Ferrari: Vettel troppo lento diventa un caso

Il tedesco anche nella seconda gara a Silverstone non è riuscito a superare la barriera della Q2: Sebastian non riesce a interpretare la SF1000 come fa Charle Leclerc, rivelando una grande difficoltà nello sfruttare una Rossa molto scarica (ma meno della scorsa settimana). Vettel è arrivato ai titoli di coda oppure ha bisogno di cambiare aria per ritrovare le motivazioni?

Ferrari: Vettel troppo lento diventa un caso

“Ho dato tutto quello che avevo, ed è tutto ciò che si poteva spremere da questa macchina”. Queste le parole che Sebastian Vettel ha pronunciato mentre rientrava in pit-lane al termine della sessione Q2, quella che il tedesco non è riuscito a superare.

C’è qualcosa che non torna, perché se da una parte ormai è chiaro che al progetto SF1000 non si può chiedere di puntare al podio (se non in circostanze straordinarie), dall’altra è difficile capire perché c’è chi galleggia, come Charles Leclerc, e chi invece, come Seb, rischia di andare a fondo.

Ci sono piloti che guidano sopra i problemi (Fernando Alonso è un esponente assoluto in questa categoria) e chi i problemi preferirebbe risolverli, categoria a cui appartiene Vettel, ma quando soluzioni nell’immediato non ce ne sono, accade quello che stiamo vedendo a Silverstone da dieci giorni.

Era dal 2014 che Seb non mancava per due volte la Q3, e forse non è un caso, perché in quella stagione il tedesco soffrì parecchio l’arrivo in Red Bull del giovane Daniel Ricciardo, e lentamente si staccò dalla squadra fino al divorzio che arrivò nel mese di settembre.

Per un pilota perdere la fiducia vuol dire molto, soprattutto quando in pista non hai a disposizione una monoposto di vertice, situazione che oggi vivono sia Vettel che Leclerc.

La SF1000 ha un problema (non l’unico) a cui Seb è particolarmente allergico, e si manifesta con la perdita del posteriore.

Leclerc riesce a sopperire, Seb meno, e la differenza oggi a Silverstone è stata certificata dal cronometro in tre decimi di secondo. Il problema per Vettel è che in quel margine si sono infilati Verstappen, Norris e Ocon, lasciando la Ferrari numero 5 fuori dalla Q3.
“È deludente vedere questo margine”, ha ammesso Seb con onestà, confermando che la sua squadra di tecnici ha lavorato molto tra ieri e oggi migliorando la guidabilità ma non la performance.

Il Mondiale 2020 è alla vigilia della quinta tappa stagionale, e per Vettel potrebbero presentarsi opportunità per lasciare un ultimo segno importante nella sua avventura ferrarista, ma oggi è uno scenario difficile anche da immaginare.

Così come sembra essere un ricordo lontano il Sebastian Vettel sorridente, con quell’indice puntato verso il cielo che alla fine è stato amato anche dai tifosi ferraristi. C’è chi vede in questo Vettel un pilota ai titoli di coda, ma rischia di essere un pronostico errato, perché non è detto che si tratti della sigla finale.

Oggi Seb non si sente più al suo posto, in quell’ambiente che aveva costruito a partire dal 2015, quando era arrivato a Maranello per iniziare il periodo post-Alonso.

Quel box che era casa sua oggi guarda altrove, tra mille problemi da risolvere in vista di un futuro di cui Seb non fa più parte. Vettel ha bisogno di cambiare aria per ritrovare sé stesso e per ricominciare un nuovo ciclo della sua carriera, un percorso che oggi stagna sui titoli di coda rossi illuminati da una luce fioca che nulla a che fare con i potenti riflettori di sei anni fa. Le storie iniziano e terminano, fa parte dello sport e della vita.

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
1/15

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari passeggia sulla pista con i suoi ingegneri
Sebastian Vettel, Ferrari passeggia sulla pista con i suoi ingegneri
2/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, alza della polvere e scintille
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, alza della polvere e scintille
3/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
4/15

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

L'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, sul carroattrezzi dopo i problemi tecnici
L'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, sul carroattrezzi dopo i problemi tecnici
5/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

L'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, sul carroattrezzi dopo i problemi tecnici
L'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, sul carroattrezzi dopo i problemi tecnici
6/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
7/15

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
8/15

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 si ritira dalla sessione
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 si ritira dalla sessione
9/15

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 si ritira dalla sessione
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 si ritira dalla sessione
10/15

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

I meccanici della Ferrari con l'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, dopo i problemi tecnici
I meccanici della Ferrari con l'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, dopo i problemi tecnici
11/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

I meccanici della Ferrari con l'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, dopo i problemi tecnici
I meccanici della Ferrari con l'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, dopo i problemi tecnici
12/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

L'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, sul carroattrezzi dopo i problemi tecnici
L'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, sul carroattrezzi dopo i problemi tecnici
13/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

L'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, sul carroattrezzi dopo i problemi tecnici
L'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, sul carroattrezzi dopo i problemi tecnici
14/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
15/15

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Leclerc: "Peggiorati? No, questo è il nostro vero valore"
Articolo precedente

Leclerc: "Peggiorati? No, questo è il nostro vero valore"

Prossimo Articolo

Vettel: "Miglioro e non si vede. E' come andare contro a un muro"

Vettel: "Miglioro e non si vede. E' come andare contro a un muro"
Carica commenti
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021