Giovinazzi: "Mi auguro di disputare un weekend lineare"

Il pilota italiano è ancora a zero punti nella classifica piloti, ma non per colpa sua: nei primi due GP il pilota Alfa Romeo ha dovuto fare i conti con guai non dipesi da lui, ma Antonio è ottimista per Portimao perché la C41 è sincera e facile da guidare: "Abbiamo il potenziale per andare a punti, serve un weekend senza imprevisti".

Giovinazzi: "Mi auguro di disputare un weekend lineare"

Antonio Giovinazzi sogna un weekend senza imprevisti. Dopo le prime due gare di campionato il pilota dell’Alfa Romeo è uno dei sette a quota zero nella classifica generale, ma è un dato bugiardo se si valuta ciò che si è visto in pista.

In Bahrain era stato un pasticcio della squadra al pit-stop ad estromettere Giovinazzi dalla lotta per la zona punti, mentre ad Imola ha pagato un atteggiamento poco sportivo di Nikita Mazepin in qualifica e, soprattutto, una visiera a strappo finita nella presa d’aria del freno posteriore destro in gara, imprevisto che lo ha costretto ad un pit stop non programmato.

Ma nonostante le disavventure, Giovinazzi è al momento in linea con il ‘target’ della vigilia di campionato, ovvero confermarsi più veloce di Kimi Raikkonen e diventare il punto di riferimento della squadra.
“C’è il disappunto per non aver concretizzato quanto avremmo meritato – ha commentato Antonio alla vigilia della tappa di Portimao – ma allo stesso tempo nei primi due weekend della stagione ci siamo confermati in grado di lottare per la zona punti, e spero che questo dato possa essere confermato anche nelle prossime gare".

"È incoraggiante, ma nel fine settimana che inizia domani spero non ci siano imprevisti e che si possa tornare a casa con dei punti, perché alla fine è l’unica cosa che conta”.

“Quella di Portimao è una pista con caratteristiche un po' diverse rispetto a Bahrain e Imola – ha sottolineato Giovinazzi – ma abbiamo una monoposto che rispetto allo scorso anno è molto più facile da guidare, e questo dà molta fiducia".

"Ovviamente non possiamo sapere ora se saremo in grado di concludere in zona punti, ma credo che ci sia il potenziale per farlo, ho un buon feeling. Spero però di avere un weekend lineare, senza imprevisti e senza sfortuna”.

condivisioni
commenti
Che lavoro facevano i piloti di Formula 1?
Articolo precedente

Che lavoro facevano i piloti di Formula 1?

Prossimo Articolo

Russell: "A Imola ho fatto una brutta figura. Mi sono scusato"

Russell: "A Imola ho fatto una brutta figura. Mi sono scusato"
Carica commenti
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021