Ferrari spegne gli entusiasmi, ma la crescita è evidente

Nella Scuderia si godono il primo e secondo tempo di Leclerc e Sainz, ma non si illudono che questo risultato possa essere ripetuto sabato in qualifica. A Maranello sono sicuri che Mercedes e Red Bull faranno un salto importante sabato, ma le Rosse si sono avvicinate alla vetta. E per Charles ci sono ancora margini di crescita.

Ferrari spegne gli entusiasmi, ma la crescita è evidente

“Non lasciamoci trasportare troppo dall’entusiasmo”. Chi avrebbe mai immaginato un Charles Leclerc in versione pompiere? Eppure è tutto vero, il monegasco al termine della prima giornata di attività in pista non ha smorzato polemiche, ma un’esaltazione emersa in modo giustificato dopo i verdetti della sessione FP2, conclusa con un imprevedibile quanto perentorio 1-2 rosso.

I numeri dicono che Leclerc e Sainz sono stati gli unici a scendere sotto il minuto e dodici secondi, con Charles leader di giornata più veloce di quattro decimi di Hamilton (terzo) e Verstappen (quarto). Il tutto condito con un assaggio di passo gara convincente ed un ritmo molto competitivo confermato con le tre mescole di pneumatici.

Eppure la giornata non era iniziata nel migliore dei modi nel box ferrarista, a causa di un problema alla trasmissione che non ha permesso a Leclerc di essere in pista nella sessione FP1. È stato così Sainz a far capire che c’era sostanza in grado di far dimenticare la disavventura del compagno di squadra, perché già in FP1 lo spagnolo è apparso subito molto veloce.

“Fin dai primi giri delle FP1 ho sentito un feeling diverso rispetto a quello a cui ero abituato, ho dovuto cambiare un paio di cose ma per tutta la sessione l’aspetto positivo è che sono sempre rimasto nelle prime tre posizioni”.

Con Leclerc nelle vesti di spettatore forzato, Sainz ha portato a termine il suo programma di lavoro, che prevedeva di restate in pista il più possibile, e giro dopo giro i suoi tempi si sono progressivamente abbassati.

“Ho toccato il muro nella fase finale della sessione FP1 – ha poi raccontato Carlos – ma non mi ha tolto fiducia. Nel turno pomeridiano, traffico a parte, mi sono sentito… a casa, ovvero molto a mio agio con la monoposto”.

A Monte Carlo il feeling è quasi tutto, il resto lo fa una buona trazione, la guidabilità della vettura e assenza di quel sottosterzo che ha rovinato la giornata della Red Bull.
“Sono abbastanza sorpreso di come la giornata si è conclusa dopo l’avvio non facile di questa mattina – ha spiegato Leclerc - quando avevo potuto percorrere soltanto quattro giri. È sempre importante fare chilometri nelle libere, ma qui a Monaco in modo particolare. Tuttavia nella seconda sessione mi sono sentito immediatamente a mio agio in macchina e sono pure convinto che ci sia ancora un po’ di margine di miglioramento”.

Ora la domanda è soprattutto una: questa Ferrari potrà lottare per la pole position? Nel pieno rispetto del consueto gioco dei ruoli, secondo Mercedes e Red Bull le due SF21 saranno della partita, ma nel box del Cavallino non alimentano speranze che vanno oltre l’obiettivo della vigilia.

Se sabato pomeriggio la Ferrari riuscirà a strappare la terza posizione, sarà un grande risultato di squadra, se arriverà di più ci sarà da sedersi con calma e prendersi il tempo per analizzare una giornata storica. Paradossalmente la palla sembra in mano ai tecnici di Red Bull e Mercedes, che oggi non hanno messo in pista una monoposto assettata perfettamente come la Ferrari.

Tra stasera e l’intera giornata di domani avranno tempo per valutare eventuali correttivi, e da questo lavoro passerà l’esito dei verdetti monegaschi. Sainz teme che qualche avversario si sia potuto nascondere (“Ci sono alcuni piloti che a Monaco si coprono un po' il giovedì, poi improvvisamente in qualifica, come fa sempre Lewis, te li ritrovi li davanti”), ma al di là di questo aspetto il feeling è quello di una Ferrari che si adatta bene alle condizioni di Monte Carlo.

“È bello vedere che siamo più vicini alla vetta – ha confessato Sainz - stiamo davvero giocando lì davanti, nelle posizioni che contano. È incoraggiante per la squadra, e abbiamo avuto la conferma che la monoposto nelle curve lente non è davvero niente male”.

Il piano è quello di essere lì pronti ad approfittare di ogni piccola crepa che dovesse manifestarsi in casa Red Bull e Mercedes, ma più la Ferrari va forte e più piccolo diventa il margine d’errore concesso alla concorrenza.

“Penso che i nostri avversari abbiano anche più margine di noi - ha concluso Leclerc - per cui meglio non entusiasmarsi troppo per questo risultato. Abbiamo un giorno intero per lavorare domani e credo che solo al sabato in qualifica vedremo quali saranno veramente i valori in campo”.

Sarà comunque una vigilia diversa per Leclerc, Sainz e tutta la Ferrari, vada come vada un segnale di crescita è arrivato ben chiaro, ed essere della partita non era assolutamente cosa scontata.

condivisioni
commenti
Ferrari stupisce alle Piscine, Mercedes con meno potenza
Articolo precedente

Ferrari stupisce alle Piscine, Mercedes con meno potenza

Prossimo Articolo

Hamilton è ottimista, Verstappen poco soddisfatto (per ora)

Hamilton è ottimista, Verstappen poco soddisfatto (per ora)
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura” Prime

Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura”

Insieme a Franco Nugnes ed al dottor Riccardo Ceccarelli andiamo ad analizzare quanto successo in occasione dell'ultimo GP di Formula 1 a Jeddah, dove i piloti si sono dimostrati più forti della paura

Formula 1
8 dic 2021
Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Formula 1
7 dic 2021
Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021