 2015 con un giro perfetto, confermando che quando si fa sul serio il britannico non patisce assolutamente la vita mondana che conduce quando non è in pista.

Le frecce d'argento monopolizzano la prima fila per la decima volta in questo anno: le W06 Hybrid hanno annichilito la concorrenza lasciando il terzo, Valtteri Bottas a 1"340 con la Williams. Il finlandese coglie la migliore partenza del 2015 con il tempo di 1'48"537. C'è voluto un colpo di reni del finlandese per lasciare alle spalle Romain Grosjean che ha portato la Lotus ad un inaspettato quarto posto.

La Williams ci ha abituati a nascondersi nelle prove libere e anche questa volta la FW37 è venuta fuori nel momento risolutivo con il finlandese che si è sentito scartato dalla Ferrari dopo il rinnovo contrattuale di Kimi Raikkonen, anche se Felipe Massa non è andato oltre la settima piazza.

Romain Grosjean, con una Lotus che sta soffrendo per le gravi difficoltà economiche, ha regalato una bella soddisfazione al vice team principal, Federico Gastaldi. Il francese avrà poco da gioire dal momento che dovrà cedere cinque posizioni sulla griglia per aver sostituito la trasmissione sulla sua E23 Hybrid per cui pagherà una penalità.

Sergio Perez chiude la cinquina tutta Mercedes:il messicano è stato capace di agguantare la seconda fila con una Force India molto veloce (ha fatto il Raidillon in pieno a 312 km/h anche se aveva un'ala posteriore molto scarica!).

La sequenza dei motori della Stella è stata interrotta da Daniel Ricciardo sesto con la Red Bull Racing. Dopo le prove libere ci si aspettava di più dall'australiano perché il distacco di quasi un secondo e mezzo da Lewis Hamilton è veramente grande, dopo le prove libere che avevano lasciato credere la squadra di Milton Keynes più competitiva. Ricciardo si è difeso al meglio con il motore Renault, mentre è naufragato Daniil Kvyat escluso in Q2 e costretto alla 12esima piazza.

Sorride Pastor Maldonado con la seconda Lotus: il venezuelano raccoglie l'ottavo posto, ma avanzerà di una posizione per la penalità del compagno di squadra. Qualifica da dimenticare per la Ferrari con Sebastian Vettel solo nono con la SF15-T. Il quattro volte campione del mondo è solo a tre decimi dal terzo, Valtteri Bottas, ma per sperare di fare una bella rimonta sarà costretto a fare molti sorpassi con una Rossa che non sembra aver mostrato tutto il suo potenziale.

Peggio ancora è andata a Kimi Raikkonen costretto a fermarsi in Q2 per un problema meccanico (alla power unit o al cambio): il finlandese ha accostato la sua Rossa che si è ammutolita nello sferragliare della meccanica. Una brutto botta per la squadra del Cavallino che vorre bbe festeggiare al meglio il 900esimo Gran Premio dopo la vittoria ungherese.

La top ten è chiusa da Carlos Sainz che ha portato la Toro Rosso in Q3: lo spagnolo ha effettuato un solo tentativo di qualifica (come Sergio Perez) e non ha cercato il tempo accontentandosi di una posizione in griglia insperata, mentre Max Verstappen è uscito di scena già in Q2 per un guaio che lo ha appeidato mentre era nella corsia dei box.

Male anche Nico Hulkenberg: il vinciotore di Le Mans ha preso una paga sonora dal compagno di squadra messicano. Deludente anche Felipe Nasr escluso in Q1 con la Sauber dotata del nuovo motore Ferrari, mentre Marcus Ericsson ha saputo arrampicarsi fino alla 13esima piazza con l'altra monoposto svizzera.

Ingiudicabile la McLaren con il motore Mercedes: Jenson Button e Fernando Alonso continuano a collezionare delle figuracce perché il motore Honda non sembra in grado di risalire la china. La squadra di Woking è sprofondata nei bassifondi della classifica e viene protetta dalla presenza della Manor che corre con una monoposto dello scorso anno, appena aggiornata. Will Stevens ha vinto il derby dell'ultima fila con Roberto Merhi. Entrambi scatteranno davanti alle MP4-30 che saranno penalizzate per il doppio cambio di motore. Questa mossa è stata l'unica cosa intelligente per la squadra di Ron Dennis.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento Gran Premio del Belgio
Sub-evento Sabato, qualifiche
Circuito Spa-Francorchamps
Piloti Lewis Hamilton , Nico Rosberg , Sebastian Vettel
Team Mercedes
Articolo di tipo Qualifiche