Spa, Libere 3: Hamilton fa il vuoto, ma Vettel è terzo

La Mercedes di Rosberg è incalzata dalla Ferrari: la SF15-T del tedesco la più veloce con le medie!

La Mercedes non teme le forature e mette le due W06 Hybrid davanti a tutti, ma questa volta è Lewis Hamilton a fare la differenza, visto che il campione del mondo con il tempo di 1'48"984 ha rifilato quasi mezzo secondo al compagno di squadra, Nico Rosberg che senta alitare sul collo Sebastian Vettel con la Ferrari SF15-T.

La terza e ultima sessione si prove libere ristabilisce i valori in campo con il leader del campionato che si riprende la leadership dopo aver lasciato campo libero al rivale tedesco nelle libere di ieri. La novità è che le due Ferrari hanno scavalcato le Red Bull Racing: era una cosa prevedibile visto che sulle Rosse sono stati montati i motori in versione Canada più prestazionali (abbiamo avuto la conferma ufficiale dagli uomini di Maranello), mentre ieri sono stati uilizzati quelli che avevano corso in Australia.

Più che la prestazione assoluta di Sebastian Vettel ottenuta con le Soft ha stupito il tempo che il tedesco ha centrato con la mescola Media: Sebastian, infatti, ha colto un 1'50"460 che è stato quasi di due decimi meglio rispetto alla Mercedes di Lewis Hamilton. E questa è l'indicazione da tenere in debita considerazione, anche se Vettel ha usato un treno di bianche in più e dovrà usarne uno usato in gara.

La quarta posizione di Kimi Raikkonen conferma la consistenza della Ferrari, mentre stupisce la quinta pizza di Sergio Perez che con la Force India si è inserito a cuneo fra le Rosse e le Red Bull Racing. La VJM08 spec B ha stupito per la sua velocità nel primo settore.

Le due Red Bull Racing sono sesta e settima con Daniel Ricciardo autore di un 1'49"930 (quasi un secondo da Hamilton!) seguito da un Daniil Kvyat sempre più consistente: gli uomini di Milton Keynes hanno tentato il giro secco con le Soft per primi, quando la pista non era ancora perfettamente gommata: potrebbero essere temibili in qualifica...

Bene anche Nico Hulkenberg con la seconda Force India: il tedesco è ottavo con 1'50"000, davanti alle due Williams che si stanno un po' nascondendo: Felipe Massa è finito alle spalle di Valtteri Bottas che ha colto un 1'50"179.

Come era prevedibile sono scivolate più indietro le Toro Rosso: Carlos Sainz è 11esimo, mentre Max Verstappen è due piazze più indietro (l'olandese ha sostituito il motore Renault e pagherà la penalità in griglia di partenza), ma i giovani di Franz Tost sono riusciti a stare davanti alle Sauber dotate del motore Ferrari evoluto con i tre gettoni di sviluppo.

Poca gloria in casa Lotus: Pastor Maldonado ha potuto constatare che la sua E23 Hybrid è stata riparata ad arte dopo il botto di ieri. Il venezuelano è 12esimo con 1'50"585, mentre Romain Grosjean (autore anche di un testacoda innocuo) è solo 16esimo.

Grande delusione per la McLaren che questa mattina ha montato due motori Honda nuovi, diversi da quelli utilizzati ieri (si tratta per entrambi i piloti della settima unità stagionale contro le quattro concesse dalle regole 2015): Fernando Alonso è riuscito a fare solo un giro prima di fermarsi in modo definitivo per un problema alla power unit. Ora sarà da vedere se lo spagnolo riuscirà a schierarsi per la qualifica. Jenson Button è riuscito a girare con più regolarità, ma ha pagato quasi tre secondi dalla vetta, segno che l'unità giapponese non riesce a recuperare il gap dai migliori. Gran brutto segno...

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento Gran Premio del Belgio
Circuito Spa-Francorchamps
Piloti Lewis Hamilton , Nico Rosberg , Sebastian Vettel
Team Mercedes
Articolo di tipo Prove libere