F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Ferrari: sul fondo si sono moltiplicati i soffiaggi

La squadra del Cavallino ha introdotto nel GP di Stiria un nuovo fondo caratterizzato da nove soffiaggi aperti a 45 gradi davanti alle ruote posteriori. Sulla Sf1000 si è ripreso un concetto della Mercedes per poter scaricare le ali.

Ferrari: sul fondo si sono moltiplicati i soffiaggi

La Ferrari ha svolto importanti prove comparative nella prima sessione di prove libere per valutare le novità che la squadra di Maranello ha portato rispetto al GP d’Austria: entrambi i piloti hanno avuto la possibilità di utilizzare il nuovo fondo, mentre Charles Leclerc ha girato con la nuova ala anteriore più scarica, mentre Sebastian Vettel si è dedicato a quella vecchia.

Simone Resta, il tecnico incaricato dello sviluppo della SF1000, ha introdotto un nuovo fondo che riprende i concetti delle soluzioni Mercedes. Sulla Rossa, infatti, sono stati introdotti davanti alle ruote posteriori ben nove soffiaggi decisamente più grandi del solito, rinunciando all’ultima porzione dei binari.

È cambiato anche il disegno del flap che si aggrappa alla bavetta verticale all’interno della ruota posteriore: è evidente che a Maranello hanno cercato di incrementare la portata di aria sotto al fondo per aumentare il carico aerodinamico del fondo e del diffusore.

La nuova ala anteriore della Ferrari SF1000 al GP di Stiria

La nuova ala anteriore della Ferrari SF1000 al GP di Stiria

Photo by: Giorgio Piola

L’intenzione era di poter scaricare le ali e ridurre così la resistenza all’avanzamento per migliorare la velocità massima sui rettilinei, cercando di compensare, almeno in parte la perdita di potenza della power unit 065/2 che è stata omologata per la stagione 2020.

Niente in confronto con quella che era dominante lo scorso anno, non con poche polemiche sulle presunte irregolarità mai provate dalla FIA.

I piloti hanno svolto delle prove aerodinamiche a diverse velocità costanti per raccogliere i dati e confrontarli con quelli della galleria del vento per verificare che ci fosse una perfetta rispondenza correlazione fra la pista e il wind tunnel.

Il nuovo pacchetto aerodinamico non è stato giudicabile nella prima sessione di libere perché la Ferrari non ha cercato le performance pure nemmeno nella seconda sessione, visto che i due piloti del Cavallino non hanno mai simulato una vera qualifica, nonostante ci sia un forte rischio di pioggia per domani, al punto che le qualifiche potrebbero essere annullate. In quel caso potrebbero essere validi i tempi di oggi e la Ferrari non ne trarrebbe un gran beneficio con Leclerc nono e Vettel addirittura sedicesimo.

 

condivisioni
commenti
Red Bull: è nuova la paratia dell'ala posteriore

Articolo precedente

Red Bull: è nuova la paratia dell'ala posteriore

Prossimo Articolo

Verstappen felice: "La direzione presa è quella giusta"

Verstappen felice: "La direzione presa è quella giusta"
Carica commenti
Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia" Prime

Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia"

Nuovo video di analisi tecnica di Motorsport.com. Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano quanto accaduto nel sabato di Austin, con una Red Bull che conquista una pole position e una grande occasione. C'è il rischio di ripetere un finale mondiale come Hill/Schumacher nel '94?

Formula 1
24 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Formula 1
23 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021