Formula 1
G
GP del Bahrain
28 mar
Prove Libere 1 in
27 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
68 giorni
G
GP dell'Azerbaijan
06 giu
Gara in
99 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
106 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
117 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
124 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
138 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
152 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
180 giorni
02 set
Prossimo evento tra
187 giorni
09 set
Prossimo evento tra
194 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
208 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
215 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
222 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
236 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
243 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
279 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
288 giorni
F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Ferrari: si studia un nuovo campo di indagine aerodinamica!

Nelle prove libere di venerdì sulla Ferrari di Vettel ha fatto il suo debutto un inedito rastrello pieno di sensori: si tratta di un nuovo strumento di indagine aerodinamica che non limita la raccolta dei dati su un piano, come è stato fino a oggi, ma in un volume, con sensori orientati verso la propagazione della scia che si genera dal diffusore posteriore. Può sembrare strano, ma questa è stata la principale novità tecnica della Ferrari vista quest'anno...

condivisioni
commenti
Ferrari: si studia un nuovo campo di indagine aerodinamica!

È passato come un normale “rastrello” e non si è fatto troppo caso allo strumento che la Ferrari ha montato dietro alle ruote posteriori della SF1000 di Sebastian Vettel durante la prima sessione di prove libere del GP di Abu Dhabi.

Non ha destato troppa attenzione perché siamo abituati a vedere comparire nei primi minuti della sessione del venerdì degli autentici “castelli” pieni di sensori utili a raccogliere i dati della pista per verificare che ci sia la perfetta correlazione con il lavoro svolto in galleria del vento e al CFD.

Tutte le squadre si sono dotate di strumenti sempre più avanzati per raccogliere informazioni utili allo sviluppo della monoposto: ciascun team ha realizzato delle soluzioni per indagare a livello aerodinamico il comportamento della propria F1 durante prove a velocità costante.

Finora abbiamo assistito alla comparsa di rastrelli sempre più grandi pieni di sensori e tubi di Pitot per misurare la velocità dell’aria nei punti più nevralgici delle F1, vale a dire dietro alle ruote anteriori e davanti e dietro quelle posteriori.

La Ferrari a Yas Marina ha utilizzato per la prima volta un sistema inedito di rilevazione che non definisce un reticolo di sensori, ma indaga la qualità del flusso su una superficie molto estesa.

È cambiata la modalità con la quale si rilevano i dati, orientando i tubi di Pitot e le sonde che sono dei sensori di pressione in funzione di quello che dovrebbe essere l’andamento dei singoli flussi in uscita dal diffusore posteriore. I tecnici del Cavallino hanno usato soluzioni dell’industria aeronautica montate su una struttura molto complessa quasi sicuramente realizzata in Quick Prototype.

I quattro elementi che supportano il “castello” (presumibilmente in lega di alluminio) su ciascun lato sono svergolati con forme aerodinamiche tali da offrire la minore resistenza all’avanzamento. Ogni supporto è cavo e all'interno passano le connessioni che portano i segnali a quelle scatole nere che sono in grado di trasmettere le informazioni alla telemetria dei box e al remote garage.

Dietro a questo impianto c’è uno studio incredibile e una spesa da capogiro, ma quando si deve recuperare del terreno sulla via della competitività è normale che si scandaglino tutte le opportunità prima che entri in funzione il Budget cap che vincolerà le spese a 145 milioni di dollari dal 2021.

Un fatto colpisce: sulla Rossa di quest’anno non abbiamo visto apparire alcuna idea innovativa tale da giustificare un importante salto di qualità della SF1000. Il rastrello che ha fatto la sua apparizione ad Abu Dhabi rappresenta, invece, un qualcosa di mai visto in F1 che ha attirato l’attenzione di tutti i tecnici presenti nel paddock perché rappresenta un nuovo stato dell’arte.

Perché se qualcuno ha “bollato” l’idea della Ferrari come l’andare a cercare il “sesso degli angeli” in campo aerodinamico, altri si sono domandati, invece, che, se la ricerca avviata dagli ingegneri di Maranello dovesse dare dei risultati qualitativi tangibili, allora potremmo aspettarci in futuro una Scuderia in grado di sfornare macchine davvero all’avanguardia.

È il segno che nella Gestione Sportiva si sta compiendo una rivoluzione silenziosa con l’adeguamento non solo della fabbrica (è atteso il nuovo simulatore che sarà fra i più innovativi della F1) ma anche degli strumenti verso la via della competitività?

