FIA aspetta i dati dell'ERS poi vieta il "quali mode"?

I tecnici FIA hanno il sospetto che ci sia chi in F1 stia abusando dell'energia elettrica in qualifica, mandando false informazioni ai sensori destinati alle letture dei commissari federali. Per questo ha chiesto ai Costruttori di fornire entro venerdì gli schemi dell'ERS, mentre i team vogliono conoscere al più presto la Direttiva Tecnica che vieterà il "party mode" in qualifica da Spa. Due esigenze che non si possono conciliare fra loro, perché...

FIA aspetta i dati dell'ERS poi vieta il "quali mode"?

C’è una data: 21 agosto 2020. Entro venerdì i quattro Costruttori di motori di F1 (Mercedes, Ferrari, Honda e Renault) dovranno consegnare alla FIA gli schemi di funzionamento del sistema ERS e dei collegamenti elettrici fra MGU-K e MGU-H per ottemperare alla direttiva tecnica della FIA TD/36 – 20 che è stata emanata in occasione del GP 70° anniversario a Silverstone.

Il dubbio dei tecnici FIA è che ci possa essere chi stia violando la portata di energia elettrica in qualifica mandando, pare, falsi segnali ai sensori di lettura della Federazione e potendo contare su una potenza extra dal sistema ERS.

La successiva lettera del segretario generale della Federazione Internazionale, nella quale si anticipava che dal GP del Belgio a Spa sarebbe stato vietato il “party mode”, vale a dire l’uso della mappa da qualifica per il motore, si legherebbe in modo diretto all’ultima TD, tanto che le squadre sarebbero costrette a usare la stessa configurazione elettronica sia per il giro secco del sabato che per la gara.

Insomma ci sarebbe chi continua a fare il furbo e la FIA sta cercando il modo di farli venire allo scoperto con controlli sempre più stringenti. Ci sono due sensori che misurano i flussi di energia elettrica in entrata e in uscita dalla batteria e dalla MGU-K.

Questi strumenti devono trasmettere i dati all’acquisizione dati della FIA per monitorare che l’energia erogata dalla MGU-K sia conforme ai regolamenti (non più di 120 kW, pari a 163 cv). E nella direttiva si specifica che chi altera intenzionalmente quelle misurazioni è colpevole di gravi violazione, spazzando via alcune zone grigie delle norme, come andiamo sostenendo su Motorsport.com.

Le squadre sono state invitate a collaborare e non è escluso, quindi, che ci saranno controlli sul sistema ERS mentre le monoposto saranno ai box a Spa-Francorchamps. L’ultima direttiva tecnica, quindi, avrebbe ispirato la successiva lettera che bandirà dal Belgio il “party mode”.

Toto Wolff, team principal Mercedes, è sicuro che i motori della W11 non patiranno alcun effetto negativo dal provvedimento, lasciando intendere che non è Brackley che potrebbe avere delle ripercussioni dal provvedimento, mentre altri invocano la diramazione della nuova TD per intervenire sulle mappature affinché i motori non debbano soffrire in certe situazioni (safety car, bagnato, risparmio carburante, surriscaldamenti ecc.) per le quali godevano di regolazioni specifiche.

Si è aperto un vero vaso di Pandora sulle power unit: la FIA intende agire confidando che la variazione delle mappature contravvenga il fatto che i piloti non posso ricevere degli aiuti alla guida, sebbene il “party mode” sia una funzione attiva dal 2014, anno di introduzione dei motori ibridi.

La FIA, quindi, fa bene ad andare avanti con le sue indagini se ha il dubbio che ci sia qualcuno che aggiri le norme per migliorare le prestazioni. La sensazione è che i Costruttori spingano per conoscere i vincoli del divieto al “party mode” il più rapidamente possibile, mentre la FIA avrebbe interesse a guardare prima i file che arriveranno dai motoristi venerdì e deliberare solo dopo la tanto attesa TD. Entrambe le parti portano avanti richieste condivisibili…

condivisioni
commenti
Monza: tifosi virtualmente in tribuna per beneficenza
Articolo precedente

Monza: tifosi virtualmente in tribuna per beneficenza

Prossimo Articolo

Ferrari: firmato il nuovo Patto della Concordia

Ferrari: firmato il nuovo Patto della Concordia
Carica commenti
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021