Formula 1
G
Robert Kubica vs Bartosz Marszałek
09 ago
Evento concluso
G
GP del Messico
30 ott
Canceled
G
GP del Brasile
13 nov
Canceled
G
GP da Abu Dhabi
27 nov
FP1 in
108 giorni

GP Austria: apertura del governo a gara senza pubblico

condivisioni
commenti
GP Austria: apertura del governo a gara senza pubblico
Di:
, Grand prix editor
Co-autore: Maria Reyer
15 apr 2020, 15:25

Il Governo austriaco ha affermato che non ostacolerà la disputa del GP di Formula 1 al Red Bull Ring che si disputerà il 5 luglio a porte chiuse. Il personale del Circus dovrà sottoporsi a quarantena o dovrà mostrare un certificato che attesti di non essere portatore di COVID-19.

È la politica che rallenta la ripartenza della F1. Emmanuel Macron, presidente della Francia, con un discorso alla nazione transalpina ha fatto capire che il GP di Francia non si potrà disputare per le restrizioni che ancora saranno in atto per effetto della pandemia di Coronavirus, per cui dovrebbe essere il GP d’Austria in programma il 5 luglio ad aprire la stagione di F1 2020.

Ma come? Werner Kogler, vice cancelliere e Ministro dello sport austriaco, non mette bastoni fra le ruote alla gara nel Red Bull Ring, ma vuole che siano applicate tutte le norme di sicurezza che sono in vigore.

I team principal stanno valutando come costruire un calendario che comprenda 19 appuntamenti se il via al mondiale potrà essere dato in Austria. Ross Brawn, CEO di F1 ha spiegato la scorsa settimana che la stagione dovrebbe partire in Europa e che si comincerà con GP a porte chiuse, con rigide limitazioni per garantire la sicurezza di coloro che lavorano nel paddock.

"Non vogliamo creare ostacoli - ha detto Kogler nella conferenza stampa di mercoledì mattina - . Questa è una situazione completamente diversa rispetto a una partita di calcio in uno stadio. Le regole della distanza minima dovranno essere osservate allo stesso modo, ma questo aspetto sembra possibile”.

"Non voglio nascondere che sono in contatto con il governatore della Stiria a questo proposito. La gara sarebbe confermata a luglio nel calendario esistente. E in definitiva, le federazioni sportive dovranno decidere da sole. Sono in contatto con Helmut Marko che ha fatto da mediatore con la Red Bull”.

"A Marko ho detto che vorrei che la gara si disputi: inoltreremo tutte le linee guida applicabili a un evento motoristico, in modo che possano vedere ciò che è possibile fare o meno".

L'Austria attualmente ha in atto delle rigide linee guida in merito all'ingresso nel Paese: chi entra deve mettersi in quarantena se non ha un certificato sanitario che dimostra di non essere portatori di Coronavirus.

Secondo Kogler, quindi, le maggiori difficoltà per la F1 deriveranno dalla possibilità di entrare o uscire dall’Austria affinché il GP si possa disputare secondo programma”.

"In linea di principio, mi è stato detto che il nostro piano di sicurezza potrebbe funzionare. Anche se qualcuno dovesse andare prima in isolamento. Non voglio interferire sul GP, ma voglio solo sapere che vengano applicate le normative esistenti, in particolare sulla distanza minima fra le persone. E poi è chiaro che più è grande la comunità della F1 e più ci sono possibilità che qualcosa accada comunque".

Il governo austriaco ha iniziato ad alleggerire il blocco nazionale da martedì, consentendo la riapertura di alcuni negozi, ma sta ancora applicando rigide regole sul distanziamento sociale.

Il mio lavoro in F1: ingegnere di Kimi Raikkonen in Alfa Romeo

Articolo precedente

Il mio lavoro in F1: ingegnere di Kimi Raikkonen in Alfa Romeo

Prossimo Articolo

Ricciardo: “Bianchi avrebbe ottenuto gli stessi risultati di Leclerc”

Ricciardo: “Bianchi avrebbe ottenuto gli stessi risultati di Leclerc”
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP d'Austria
Autore Luke Smith