Ferrari: test di aero a Imola con Leclerc sulla SF71H

La Scuderia ha programmato due giorrni di test con la monoposto 2018 all'Enzo e Dino Ferrari per effettuare delle comparazioni fra la pista e i sistemi virtuali (vecchio e nuovo simulatore). Il lavoro di Leclerc è stato bloccato da un problema alla trasmissione, ma il monegasco girerà pomeriggio per confrontare i dati con quelli di Fuoco che sarà contemporaneamente sul "ragnetto". Il tester domani sarà in pista alternandosi con Sainz.

Ferrari: test di aero a Imola con Leclerc sulla SF71H

Sebbene ci sia una propaggine dell’estate in questo caldo mese di settembre, la Ferrari non è stata fortunata: la Scuderia a Imola ha trovato una fastidiosa pioggerella che ha reso viscida la pista dell’Enzo e Dino Ferrari dove è in azione Charles Leclerc da questa mattina con la SF71H, vale a dire la monoposto che di tanto in tanto la squadra di Maranello utilizza per allenare i piloti o per valutare delle soluzioni.

A metà mattinata i pochi run conclusi dal pilota monegasco sono stati interrotti da uno stop alla Variante Alta, rinominata proprio nel weekend scoso la chicane Gresini. Leclerc ha dovuto accostare per un problema meccanico ed è stato necessario caricare la Rossa su un carro attrezzi per provvedere alla riparazione nei box.

Stando alle indiscrezioni c’è chi ha creduto che a cedere sia stata la power unit, lasciando intendere che sulla SF71H fosse montato il nuovo sistema ibrido che verrà omologato a Istanbul o al più tardi ad Austin, quando la Ferrari farà debuttare il motore 4 dotato anche di nuovo olio e nuova benzina Shell.

A quanto è dato sapere a Motorsport.com il cedimento che ha fermato la Ferrari non riguarda il motore, ma la trasmissione che è stata sostituita, in modo da riprendere il lavoro nel pomeriggio, tanto più che sono anche migliorate le condizioni meteo che hanno permesso al manto asfaltato di asciugarsi.

Gli appassionati avranno modo di osservare Charles Leclerc in azione e l’unica differenza che potranno notare sarà la differente configurazione di due ali che negli ultimi appuntamenti hanno dato esiti piuttosto discordanti rispetto ai numeri emersi in galleria del vento e al simulatore.

Il test, quindi, riguarda di più l’aerodinamica e la sua correlazione con i sistemi di simulazione. Domani sarà il turno di Carlos Sainz: lo spagnolo rileverà il compagno di squadra, ma nei piani di lavoro ci sarà anche Antonio Fuoco, pilota GT che questa mattina era impegnato proprio al simulatore per confrontare in tempo reale i dati virtuali con quelli della pista.

La squadra del Cavallino, quindi, nel test può trovare delle risposte ai quesiti aerodinamici, ma nel frattempo può verificare anche qual è la soglia di correlazione del nuovo simulatore che è in avanzata fase di messa a punto a Maranello. La power unit 065/6 evo, intanto, gira al banco, ma non si è ancora vista in pista perché manca la delibera dell’affidabilità...

 

condivisioni
commenti
McLaren: Jonathan Neale lascia l'azienda dopo 20 anni

Articolo precedente

McLaren: Jonathan Neale lascia l'azienda dopo 20 anni

Prossimo Articolo

Monchaux: "Cofano motore e pance Alfa 2022 molto diverse"

Monchaux: "Cofano motore e pance Alfa 2022 molto diverse"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021