Ferrari: un sestetto di tecnici in attesa del Direttore Tecnico

Basta aprire il sito ufficiale della Ferrari per vedere che ora ci sono ben sei direttori tecnici nella Gestione Sportiva. Non è il ritorno a una struttura orizzontale, ma la preparazione a un cambiamento che è atteso per settembre quando a Maranello dovrebbe arrivare il nuovo DT, in tempo per dare il via alla Rossa del 2022, la monoposto che dovrebbe aprire un nuovo ciclo per il Cavallino. Ma chi sarà questo volto nuovo?

Ferrari: un sestetto di tecnici in attesa del Direttore Tecnico

Uno per sei. Tutti per uno? È durata una settimana o poco più la ristrutturazione della Ferrari con uno schema verticale. Come avevamo intuito, a Enrico Cardile, messo a capo della nuova struttura Performance Development, non è stata affidata una maggiore responsabilità dopo la ristrutturazione annunciata qualche giorno fa, come era stato lasciato intendere, ma anzi l’ingegnere toscano è stato riallineato ad altri colleghi.

Il ruolo di Direttore Tecnico al quale Mattia Binotto ha rinunciato dal 2019 (quando lo scrivemmo eravamo stati smentiti, salvo ricevere una conferma recentemente) è stato ora ripartito su sei persone. Per cui adesso a Maranello c’è una sorte di "torre di Babele" tecnica.

Basta aprire il sito ufficiale del Cavallino per scoprire che è addirittura apparsa la definizione di Direttori Tecnici.

Quello che è un ruolo di comando fondamentale nella gestione di una squadra, dove serve rapidità di decisione, è ora gestito da un pool: Enrico Cardile (capo di Performance Development), Enrico Gualtieri (motori), Matteo Togninalli (responsabile ingegneri di pista), Laurent Mekies (direzione sportiva), Simone Resta (capo dell’area telaio) e Inaki Rueda (responsabile della strategia).

Insomma, la ristrutturazione ha come effetto solo lo spostamento di pedine, ma nella sostanza cambia poco nel sistema della Scuderia. Non è chiaro, infatti, chi sia a prendere l’ultima decisione in materia tecnica. Perché se i sei devono comunque riferire a Binotto non è proprio cambiato niente.

E, allora, diventa evidente anche a un bambino che si è creato uno cuscinetto fra il team principal e i responsabili delle singole aree della Gestione Sportive per poter inserire un vero direttore tecnico che prenda per mano il Reparto Corse in vista del 2022, vale a dire in tempo per la rivoluzione regolamentare che porterà la F1 ad avere le monoposto a effetto suolo.

La nuova figura (c’è chi mormora il nome di James Key, dt della McLaren, già chiacchierato qualche anno fa) dovrebbe entrare a far parte dell’organico entro la fine di settembre in modo da mettere in moto da gennaio la progettazione della Ferrari per il 2022. Non ci sorprenderemmo affatto se approdassero a Maranello altre due o tre figure pronte a iniettare idee e concetti nuovi in uno staff che dovrà avere l’ambizione di riaprire un ciclo importante.

A livello di strutture, con il completamento del nuovo simulatore che arriverà a essere operativo in tempo per far nascere la macchina 2022, la Ferrari non avrà niente da invidiare a Mercedes e Red Bull Racing.

Settembre diventerà un mese cruciale perché la difficile riorganizzazione passa anche attraverso lo snellimento del personale nella Scuderia a causa dell’introduzione del Budget cap che impone una drastica riduzione dell’organico (si parla di 300 persone).

Nessuno si trasformerà in un esubero, ma tutti saranno ricollocati: in Gestione Industriale, dove sono previste molte assunzioni per far fronte all’aumento della produzione, o nel nuovo programma sportivo (Le Mans o Indycar) che dovrà essere discusso prima dell’inizio dell’autunno.

Binotto, alle prese con una SF1000 che delude le aspettative, sta facendo un grosso lavoro subacqueo che dovrebbe dare i suoi frutti nei prossimi mesi. Nel frattempo bisognerà accontentarsi di ciò che passa il convento.

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, nella conferenza stampa dei Team Principal
Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, nella conferenza stampa dei Team Principal
1/15

Foto di: FIA Pool

Dettagli dell'ala posteriore della Ferrari SF1000
Dettagli dell'ala posteriore della Ferrari SF1000
2/15

Foto di: Giorgio Piola

Charles Leclerc, Ferrari nel Parc Ferme
Charles Leclerc, Ferrari nel Parc Ferme
3/15

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, nel Parc Ferme dopo la qualifica
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, nel Parc Ferme dopo la qualifica
4/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
5/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Dettagli delle pance della, Ferrari SF1000 , di Sebastian Vettel
Dettagli delle pance della, Ferrari SF1000 , di Sebastian Vettel
6/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari passeggia sulla pista con i suoi ingegneri
Sebastian Vettel, Ferrari passeggia sulla pista con i suoi ingegneri
7/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Laurent Mekies, Direttore Sportivo, Ferrari
Laurent Mekies, Direttore Sportivo, Ferrari
8/15

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Il posteriore della Ferrari SF1000
Il posteriore della Ferrari SF1000
9/15

Foto di: Giorgio Piola

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
10/15

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sparks kick up from Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sparks kick up from Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
11/15

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
12/15

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
13/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, precede Alex Albon, Red Bull Racing RB16 e Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, precede Alex Albon, Red Bull Racing RB16 e Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
14/15

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, ai box
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, ai box
15/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

condivisioni
commenti
McLaren: il terzo pilota diventa Paul di Resta
Articolo precedente

McLaren: il terzo pilota diventa Paul di Resta

Prossimo Articolo

F1: si lavora ad un calendario "standard" per il 2021

F1: si lavora ad un calendario "standard" per il 2021
Carica commenti
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021