Formula 1
G
GP del Portogallo
02 mag
Gara in
19 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
23 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
61 giorni
G
GP di Francia
27 giu
Gara in
75 giorni
04 lug
Prossimo evento tra
79 giorni
G
GP di Gran Bretagna
18 lug
Gara in
96 giorni
G
GP d'Ungheria
01 ago
Gara in
110 giorni
G
GP del Belgio
29 ago
Gara in
138 giorni
05 set
Gara in
145 giorni
12 set
Gara in
152 giorni
G
GP della Russia
26 set
Gara in
166 giorni
G
GP di Singapore
03 ott
Prossimo evento tra
170 giorni
G
GP del Giappone
10 ott
Gara in
180 giorni
G
GP degli Stati Uniti
24 ott
Race in
194 giorni
G
GP del Messico
31 ott
Gara in
201 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Gara in
243 giorni

Austin, Libere 2: solito Vettel, male la Ferrari

Webber secondo precede le Mercedes. Bene Kovalainen con la Lotus. Alonso solo decimo

Austin, Libere 2: solito Vettel, male la Ferrari
Nel secondo turno delle prove libere del Gp degli Stati Uniti, ad Austin, si è tornati alla normalità con le Red Bull Racing davanti a tutti: Sebastian Vettel è stato il più veloce in 1'37"305 in configurazione da qualifica, ma è stato nettamente il più rapido anche nella simulazione di gara. Il tedesco ha preceduto Mark Webber di appena 115 millesimi nel giro secco, ma ha mostrato circa mezzo secondo di passo sul compagno di squadra nello stint con il serbatoio di benzina pieno. Più staccate le due Mercedes che seguono con Nico Rosberg che si attesta davanti a Lewis Hamilton: il tedesco è arrivato a 1'37"785 a quasi mezzo secondo dalla RB9, mentre l'inglese ha pagato 653 millesimi dal quattro volte campione del mondo. Molto positiva la prestazione di Heikki Kovalainen al debutto con la Lotus lasciata libera da Kimi Raikkonen, operato ieri a Strasburgo. Il finlandese è quinto con 1'38"073 e ha svolto un ottimo lavoro, facendo meglio sulla E21 di Romain Grosjean che non è andato oltre l'ottava piazza. La squadra di Enstone ha schierato due vetture con il passo lungo. Heikki ha impressionato positivamente i tecnici della squadra. Davanti al francese della Lotus si sono inseite le due Sauber con Esteban Gutierrez ancora davanti a Nico Hulkenberg: i due compagni di squadra di Hinwil sono separati di appena 20 millesimi di secondo! Al nono posto si trova Jenson Button con la McLaren, mentre Fernando Alonso è solo decimo con la F138. Lo spagnolo risente del dolore alla schiena per l'effetto dell'incidente di Abu Dhabi, ma non nega il suo impegno sulla Rossa che ha illuso nel primo turno e che, invece, delude nel pomeriggio beccando un distacco di oltre un secondo! Il fatto è che l'asturiano con l'1'38"461 ha fatto peggio di un decimo rispetto alla breve sessione del mattino. La Ferrari sembra incapace di portare novità efficaci sulla Rossa, visto che lo spagnolo si trova cinque macchine diverse davanti alla vettura di Maranello (Red Bull, Mercedes, Lotus, Sauber e McLaren). La reazione che si aspettava il presidente Luca di Montezemolo non c'è e si cominciano a sentire le prime voci che Pat Fry potrebbe lasciare il team di Maranello alla fine della stagione, lasciando il pieno potere dell'Ufficio Tecnico a James Allison. L'epilogo del campionato è sconcertante: non certo adeguato ad un top team che vorrebbe lottare per il secondo posto nel mondiale costruttori, visto che con le gomme più morbide Fernando ha fatto peggio che con le dure. Gli altri nel cambio di mescola hanno migliorato almeno sette decimi, mentre la Ferrari ha peggiorato: cosa è stato fatto di sbagliato fra i due turni? Felipe Massa è dodicesimo a 1"6 da Vettel, di poco davanti al ripudiato Sergio Perez dalla McLaren. Un problema all'impianto frenante ha mandato Max Chilton in testacoda con la Marussia: il pilota inglese ha dovuto abbandonare la sua monoposto nella via di fuga, mentre il disco anteriore destro ha avuto un principio di incendio. Imbarazzante l'intervento dei commissari di percorso americani incapaci di liberare la pista in tempi ragionevoli. Inadueguati... FORMULA 1, Austin, 15/11/2013 Secondo turno di prove libere 1. Sebastian Vettel - Red Bull-Renault - 1'37"305 - 35 2. Mark Webber - Red Bull-Renault - 1'37"420 - 37 3. Nico Rosberg - Mercedes - 1'37"785 - 38 4. Lewis Hamilton - Mercedes - 1'37"958 - 38 5. Heikki Kovalainen - Lotus-Renault - 1'38"073 - 41 6. Esteban Gutierrez - Sauber-Ferrari - 1'38"229 - 40 7. Nico Hulkenberg - Sauber-Ferrari - 1'38"254 - 40 8. Romain Grosjean - Lotus Renault - 1'38"255 - 33 9. Jenson Button - McLaren-Mercedes - 1'38"269- 34 10. Fernando Alonso - Ferrari - 1'38"461 - 33 11. Adrian Sutil - Force India-Mercedes - 1'38"719 - 31 12. Felipe Massa - Ferrari - 1'38"938 - 37 13. Sergio Perez - McLaren-Mercedes - 1'38"941- 31 14. Daniel Ricciardo - Toro Rosso-Ferrari - 1'39"246 - 28 15. Paul di Resta - Force India-Mercedes - 1'39"410 - 34 16. Valtteri Bottas - Williams-Renault - 1'39"512 - 37 17. Jean-Eric Vergne - Toro Rosso-Ferrari - 1'39"579 - 36 18. Pastor Maldonado - Williams-Renault - 1'39"784 - 33 19. Charles Pic - Caterham-Renault - 1'40"736- 39 20. Giedo Van der Garde - Caterham-Renault - 1'40"563 -35 21. Max Chilton - Marussia-Cosworth - 1'46"226 - 31 22. Jules Bianchi - Marussia-Cosworth - 1'47"987 - 20
condivisioni
commenti
Kvyat: "Il confronto con Ricciardo è stato positivo"

