Ferrari: Vettel non aveva visto il pannello luminoso

Al tedesco era sfuggito il pannello di segnalazione luminoso che ha anticipato di un giro la fine del GP del Giappone: "Sarebbe giusto che comunque la corsa finisca con una bandiera a scacchi. Sul display era indicato che mancava un giro e nel dubbio ho preferito non rallentare".

Ferrari: Vettel non aveva visto il pannello luminoso

Nessuno dei piloti Ferrari aveva visto il pannello che si è illuminato con la bandiera a scacchi un giro prima della distanza prevista nel GP del Giappone, tanto che Sebastian Vettel e Charles Leclerc, consigliati via radio dalla squadra, hanno continuato a tirare anche nel 53esimo giro di gara, nonostante la corsa sia stata dichiarata conclusa al passaggio della 52esima tornata.

Le regole sportive della F1 stabiliscono che se la bandiera a scacchi dovesse essere agitata prima che la macchina al comando della corsa abbia completato il numero di giri previsto, la gara si considererà terminata quando la vettura di testa avrà taagliaato il traguardo dopo aver visto la segnalazione.

Motorsport.com ha chiesto a Sebstian Vettel cosa abbia pensato a Suzuka e scherzando il tedesco ha ammesso che "…non ero il solo a sperare che la gara finisse presto” dal momento che il ferrarista, secondo, era braccato dalla Mercedes di Lewis Hamilton...

"Dal punto di vista del pilota la situazione era molto chiara visto che non c'era una bandiera a scacchi - ha detto il pilota Ferrari – abbiamo la tabella che ci fornisce le informazioni sui giri ancora da percorrere, e anche sul display del volante possiamo vedere quanti giri mancano alla fine”.

"Ho visto che mancava una tornata, mentre via radio ho ricevuto la chiamata che mi diceva che sarebbe stato l'ultimo giro, insomma c'era un po’ di confusione perché era stato acceso un pannello luminoso in anticipo e nel dubbio ci hanno detto di continuare”.

"Non sapevo cosa fosse successo, ma in macchina non c’è stato alcun problema perché si è vista sventolare una bandiera a scacchi".

Vettel ha affermato che la bandiera a scacchi è il segnale che ai piloti indica la fine della corsa…
"Abbiamo avuto un problema in Canada l’anno scorso quando la bandiera era stata sventolata troppo presto. Ora, da quello che ho capito, conta anche se viene acceso un pannello. Ma penso che dovrebbe essere comunque seguito dall'esposizione di una bandiera a scacchi. Quindi se c’è uno sbaglio, noi piloti sappiamo che dobbiamo rallentare perché vediamo la bandiera a scacchi”.

Mattia Binotto, ha spiegato che la Ferrari ha immediatamente incaricato i suoi piloti di continuare a correre fino alla fine del giro l’esposizione della bandiera a scacchi sul pannello luminoso.

"Il fatto non ha condizionato il risultato - ha detto Binotto – ma c’è qualcosa da rivedere con la FIA sul versante del regolamento sportivo, per migliorare in futuro".

I semafori e la bandiera a scacchi segnalano la fine della gara
I semafori e la bandiera a scacchi segnalano la fine della gara
1/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
2/13

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari
3/13

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Il vincitore della gara Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 e Sebastian Vettel, Ferrari, festeggiano sul podio con lo champagne
Il vincitore della gara Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 e Sebastian Vettel, Ferrari, festeggiano sul podio con lo champagne
4/13

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
5/13

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
6/13

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari
7/13

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari festeggia sul podio con il trofeo
Sebastian Vettel, Ferrari festeggia sul podio con il trofeo
8/13

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
9/13

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari
10/13

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
11/13

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
12/13

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Meccanici della Ferrari preparano l'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF90, in garage
Meccanici della Ferrari preparano l'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF90, in garage
13/13

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Regole 2021: si è cercato un compromesso in alto

Articolo precedente

Regole 2021: si è cercato un compromesso in alto

Prossimo Articolo

“Ayrton Magico, l'anima oltre i limiti” in mostra al Museo Costa di Imola

“Ayrton Magico, l'anima oltre i limiti” in mostra al Museo Costa di Imola
Carica commenti
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021
Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA Prime

Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA

Emerson Fittipaldi non è stato soltanto uno dei più grandi talenti mai apparsi in Formula 1, ma ha scritto pagine di storia indelebili anche in IndyCar. Nigel Roebuck ne ripercorre la carriera attraverso le parole del brasiliano.

Formula 1
16 set 2021
Federica Masolin: "Amore per lo sport grazie alla...gelosia" Prime

Federica Masolin: "Amore per lo sport grazie alla...gelosia"

In questa nuova puntata de "Il Rosa dei Motori", Beatrice Frangione intervista Federica Masolin, giornalista e presentatrice della Formula 1 di Sky Sport. Federica si racconta, ripercorrendo gli anni di una carriera in giro per il mondo, di una vita piena di passioni e viaggi. Da piccola, il suo desiderio era diventare una rockstar. Poi, l'amore per lo sport le ha fatto cambiare idea...

Formula 1
16 set 2021
Ceccarelli: “Fra Max e Lewis vedremo altri contatti” Prime

Ceccarelli: “Fra Max e Lewis vedremo altri contatti”

Torna la rubrica del mercoledì mattina firmata Motorsport.com. In quest puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli tornano a parlare di quanto successo a Monza tra Lewis Hamilton e Max Verstappen. Non è la prima volta che i due vanno a contatto e non sarà nemmeno l'ultima, secondo Ceccarelli...

Formula 1
15 set 2021