Ferrari: senza prestazioni, né affidabilità

La squadra del Cavallino precipita dal terzo posto nel mondiale Costruttori al quinto perché a Barcellona raccoglie solo il settimo posto di Sebastian Vettel. Il tedesco si è imposto sul muretto Ferrari che lo voleva richiamare al box per il secondo pit stop e ha ottenuto un piazzamento che gli dà morale. Il problema è che la Rossa, oltre a non avere le prestazioni, difetta anche di affidabilità. E allora il quadro si fa difficile.

Ferrari: senza prestazioni, né affidabilità

“Sapevamo che Barcellona non è una pista a noi favorevole”. Mattia Binotto si pone in modalità ‘parafulmine’, ma dopo il weekend di Montmelò è difficile fare scudo al momento ‘no’ della Ferrari.

Il settimo posto finale di Vettel, arrivato grazie ad una gara in cui la gestione gomma oculata ha giocato un ruolo cruciale, fotografa perfettamente il momento del Cavallino. Nessuno poteva ipotizzare qualcosa in più di una quarta posizione, ma il weekend di Montmelò ha detto ancora meno del previsto. Una sola monoposto in Q3, una sola vettura sul traguardo, un giro di ritardo rispetto al vincitore.

Ad inizio stagione il tallone d’Achille del progetto SF1000 era stato identificato nella mancanza di potenza della power unit, ma gara dopo gara ciò che emerge è che non c’è solo un gap di potenza.

I cavalli sono indiscutibilmente meno di quelli della concorrenza (soprattutto nei confronti della Mercedes) ma manca anche altro. La monoposto non è all’altezza del compito che le è affidato e la mancanza di affidabilità inizia a preoccupare (oggi Leclerc è stato bloccato da un guasto elettrico, dopo il cedimento a Silverstone di una power unit su Vettel).

Manca performance, e questo si traduce nelle necessità di lavorare al massimo possibile sul fronte del setup, cercando di spremere il cento per cento dalla monoposto. Impresa riuscita brillantemente a Silverstone e premiata con due risultati importanti, ma se manca anche pochissimo di quel cento per cento, il rischio è quello di finire parecchio indietro.

I millesimi che sono costanti a Leclerc tre posizioni in qualifica hanno costretto Charles ad una corsa molto più difficile del previsto, ma il monegasco è riuscito a completare ben 30 giri con il set di soft montate al via, precedendo Vettel al cambio gomme di pochi secondi.

Con un set di medie Leclerc avrebbe completato la corsa potendosi permettere di spingere ragionevolmente, ma un problema ad una centralina lo ha bloccato. A cosa avrebbe potuto ambire il monegasco senza l’imprevisto che ha messo fine alla sua corsa?

Il quarto posto, citato da Binotto come target possibile, non sembrava essere un traguardo così certo per Leclerc, considerando che avrebbe dovuto recuperare dieci secondi e Perez (passandolo in pista visto che il messicano era sulla stessa strategia) e difficilmente avrebbe potuto avere ragione di Stroll.

Per come si è svolta la corsa, Leclerc avrebbe potuto provare ad insidiare Sainz puntando alla sesta posizione, e il settimo posto di Vettel non è poi molto distante.

Il muretto del Cavallino ha pensato anche di richiamare ai box Seb per la seconda sosta, e sarebbe stata una scelta di cui gli strateghi si sarebbero pentiti non poco, visto che il tedesco è stato in grado di coprire 36 giri con le soft.

Non è un dato che sorprende più di tanto, visto che Leclerc ha coperto 30 giri con la stessa mescola e con un carico maggiore di carburante, dando un’indicazione importante sulla possibilità di riuscire a coprire la distanza con un singolo pit-stop.

I sei punti conquistati da Vettel a Montmelò, che hanno gratificato un po' il tedesco dopo il momento ‘no’ di Silverstone, non sono comunque riusciti a respingere l’attacco di Racing Point e McLaren nella classifica Costruttori, graduatoria che oggi vede la Ferrari in quinta posizione. Sarà un confronto, quello per il terzo posto finale, destinato a durare a lungo e dagli esiti tutt’altri che scontati.

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, torna in garage
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, torna in garage
1/14

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, in pit lane
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, in pit lane
2/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, ai box
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, ai box
3/14

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
4/14

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
5/14

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
6/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
7/14

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
8/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing, saluta Sebastian Vettel, Ferrari
Max Verstappen, Red Bull Racing, saluta Sebastian Vettel, Ferrari
9/14

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, precede Pierre Gasly, AlphaTauri AT01, Lando Norris, McLaren MCL35, Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20, Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, e il resto delle auto alla partenza
Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, precede Pierre Gasly, AlphaTauri AT01, Lando Norris, McLaren MCL35, Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20, Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, e il resto delle auto alla partenza
10/14

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Il muretto dei box Ferrari
Il muretto dei box Ferrari
11/14

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
12/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
13/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, precede Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, precede Charles Leclerc, Ferrari SF1000
14/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Binotto: "Siamo da 4° posto, ma partiamo troppo indietro"

Articolo precedente

Binotto: "Siamo da 4° posto, ma partiamo troppo indietro"

Prossimo Articolo

Leclerc aveva le cinture slacciate: si è dovuto fermare!

Leclerc aveva le cinture slacciate: si è dovuto fermare!
Carica commenti
Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia" Prime

Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia"

Nuovo video di analisi tecnica di Motorsport.com. Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano quanto accaduto nel sabato di Austin, con una Red Bull che conquista una pole position e una grande occasione. C'è il rischio di ripetere un finale mondiale come Hill/Schumacher nel '94?

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Formula 1
23 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021