Ferrari SF1000: le simulazioni promuovono cambio e motore

La SF1000 ha mostrato dei progressi rispetto alla vettura del GP d'Australia, ma in Stiria non ci saranno tutte le modifiche, specie aerodinamiche, per cui è prevedibile che la Rossa sia ancora terza forza, ma più vicina a Mercedes.

Ferrari SF1000: le simulazioni promuovono cambio e motore

Una crescita di due o tre decimi di secondo al giro. I piani Ferrari per il debutto in Stiria per il GP d’Austria che aprirà la stagione di Formula 1 dal 3 luglio si stanno delineando dopo il lungo shutdown che ha tenuto chiuso il Reparto Corse fino al 21 maggio per la pandemia di COVID-19.

Se la SF1000 era accreditata nei test invernali di un ritardo sulla Mercedes di circa mezzo secondo nei test invernali di Barcellona, la squadra di Maranello può sperare di aver ridotto il gap dalla W11 di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas che ha svettato nell’inverno, ma restano dei dubbi sulla Rossa, visto che anche gli avversari nel frattempo saranno cresciuti.

A Maranello, quindi, si collocano al terzo posto dell’ideale graduatoria di valori, tenendo davanti anche la temibile Red Bull RB16. Il team di Milton Keynes gioca in casa e a Spielberg ha vinto negli ultimi due anni, per cui è legittimo pensare che possa essere Max Verstappen il vero pungolo delle Mercedes.

Anche perché la sensazione è che non vedremo nella gara di apertura tutta l’attesa SF1000 EVO. I dati positivi arrivano dalla trasmissione e dal motore. Le simulazioni della vettura al banco testimoniano che l’irrobustimento della scatola in carbonio, che aveva manifestato delle torsioni nei test invernali, ha avuto un benefico effetto.

L’incremento di peso (negativo) è stato largamente compensato dalla maggiore rigidezza del retrotreno che dovrebbe offrire una Ferrari meno incline al sottosterzo e, quindi, più guidabile per i piloti e con meno stress per le gomme.

A livello di power unit c’è stata la delibera dello 065/2 (l’iniziale versione 065/1, quindi, non correrà mai) che ha superato i test di affidabilità, dopo aver mostrato iniziali problemi di durata con qualche cedimento.

Sarà questa la specifica di motore che verrà omologata per l’anno 2020 e la Rossa dovrebbe beneficiare di una quindicina di cavalli in più rispetto al propulsore che non aveva impressionato in Spagna, dopo le feroci polemiche sui propulsori dello scorso anno, quando si erano scatenate le voci di presunte irregolarità nell’alimentazione mai dimostrate dalla FIA.

Nel Reparto Corse c’è la consapevolezza del lavoro svolto e dei limiti della monoposto: non tutte le novità previste sulla SF1000 arriveranno in tempo per la prima gara austriaca. È possibile che le modifiche aerodinamiche all’anteriore si vedranno più avanti, perché il tempo a disposizione per produrre le nuove parti in carbonio non è stato sufficiente dalla riapertura a oggi, tenuto conto che gli stringenti protocolli di sicurezza certo non facilitano la collaborazione con i fornitori.

Qual è la speranza? Una Ferrari forse capace di sfidare le Red Bull , ma non davanti alle frecce d’argento. In Austria si correrà con il caldo dell’estate su un circuito che si trova a 700 metri di quota con l’aria un po’ rarefatta. La Mercedes avrà risolto nel lockdown i problemi di lubrificazione del suo motore?

Le W11 avevano mostrato una superiorità tale che si potrebbero permettere una piccola riduzione di potenza della power unit per salvaguardare l’affidabilità tanto che la supremazia non dovrebbe risultare intaccata, ma una rottura (come quelle registrate nei test) avrebbe ben altri risultati.

E, forse, anche per questo Toto Wolff ha riacceso il juke-box nel quale canta il solito ritornello: “Solo nelle qualifiche in Austria scopriremo i vari valori, ma io resto sempre pessimista. Dobbiamo lavorare per ridurre il gap col motore Ferrari e avere una power unit solida e affidabile”.

condivisioni
commenti
Norris: "Lo stress fisico sarà la sfida maggiore del ritorno della F1"
Articolo precedente

Norris: "Lo stress fisico sarà la sfida maggiore del ritorno della F1"

Prossimo Articolo

Todt: "Ferrari: senza la macchina non si vince in F1"

Todt: "Ferrari: senza la macchina non si vince in F1"
Carica commenti
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021