Vettel implacabile ad Abu Dhabi: 11esima vittoria!

Podio con Webber e Rosberg. Alonso rimonta al quinto posto con un sorpasso contestato

Vettel implacabile ad Abu Dhabi: 11esima vittoria!
Sebastian Vettel lascia tutti senza parole: il quattro volte campione del mondo centra la 37esima vittoria in Formula 1 e l'11esima della stagione. Il tedesco non si concede alcuna rilassatezza e domina con un passo sempre più veloce di quello che gli ordinava il muretto di Milton Keynes per preservare le gomme: si è concesso un secondo pit stop ed è tornato in testa alla corsa, senza che nessuno potesse impensierire la sua supremazia nemmeno per un giro. E ripete anche i donuts dopo il traguardo per festeggiare il successo fuori dalla pista. Il "cacciatore" Sebastian ora ha nel mirino Ayrton Senna che è solo quattro successi davanti a Vettel! La Red Bull racing centra una doppietta portando al secondo posto Mark Webber: l'australiano ancora una volta non riesce a scattare bene al via, ma questa volta non è colpa sua perché si ritrova senza KERS. Mark non riesce a vincere il primo Gp della stagione (anche perché Sebastian non è affatto disponibile a fare dei... regalini) e si becca mezzo minuto dal suo capitano. Sul podio sale meritatamente Nico Rosberg con la Mercedes che guadagna ancora un punto sulla Ferrari nel mondiale Costruttori: il tedesco non commette errori e dà il suo meglio tenendo il passo di Mark Webber. La W04, data per essere una vettura adatto solo per la qualifica, ha retto perfettamente il passo: Nico Rosberg ha saputo difendersi negli ultimi giri dal ritorno di Romain Grosjean che non è mai stato una seria minaccia. Il francese rompe la sequenza di Gp sul podio (tre di seguito), ma dà continuità alle prestazioni della Lotus (con il passo lungo), mentre Kimi Raikkonen è uscito di scena subito per un contatto con la Caterham di Giedo Van der Garde. Ci si aspettava di più dalla monoposto nero-oro, dopo le simulazioni di gara nelle prove: la prestazione della Lotus resta dolce-amara. Sebastian Vettel ha provato a cercare anche il giro più veloce della gara, ma il re della F.1 si è dovuto arrendere a Fernando Alonso che ha disputato l'ultimo stint di gara con le gomme morbide e ha battuto il record della corsa per tre volte negli ultimi tre giri. Lo spagnolo ha centrato il quinto posto che aveva pronosticato prima della partenza, ma la Ferrari rimedia un distacco di oltre un minuto dalla Red Bull di Sebastian, ma soprattutto mezzo minuto da Mercedes e Lotus. Questo è il dato più preoccupante per una squadra che cerca di difendere la terza posizione del mondiale Costruttori, anche se la Ferrari ritrova la piena motivazione di Fernando Alonso che lotta come un leone: il rientro in pista dopo il secondo pit stop è sotto inchiesta perché l'asturiano ha fatto un sorpasso fantastico su Jean-Eric Vergne che non si aspettava di vederlo arrivare in quel punto, ben oltre il limite del tracciato. La Rossa è anche decollata in piena velocità, ma Fernando non ha rinunciato alla battaglia, mostrando la sua voglia di lottare. E questo è il lato più positivo del week end di Abu Dhabi: Alonso ha esorcizzato una pista a lui negativa con una serie di sorpassi da applauso. Adesso si aspetta la decisione dei commissari sportivi che potrebbe far scivolare lo spagnolo all'ottavo posto. Molto positivo Paul di Resta sesto con la Force India: lo scozzese è stato l'unico insieme al compagno di squadra Adrian Sutil, decimo; a concludere il Gp con una sola sosta ai box, mentre tutti gli altri sono stati costretti alla seconda fermata. In crisi è parso Lewis Hamilton: l'inglese ha accusato un problema al freno posteriore in griglia di partenza e per tutta la gara non ha potuto essere incisivo come è sempre in staccata. La settima posizione ripaga la sua fatica, ma è parso chiaro che l'inglese non aveva il passo per puntare in alto (ha impiegato troppi giri a infilare la Sauber di Esteban Gutierrez perché non aveva velocità massima). Felipe Massa raccoglie un ottavo posto: il brasiliano ha deliziato il pubblico con un splendido sorpasso ai danni di Hamilton, mostrando che la sua motivazione è ancora intatta, ma non ha dato strada al capitano del team nonostante le "sollecitazioni". Un plauso al muretto del Cavallino che, soprattutto con Alonso, ha saputo gestire sapientamente le gomme con una tattica molto efficace. Peccato manchi la consistenza della F138 che ha limiti oggettivi! Sergio Perez continua a infilare punti nel carniere con la deludente McLaren: il messicano è ormai il punto di riferimento della squadra di Woking, visto che Jenson Button sembra orientato verso un ricco pensionamento. L'inglese, invero, è stato subito costretto ai box per l'ala rotta in un contatto, ma non ha mai mostrato un guizzo... Da segnalare anche il drive through inflitto a Nico Hulkenberg per l'uscita pericolosa dalla piazzuola del pit mentre stava arrivando Sergio Perez in accelerazione... Pastor Maldonado è arrivato alla soglia dei punti con la Williams che è tornata a molte soluzioni del 2012 (scarichi centrali senza effetto Coanda e ala anteriore): un passo indietro che sta pagando, visto il disastroso comportamento della FW35. FORMULA 1, Abu Dhabi, 03/11/2013 Classifica finale del Gp di Abu Dhabi 1. Sebastian Vettel - Red Bull-Renault - 55 giri 2. Mark Webber - Red Bull-Renault - +30"8 3. Nico Rosberg - Mercedes - +33"6 4. Romain Grosjean - Lotus-Renault - +34"8 5. Fernando Alonso - Ferrari - +1'07"1 6. Paul di Resta - Force India-Mercedes - +1'18"1 7. Lewis Hamilton - Mercedes - +1'19"2 8. Felipe Massa - Ferrari - +1'22"8 9. Sergio Perez - Sauber-Ferrari - +1'31"1 10. Adrian Sutil - Force India-Mercedes - +1'33"2 11. Pastor Maldonado - Williams-Renault - +1'35"9 12. Jenson Button - McLaren-Mercedes - +1 giro 13. Esteban Gutierrez - Sauber-Ferrari - +1 giro 14. Nico Hulkenberg - Sauber-Ferrari - +1 giro 15. Valtteri Bottas - Williams-Renault - +1 giro 16. Daniel Ricciardo - Toro Rosso-Ferrari - +1 giro 17. Jean-Eric Vergne - Toro Rosso-Ferrari - +1 giro 18. Giedo van der Garde - Caterham-Renault - +1 giro 19. Charles Pic - Caterham-Renault - +1 giro 20. Jules Bianchi - Marussia-Cosworth - +2 giri 21. Max Chilton - Marussia-Cosworth - +2 giri La classifica del Mondiale Piloti: 1. Vettel 347; 2. Alonso 217; 3. Raikkonen 183; 4. Hamilton 175; 5. Webber 166; 6. Rosberg 159; 7. Grosjean 114; 8. Massa 106; 9. Button 60; 10. di Resta 48; 11. Hulkenberg 39; 12. Perez 35; 13. Sutil 29; 14. Ricciardo 19; 15. Vergne 13; 16. Gutierrez 6; 17. Maldonado 1. La classifica del Mondiale Costruttori: 1. Red Bull-Renault 513; 2. Mercedes 334; 3. Ferrari 323; 4. Lotus-Renault 297; 5. McLaren-Mercedes 95; 6. Force India-Mercedes 77; 7. Sauber-Ferrari 45; 8. Toro Rosso-Ferrari 32; 9. Williams-Renault 1.
condivisioni
commenti
Giubilati New Jersey e Messico per il 2014?

