Giovinazzi: quando la pressione (del mercato) esalta il talento

L'italiano ha portato l'Alfa Romeo al settimo posto in griglia nel GP d'Olanda: il pugliese ha estratto il massimo dalla sua C41 nonostante il problema al dado in Q2 che poteva costargli caro. Antonio è parso imperturbabile di fronte alle voci di mercato che lo vogliono in bilico per il 2022: "Ogni anno il mese di settembre diventa difficile per me. Se faccio il mio lavoro so che rimarrò al mio posto, ed è ciò che ho fatto negli ultimi due anni".

Giovinazzi: quando la pressione (del mercato) esalta il talento

Uno degli aspetti più affascinanti dello sport è la possibilità di assistere a grandi rivincite, risposte secche messe nero su bianco in giornate diverse dalle solite.

Antonio Giovinazzi è arrivato a Zandvoort preceduto da voci poco rassicuranti sul suo futuro, rumors che non sono mai il compagno di viaggio più gradito per qualsiasi sportivo, e un pilota di Formula 1 non fa eccezione.

Le animate vicende del mercato piloti 2022 rischiano di innescare un effetto domino che potrebbe coinvolgere anche Giovinazzi, ma per ora si tratta comunque di scenari, e resta il punto fermo che la decisione sul futuro di Antonio sarà presa dall’Alfa Romeo nella sede di Hinwil.

Giovinazzi si è mostrato molto distante rispetto a queste voci, nessun commento e testa bassa in vista del weekend.

Un fine settimana iniziato subito bene, con riscontri incoraggianti nelle prove libere.
“Il passo è stato subito molto buono – ha confermato Antonio – e un pensierino alla Q3 lo avevo fatto”.

Dopo aver concluso al quarto posto la Q1, ci sono però stati attimi di tensione che hanno rischiato di cambiare molto il pomeriggio di Giovinazzi.
“Si è bloccato il dado della ruota anteriore destra – ha spiegato – eh, si, mi è venuto in mente quello che era accaduto a Bottas a Monte Carlo. I ragazzi nel box non si sono arresi, e la bandiera rossa nei minuti finali della Q2 è stata provvidenziale”.

Passato il taglio, in decima posizione, e svitato il dado, Giovinazzi è tornato in pista in Q3 con il sorriso sul volto, sapendo di potersi giocare qualcosa di importante. E così è stato, grazie al settimo tempo finale a 53 millesimi dalla Ferrari di Carlos Sainz.
“Questa pista è fantastica da percorrere su una Formula 1 – ha commentato al termine delle qualifiche – un piccolo errore comporta un grande prezzo da pagare, le barriere sono molto vicine. La macchina è andata bene, e in questi casi ti trasmette la fiducia che serve per andare forte su queste piste”.

Nessuna parola in più, nessun accenno alla sua situazione, fino alla domanda diretta. “Non è una situazione inedita per me – ha commentato – è così dal 2019, il mese di settembre è sempre…piuttosto impegnativo".

"Ma, come ho detto molte volte, se faccio il mio lavoro so che rimarrò al mio posto, ed è ciò che ho fatto negli ultimi due anni. La gara? L'obiettivo principale è mantenere la posizione. Se riusciamo a farcela, sarà fantastico”.

condivisioni
commenti
Ferrari: quel centesimo fa una grande differenza?
Articolo precedente

Ferrari: quel centesimo fa una grande differenza?

Prossimo Articolo

Fotogallery F1: festa "orange" per la pole di Verstappen in Olanda

Fotogallery F1: festa "orange" per la pole di Verstappen in Olanda
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021