Articolo precedente

Kvyat: "Il confronto con Ricciardo è stato positivo"

Prossimo Articolo

C'è un potenziometro sul T-Tray di Massa

C'è un potenziometro sul T-Tray di Massa
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Mark Webber , Nico Rosberg , Sebastian Vettel
Autore Franco Nugnes
Chinchero racconta Alonso (pt.2) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Alonso (pt.2) - It's a long way to the top

Dodicesima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Fernando Alonso. Ecco a voi la seconda di 3 puntate sull'asturiano. Buon ascolto!

F1 Stories: la storia del Gran Premio di Imola Prime

F1 Stories: la storia del Gran Premio di Imola

Anche nel 2021, Imola è inclusa nelle tappe di un Mondiale di Formula 1. Un tracciato ricco di storia. Una storia, che merita di essere raccontata e ricordata...

Come la rapida ascesa di Kimi influì sulla carriera di Heidfeld Prime

Come la rapida ascesa di Kimi influì sulla carriera di Heidfeld

L'ascesa di Kimi Raikkonen come stella della Formula 1 fin dagli albori rimane una delle leggendarie storie del 2001, ma le sue imprese hanno avuto un impatto indesiderato sulle prospettive del suo compagno di squadra in Sauber. Vent'anni dopo il suo primo podio in F1 al GP del Brasile, ecco come Iceman ha influito sulla carriera di Nick Heidfeld.

Formula 1
11 apr 2021
F1: quanto è più veloce di una MotoGP, LMP1 o IndyCar? Prime

F1: quanto è più veloce di una MotoGP, LMP1 o IndyCar?

Siamo abituati a considerare la Formula 1 come la categoria regina dell'automobilismo, quella capace di raggiungere le velocità più elevate in assoluto. Ma sarà davvero così? Andiamo a scoprirlo in questa classifica...

Formula 1
11 apr 2021
Mercedes: il limite allo sviluppo può diventare un incubo Prime

Mercedes: il limite allo sviluppo può diventare un incubo

La Mercedes è andata via dal Bahrain con la consapevolezza di non avere tra le mani la monoposto di riferimento in griglia, e i limiti allo sviluppo potrebbero trasformare questa stagione in un incubo.

Formula 1
10 apr 2021
Jacques Villeneuve, cinquant'anni...mondiali Prime

Jacques Villeneuve, cinquant'anni...mondiali

Il 9 aprile del 1971 nasce Jacques Villeneuve, Campione del Mondo di Formula 1 1997. Andiamo a rivivere i suoi primi due anni nella massima serie, quelli che lo hanno accompagnato ad entrare nell'elenco delle leggende del Motorsport...

Formula 1
9 apr 2021
Basso Rake: come i regolamenti hanno "penalizzato" la W12 Prime

Basso Rake: come i regolamenti hanno "penalizzato" la W12

Andiamo a scoprire ed analizzare come le modifiche regolamentari al fondo ed al pavimento delle monoposto abbiano influito negativamente sulle performance della Mercedes W12, nonostante la vettura abbia vinto con Lewis Hamilton la gara di apertura in Bahrain

Formula 1
8 apr 2021
Mercedes: il basso rake non funziona o è questione di... fondo? Prime

Mercedes: il basso rake non funziona o è questione di... fondo?

La squadra campione del mondo ha vinto con Hamilton il primo GP 2021, ma è indubbio che la W12 non ha dato l'impressione di essere stata la monoposto più competitiva in Bahrain. Anche l'Aston Martin è parsa sotto tono dopo il cambio delle norme aerodinamiche: i tecnici hanno parlato di particolari difficoltà con l'assetto Rake, mentre la sensazione è che i problemi stiano altrove.

Formula 1
7 apr 2021