Articolo precedente

Giubilati New Jersey e Messico per il 2014?

Prossimo Articolo

Hamilton, un probema ai freni prima del via!

Hamilton, un probema ai freni prima del via!
Carica commenti
Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari Prime

Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari

Nonostante la giovane età Callum Ilott ha vissuto numerose esperienze nel motorsport. Dopo essere stato scaricato da Helmut Marko, l'inglese ha trovato una seconda opportunità con la Ferrari e adesso punta con decisione ad un ruolo da titolare in F1 nel 2022.

F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring Prime

F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring

Piquet, Senna, Schumacher, Vettel... questi sono solo quattro dei tanti nomi che hanno contribuito a fare la storia del Gran Premio d'Ungheria di Formula 1. Riviviamo insieme alcuni degli episodi più significativi della gara ungherese.

Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita Prime

Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita

A Silverstone la Scuderia ha sfiorato una clamorosa vittoria con Charles Leclerc. La SF21 è molto migliorata nella gestione delle gomme Pirelli (specie con la mescola media), ma per estrarre il massimo dalla Rossa i due piloti devono portarla il più avanti possibile in qualifica.

Formula 1
24 lug 2021
F1 2021: piloti dal salotto di casa Prime

F1 2021: piloti dal salotto di casa

Andiamo ad analizzare da vicino F1 2021, il videogame dedicato alla stagione attuale di Formula 1 realizzato da Codemasters

Formula 1
24 lug 2021
Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top

16esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 2).

Formula 1
22 lug 2021
Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia Prime

Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia

La storia della Formula 1 è ricca di incidenti, toccatine maliziose e vere e proprie vendette all'arma bianca entrate nell'immaginario collettivo di chi ama questo sport. E quanto visto domenica a Silverstone tra Hamilton e Verstappen sembra non essere destinato a rimanere un caso isolato...

Formula 1
22 lug 2021
Ceccarelli: "Lewis ha esagerato nel festeggiare con Max in ospedale" Prime

Ceccarelli: "Lewis ha esagerato nel festeggiare con Max in ospedale"

In questo nuovo appuntamento di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli commentano la portata principale offerta dal Gran Premio di Gran Bretagna: Hamilton re di Silverstone, con Max che dal decimo appuntamento della stagione raccoglie solo i tre punti della Sprint Qualifying. Con l'olandese in ospedale, i festeggiamenti del padrone di casa sono stati davvero inopportuni?

Formula 1
21 lug 2021
Hamilton, Verstappen e Wolff: fiera degli errori a Silverstone Prime

Hamilton, Verstappen e Wolff: fiera degli errori a Silverstone

Andiamo ad analizzare in questa puntata de Il Primo degli Ultimi i protagonisti in negativo del Gran Premio di Gran Bretagna di Formula 1. Da un lato, abbiamo Lewis Hamilton che, nonostante la vittoria, perde sul piano morale con festeggiamenti esagerati mentre il rivale è in ospedale. E proprio il rivale, Verstappen, merita comunque un posto in rubrica per non aver ancora chiaro come si vinca un mondiale di F1. E poi c'è Toto Wolff

Formula 1
20 lug 2021