Formula 1
03 lug
-
05 lug
Evento concluso
10 lug
-
12 lug
Prove Libere 3 in
08 Ore
:
56 Minuti
:
19 Secondi
G
GP 70° Anniversario
07 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
26 giorni
G
GP del Messico
30 ott
-
01 nov
FP1 in
111 giorni
G
GP del Brasile
13 nov
-
15 nov
FP1 in
125 giorni
G
GP da Abu Dhabi
27 nov
-
29 nov
FP1 in
139 giorni

Formula 1: 19 Gran Premi nell'ultima bozza del calendario 2020

condivisioni
commenti
Formula 1: 19 Gran Premi nell'ultima bozza del calendario 2020
Di:
Co-autore: Adam Cooper
14 mag 2020, 17:10

Liberty Media sta cercando di avere una stagione più ricca possibile con doppi appuntamenti e recuperi. Salterebbero definitivamente Olanda e Canada, dubbi su Baku, Austin e Vietnam, Hockenheim riserva pronta.

Come avevamo anticipato qualche giorno fa, Liberty Media sta cercando di arrivare al definitivo elenco di gare che andranno a comporre la stagione 2020 di Formula 1, martoriata dall'epidemia di Coronavirus.

Nell'ultima bozza di cui si è parlato i Gran Premi diverrebbero addirittura 19, dunque uno in più rispetto a quelli che si augurava Chase Carey, il quale ha sempre detto che sarebbe stato felice di organizzarne 15-18.

Nonostante si sia sempre lavorato dietro le quinte per il ritorno di Zandvoort, le restrizioni dovute al Covid-19 e altri problemi organizzativi impedirebbero all'Olanda di essere fra gli appuntamenti, così come Singapore.

Entrambe le gare sono in odore di cancellazione definitiva, andando ad aggiungersi a quelle di Australia, Monaco, Francia e Canada, che rivedremo solo nel 2021.

"Allo stato attuale sembra che si vada verso lo spostamento al 2021 per Zandvoort - ha ammesso un portavoce dell'evento a Motorsport.com - Ancora non è ufficiale, la speranza è comunque di avere un vaccino e che le cose si sistemino".

Per quanto riguarda altre tappe, sembra che i promoter abbiano preferito cercare di portare avanti la questione evitando di dover incorrere in pagamenti di multe salatissime per la cancellazione.

Come noto, per il momento i piani sono di cominciare a porte chiuse in Austria col doppio appuntamento del Red Bull Ring, seguito dalle due gare di Silverstone; nel Regno Unito ci sono però ancora parecchi dubbi sulle possibilità di svolgere un evento del genere (anche senza pubblico), per cui si sta pensando ad una sostituzione con Hockenheim, che già si era offerta di ospitare il circus.

Ad agosto l'Ungheria proverà a mantenere il suo impegno, mentre la Spagna sta cercando di recuperare il suo GP subito prima di Belgio e Italia con preferenza fine mese, come ha confermato a Motorsport.com una fonte di Barcellona.

A Monza terminerebbe il tour Europeo, trasferendosi poi in Azerbaijan (che eredita la data di Singapore), seppur da Baku facciano presente che bisogna chiarire la situazione legata al Covid-19 prima di allestire il tracciato cittadino.

"Non possiamo impegnarci ufficialmente ad ospitare la gara fino a quando non sarà chiaro il tutto legato al Coronavirus", ha ammesso il promoter Arif Rahimov a Motorsport.com.

Dopo Baku c'è la Russia a fine settembre, proseguendo con Cina e Giappone in ottobre assieme agli Stati Uniti. Austin però è ancora in dubbio per via del pagamento che l'autodromo effettua per avere la F1, utilizzando i fondi che lo stato del Texas ricava in parte dai visitatori, il che non avrebbe molto senso pensando ad una gara a porte chiuse.

Per conlcudere, trasferte in Messico e Brasile in novembre, mese nel quale si farà un tentativo di recupero anche della novità del Vietnam, anticipando il finale caratterizzato dalla doppia gara in Bahrain e quella conclusiva di Abu Dhabi.

Calendario 2020 di F1, ultima bozza

5 luglio: Red Bull Ring
12 luglio: Red Bull Ring "2"
26 luglio: Silverstone (o Hockenheim)
2 agosto: Silverstone "2" (o Hockenheim)
9 agosto: Hungaroring
23 agosto: Barcellona
30 agosto: Spa-Francorchamps
6 settembre: Monza
20 settembre: Baku
27 settembre: Sochi
4 ottobre: Shanghai
11 ottobre: Suzuka
25 ottobre: Austin
1 novembre: Messico
8 novembre: Interlagos
22 novembre: Vietnam
29 novembre: Bahrain
6 dicembre: Bahrain "2"
13 dicembre: Abu Dhabi

Prossimo Articolo
Binotto: "Il budget cap non limiterà ricerca e innovazione"

Articolo precedente

Binotto: "Il budget cap non limiterà ricerca e innovazione"

Prossimo Articolo

Binotto ammette: "La Ferrari guarda all'Indycar"

Binotto ammette: "La Ferrari guarda all'Indycar"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Autore Francesco Corghi