Fra Mercedes e Red Bull inversione dei ruoli al Paul Ricard?

Horner, dopo la pole di Verstappen, sintetizza: “Vediamo come andrà domani, ma se possiamo battere la Mercedes su questa pista allora possiamo batterla ovunque”. Il team principal Red Bull è consapevole che in Francia si stia registrando un qualcosa di importante nella sfida alla Mercedes. Ma l'esperienza di Brackley non va sottostimata e la controprova la si avrà solo domani in gara. Ecco gli ingredienti di una battaglia entusiasmante.

Fra Mercedes e Red Bull inversione dei ruoli al Paul Ricard?

“Vediamo come andrà domani, ma se possiamo battere la Mercedes su questa pista allora possiamo batterla ovunque”. L’euforia del dopo qualifica, che ha visto Max Verstappen conquistare la seconda pole position stagionale, ha contagiato Christian Horner, che per l’occasione non ha usato mezzi termini per descrivere la portata dell’impresa della Red Bull.

E, dati alla mano, Horner ha ragione. Il ritorno su un circuito permanente, dopo le tappe cittadine di Monaco e Baku, poteva far pensare che si sarebbe ripartiti dai verdetti di Barcellona, ovvero da una Mercedes capace di fare la… Mercedes, ed anche la stessa Red Bull al Paul Ricard era pronta a giocare in difesa, conscia di essere su una pista che nelle recenti edizioni del Gran Premio di Francia ha sempre visto il team campione del mondo dominare dall’alto di una superiorità assoluta.

Alla luce dei verdetti emersi oggi la realtà che emerge è un’altra, e se sarà confermata al termine dei 53 giri in programma domani sarà uno spartiacque importante in ottica Mondiale.

L’analisi di Horner è fondata, perché il margine confermato oggi in qualifica da Verstappen è probabilmente quello che la Mercedes pensava alla vigilia del weekend di poter confermare sull’olandese.

Gli ingredienti per certificare un ribaltone tecnico ci sono tutti, come confermano anche i dati emersi dalle qualifiche. Il margine sul giro (0”258) non è poca cosa, così come i 0”161 confermati nel terzo settore, il tratto guidato del Paul Ricard.

“È stata molto importante la decisione di togliere un po' di carico aerodinamico – ha confermato Horner – lo potete vedere facilmente confrontando le dimensioni della nostra ala posteriore con quella utilizzata dalla Mercedes".

"Abbiamo ridotto il drag sul secondo settore, mantenendo comunque una buona velocità nel terzo, un equilibrio cruciale su questa pista come conferma anche la quarta posizione di Checo. Ovviamente la conferma arriverà domani, ma siamo fiduciosi nella bontà del lavoro che abbiamo svolto finora”.

Hamilton e Bottas (tornato su livelli di performance importanti questo weekend) hanno dato l’impressione di poter insidiare la Red Bull nei primi due settori, ma nel tratto tra la curva 9 e la 11 Verstappen ha confermato tutti i giri un’importante differenza di passo.
“Abbiamo visto molte volte quest'anno che il nostro passo di gara è migliore rispetto a quello in qualifica – ha commentato il responsabile delle operazioni in pista della Mercedes, Andrew Showlin - e abbiamo dimostrato che possiamo vincere le gare anche partendo da inseguitori, quindi siamo ancora ottimisti sul fatto che domani lotteremo per il successo”.

Uno scenario possibile, ma a giudicare dall’euforia confermata dagli uomini della Red Bull non sembra un’impresa facile.
“Questo risultato ci dà fiducia – ha proseguito Horner – vediamo come va domani ma questa pista è sempre stata una roccaforte Mercedes negli ultimi anni. Se possiamo batterli qui, allora possiamo davvero batterli ovunque, quindi c'è molto in gioco”.

Oltre ai punti di tappa, e al significato che una vittoria Red Bull avrebbe sul fronte tecnico in prospettiva, c’è anche l’aspetto psicologico, che non deve essere giudicato secondario. Al termine delle qualifiche le telecamere hanno fotografato molto bene i verdetti della pista. Mentre il box Red Bull è esploso di gioia con meccanici e ingegneri abbracciati ed esultanti, nel garage adiacente i tecnici si sono scambiati un ‘pugno’. L’aria è cambiata, ed anche in modo repentino ed imprevisto.

“Nel nostro caso abbassare il carico funzionato non sarebbe stata la soluzione dei problemi – ha commentato Toto Wolff difendendo le scelte del suo staff tecnico – nelle simulazioni i risultati sono stati chiari e nel nostro caso la performance sarebbe stata più lenta. Non ci siano stati problemi sul fronte della velocità di punta, ma siamo convinti che se avessimo ridotto l’ala avremmo pagato molto nei tratti guidati".

"La sfida con Red Bull? Abbiamo avuto sette anni fantastici, e nessuno è stato facile. Questa sfida è solo un nuovo livello, ed è fantastica, ma non è una sfida a Christian (Horner), non è quello il mio obiettivo”.

Una sfida appassionante, quella tra Red Bull e Mercedes, in parte prevedibile ma non nei ruoli: nessuno poteva immaginare che il team campione del Mondo dopo sette anni si sarebbe trovato nell’inedito ruolo di inseguitore.

condivisioni
commenti
Bobbi: "I progressi di Lewis guidati dal box"

Articolo precedente

Bobbi: "I progressi di Lewis guidati dal box"

Prossimo Articolo

Ferrari, Mekies soddisfatto: "Siamo davanti agli avversari diretti"

Ferrari, Mekies soddisfatto: "Siamo davanti agli avversari diretti"
Carica commenti
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021
Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA Prime

Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA

Emerson Fittipaldi non è stato soltanto uno dei più grandi talenti mai apparsi in Formula 1, ma ha scritto pagine di storia indelebili anche in IndyCar. Nigel Roebuck ne ripercorre la carriera attraverso le parole del brasiliano.

Formula 1
16 set 2021
Federica Masolin: "Amore per lo sport grazie alla...gelosia" Prime

Federica Masolin: "Amore per lo sport grazie alla...gelosia"

In questa nuova puntata de "Il Rosa dei Motori", Beatrice Frangione intervista Federica Masolin, giornalista e presentatrice della Formula 1 di Sky Sport. Federica si racconta, ripercorrendo gli anni di una carriera in giro per il mondo, di una vita piena di passioni e viaggi. Da piccola, il suo desiderio era diventare una rockstar. Poi, l'amore per lo sport le ha fatto cambiare idea...

Formula 1
16 set 2021
Ceccarelli: “Fra Max e Lewis vedremo altri contatti” Prime

Ceccarelli: “Fra Max e Lewis vedremo altri contatti”

Torna la rubrica del mercoledì mattina firmata Motorsport.com. In quest puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli tornano a parlare di quanto successo a Monza tra Lewis Hamilton e Max Verstappen. Non è la prima volta che i due vanno a contatto e non sarà nemmeno l'ultima, secondo Ceccarelli...

Formula 1
15 set 2021