F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Ferrari: sul fondo si sono moltiplicati i soffiaggi

La squadra del Cavallino ha introdotto nel GP di Stiria un nuovo fondo caratterizzato da nove soffiaggi aperti a 45 gradi davanti alle ruote posteriori. Sulla Sf1000 si è ripreso un concetto della Mercedes per poter scaricare le ali.

Ferrari: sul fondo si sono moltiplicati i soffiaggi

La Ferrari ha svolto importanti prove comparative nella prima sessione di prove libere per valutare le novità che la squadra di Maranello ha portato rispetto al GP d’Austria: entrambi i piloti hanno avuto la possibilità di utilizzare il nuovo fondo, mentre Charles Leclerc ha girato con la nuova ala anteriore più scarica, mentre Sebastian Vettel si è dedicato a quella vecchia.

Simone Resta, il tecnico incaricato dello sviluppo della SF1000, ha introdotto un nuovo fondo che riprende i concetti delle soluzioni Mercedes. Sulla Rossa, infatti, sono stati introdotti davanti alle ruote posteriori ben nove soffiaggi decisamente più grandi del solito, rinunciando all’ultima porzione dei binari.

È cambiato anche il disegno del flap che si aggrappa alla bavetta verticale all’interno della ruota posteriore: è evidente che a Maranello hanno cercato di incrementare la portata di aria sotto al fondo per aumentare il carico aerodinamico del fondo e del diffusore.

La nuova ala anteriore della Ferrari SF1000 al GP di Stiria

La nuova ala anteriore della Ferrari SF1000 al GP di Stiria

Photo by: Giorgio Piola

L’intenzione era di poter scaricare le ali e ridurre così la resistenza all’avanzamento per migliorare la velocità massima sui rettilinei, cercando di compensare, almeno in parte la perdita di potenza della power unit 065/2 che è stata omologata per la stagione 2020.

Niente in confronto con quella che era dominante lo scorso anno, non con poche polemiche sulle presunte irregolarità mai provate dalla FIA.

I piloti hanno svolto delle prove aerodinamiche a diverse velocità costanti per raccogliere i dati e confrontarli con quelli della galleria del vento per verificare che ci fosse una perfetta rispondenza correlazione fra la pista e il wind tunnel.

Il nuovo pacchetto aerodinamico non è stato giudicabile nella prima sessione di libere perché la Ferrari non ha cercato le performance pure nemmeno nella seconda sessione, visto che i due piloti del Cavallino non hanno mai simulato una vera qualifica, nonostante ci sia un forte rischio di pioggia per domani, al punto che le qualifiche potrebbero essere annullate. In quel caso potrebbero essere validi i tempi di oggi e la Ferrari non ne trarrebbe un gran beneficio con Leclerc nono e Vettel addirittura sedicesimo.

 

condivisioni
commenti
Red Bull: è nuova la paratia dell'ala posteriore

Articolo precedente

Red Bull: è nuova la paratia dell'ala posteriore

Prossimo Articolo

Verstappen felice: "La direzione presa è quella giusta"

Verstappen felice: "La direzione presa è quella giusta"
Carica commenti
Ecco come la pandemia tormenta ancora la Formula 1 Prime

Ecco come la pandemia tormenta ancora la Formula 1

L'incertezza che ancora regna sul calendario di F1 non è un problema soltanto per team, piloti, addetti ai lavori e fan. Mark Gallagher spiega le difficoltà finanziarie che stanno attraversando anche i promoter del gran premi.

Formula 1
3 ott 2021
Perez: l'anno della verità in Red Bull sarà il 2022 Prime

Perez: l'anno della verità in Red Bull sarà il 2022

Il messicano ha sofferto particolarmente in questi ultimi appuntamenti, complici episodi sfortunati ed una vettura creata sulle esigenze di Verstappen. Il 2022, con auto ad effetto suolo, potrà essere l'occasione del riscatto.

Formula 1
2 ott 2021
Formula 1: ecco perché ha senso continuare con i V6 turbo Prime

Formula 1: ecco perché ha senso continuare con i V6 turbo

Le power unit V6 da 1.6 litri di cubatura hanno fatto il loro esordio nel 2014, in Formula 1. A fronte dell'imminente - ed immane - cambio regolamentare previsto per il 2022, cerchiamo di spiegare perché abbia senso continuare ancora con questo tipo di unità propulsive

Formula 1
2 ott 2021
Lotus: le alterne fortune tra gli anni 90 e i 2000 Prime

Lotus: le alterne fortune tra gli anni 90 e i 2000

Nei primi anni 90 la Lotus è stata una lontana parente del team vincente del passato ed i numerosi tentativi di riportare in auge il marchio negli anni seguenti si sono sempre rivelati un buco nell'acqua.

Formula 1
1 ott 2021
Tsunoda: "Consigli al giovane Yuki? Di essere più concentrato" Prime

Tsunoda: "Consigli al giovane Yuki? Di essere più concentrato"

Abbiamo intervistato Yuki Tsunoda, pilota AlphaTauri. La stagione d'esordio in Formula 1, per il giapponese, è iniziata sugli scudi dopo una prestazione importante in quel del Bahrain, per poi andar via via in calando. Ecco cosa ci ha rivelato direttamente Yuki e, soprattutto, quali consigli darebbe a sé stesso più giovane per avere un approccio migliore al mondo delle corse.

Formula 1
1 ott 2021
GP Russia: la centesima vittoria di Hamilton in questa photostory Prime

GP Russia: la centesima vittoria di Hamilton in questa photostory

Lewis Hamilton ha conquistato la centesima vittoria in carriera in un Gran Premio di Russia che definire "emozionante" è riduttivo. Andiamo a ripercorrere i momenti salienti del fine settimana

Formula 1
30 set 2021
Mercedes: ecco perché la partita mondiale si gioca sul motore Prime

Mercedes: ecco perché la partita mondiale si gioca sul motore

La squadra campione ha sbagliato i tempi per fermare troppo presto lo sviluppo della W12 e per dedicare a tempo pieno staff tecnico e risorse alla monoposto 2022, mentre in Rud Bull hanno continuato a progredire con la RB16B. Per contrastare l'ascesa di Verstappen, la Stella ha dovuto cominciare a spremere la power unit, mettendo a rischio la proverbiale affidabilità in una sfida che non è solo fra i due campioni, ma anche tecnica.

Formula 1
29 set 2021
Norris: l'errore fatale è presunzione o inesperienza? Prime

Norris: l'errore fatale è presunzione o inesperienza?

Lando Norris è protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. L'inglese è il vero sconfitto del Gran Premio di Russia di Formula 1: dopo aver condotto buona parte della gara, il pilota McLaren sbaglia a proseguire con gomma slick mentre la pista andava asciugandosi. La troppa voglia di fare bene, spesso, è cattiva consigliera

Formula 1
28 set 2021