Se così fosse la monoposto sarà solo l’ultimo elemento a beneficiare di questa catena di innovazioni, ma magari si può cominciare a capire come mai a Maranello insistano tanto nel dire che il riscatto della Ferrari potrà iniziare solo nel 2022, quando il nuovo sistema nel Reparto Corse entrerà a regime con l’introduzione delle monoposto a effetto suolo, azzerando gli attuali valori.

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 con i sensori posteriori

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 con i sensori posteriori
1/3

Foto di: Giorgio Piola

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 con i sensori posteriori

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 con i sensori posteriori
2/3

Foto di: Giorgio Piola

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 con i sensori posteriori

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 con i sensori posteriori
3/3

Foto di: Giorgio Piola

Strategie F1: Abu Dhabi impone una sola sosta

Articolo precedente

Strategie F1: Abu Dhabi impone una sola sosta

Prossimo Articolo

Allarme Mercedes: potenza della MGU-K ridotta per tutti

Allarme Mercedes: potenza della MGU-K ridotta per tutti
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP di Abu Dhabi
Sotto-evento Pre-Gara
Location Yas Marina Circuit
Piloti Sebastian Vettel
Team Ferrari
Autore Franco Nugnes
Gasly: i pro e i contro della permanenza in AlphaTauri Prime

Gasly: i pro e i contro della permanenza in AlphaTauri

Il pilota francese proseguirà la sua esperienza con AlphaTauri anche nel 2021 ed avrà il compito di essere la guida del team di Faenza. Il mancato ritorno in Red Bull dopo un 2020 spettacolare, però, potrebbe segnare il suo futuro.

I team di Formula 1 potranno aggirare il budget cap? Prime

I team di Formula 1 potranno aggirare il budget cap?

Il 2021 vedrà alcune modifiche tecniche e regolamentari che potrebbero avere un grande impatto sullo show in pista. Rodi Basso ha analizzato i pro e i contro, con una particolare attenzione alle zone grigie del budget cap.

Top 5: le cinque migliori McLaren della storia Prime

Top 5: le cinque migliori McLaren della storia

Andiamo a scoprire quali sono state le migliori 5 monoposto di Formula 1 realizzate da McLaren

Ricciardo: un triennale con McLaren che sa di scelta obbligata Prime

Ricciardo: un triennale con McLaren che sa di scelta obbligata

Il 2021 rappresenterà la stagione dell'ennesimo cambiamento per Daniel Ricciardo dopo aver concluso una sterile avventura in Renault, ma la scelta della McLaren è stata obbligata per mancanza reale di alternative al vertice?

Formula 1
25 feb 2021
La storia di... Lewis Hamilton Prime

La storia di... Lewis Hamilton

Con sette titoli iridati, è amato quanto temuto per la sua impeccabile bravura al volante nell'era moderna dei motori mondiali. Lui è Lewis Hamilton, un personaggio figlio del suo tempo, icona e leggenda vivente della Formula 1 e portabandiera di ideali e messaggi positivi. Ripercorriamo la sua storia

Formula 1
25 feb 2021
Come Albon vuole lottare per uscire dal limbo della Red Bull Prime

Come Albon vuole lottare per uscire dal limbo della Red Bull

Alex Albon ha affrontato i media per la prima volta da quando ha perso il suo sedile in Red Bull alla fine del 2020, costretto così a lasciare la Formula 1. In passato ha già risalito la china dopo una battuta d’arresto, quindi ecco cosa deve fare per ritornare.

Formula 1
24 feb 2021
Red Bull RB16B: il motore Honda sarà una sorpresa Prime

Red Bull RB16B: il motore Honda sarà una sorpresa

Red Bull decide di evolvere i concetti già visti nel corso del 2020 per la sua RB16B, vettura che verrà affidata a Sergio Perez e Max Verstappen per la stagione 2021 di Formula 1. Andiamo a scoprire tutti i dettagli tecnici e sportivi del team di Milton Keynes

Formula 1
24 feb 2021
McLaren stretta un azzardo dopo l'esperienza size zero? Prime

McLaren stretta un azzardo dopo l'esperienza size zero?

Con l'adozione della power unit Mercedes la MCL35 ha potuto beneficiare di un impianto di raffreddamento più efficiente che ha permesso di ridurre le masse radianti e, quindi, le pance. A Woking, però, la storia recente insegna che hanno spesso esagerato con soluzioni estreme che hanno causato problemi di affidabilità. E non è detto che un trapianto di motore su una monoposto esistente risulti facile al primo colpo.

Formula 1
23 feb 2021