F1: un giudice sospende l'accordo per il GP di San Paolo

L'accordo tra la Formula 1 e il nuovo promoter del GP di San Paolo è stato sospeso temporaneamente da un giudice dopo una azione legale riguardante l'utilizzo di fondi pubblici e la relativa trasparenza del contratto per assicurare ad Interlagos la gara.

F1: un giudice sospende l'accordo per il GP di San Paolo

In dicembre l'AD della F1, Chase Carey, aveva siglato l'accordo di cinque anni con il nuovo promotore della corsa (che non sarebbe più stata GP del Brasile), essendo scaduto quello precedente che aveva stipulato Bernie Ecclestone e che scadeva a fine 2020.

Dopo che i programmi per gareggiare a Rio sono saltati, ecco che il nuovo promoter Brazilian Motorsport si è preso carico dell'organizzazione, dando modo a Carey di continuare il legame con il tracciato di Interlagos.

Alle spalle del tutto c'è il governo di Abu Dhabi con il suo ramo di investimenti Mubadala e a capo del gruppo Alan Adler, ex-velista olimpico che nel paese sudamericano ha già organizzato altre manifestazioni come concerti rock, spettacoli del Cirque du Soleil, tornei PGA e partite pre-campionato di NBA.

Il cambio di denominazione a GP di San Paolo è invece dovuto al sostegno che la città fornirà, seguendo le orme di quanto fatto nel 2020 dalle regioni per le gare di Stiria, Toscana ed Emilia Romagna.

Il supporto economico è quindi venuto alla luce e la città pagherà ogni anno 20 milioni di Real (pari a 3,65 milioni di dollari) per ciascuno dei cinque previsti dal contratto, mentre prima il sostegno era solo legato ai lavori di ristrutturazione e rinnovamento del tracciato.

Venuta alla luce la questione, è partita prima una petizione pubblica, poi una azione legale sostenuta dall'assessore e avvocato locale Rubens Nunes, che ha scritto su Twitter quanto segue.

"La F1 è importante per San Paolo e per il Brasile - sono un fan anche io - ma questo non autorizza la città a stipulare contratti senza un'offerta, in segreto e con una società senza conoscenza della zona, creata solo qualche giorno fa per questo scopo".

Il contratto è stato sospeso dal giudice Emilio Migliano Neto, in attesa di ulteriori indagini.

"I fatti rivelano senza dubbio, almeno in questa fase, che i princìpi trasparenza a livello anche pubblico vengono violati in modo esplicito - spiega - Anche per questo motivo [assenza di offerta] è necessario sospendere l'esecuzione del contratto, per valutare se vi siano effettivamente le risorse per coprire le spese previste dall'accordo sottoscritto".

Le autorità di San Paolo hanno ora cinque giorni di tempo per presentare i relativi documenti.

condivisioni
commenti
Grosjean: ecco com'era l'ustione alla mano sinistra

Articolo precedente

Grosjean: ecco com'era l'ustione alla mano sinistra

Prossimo Articolo

Barilla: “La F1 nel 1989 era violenta: vincevi o eri un fallito”

Barilla: “La F1 nel 1989 era violenta: vincevi o eri un fallito”
Carica commenti
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021