Ferrari: senza prestazioni, né affidabilità

La squadra del Cavallino precipita dal terzo posto nel mondiale Costruttori al quinto perché a Barcellona raccoglie solo il settimo posto di Sebastian Vettel. Il tedesco si è imposto sul muretto Ferrari che lo voleva richiamare al box per il secondo pit stop e ha ottenuto un piazzamento che gli dà morale. Il problema è che la Rossa, oltre a non avere le prestazioni, difetta anche di affidabilità. E allora il quadro si fa difficile.

Ferrari: senza prestazioni, né affidabilità

“Sapevamo che Barcellona non è una pista a noi favorevole”. Mattia Binotto si pone in modalità ‘parafulmine’, ma dopo il weekend di Montmelò è difficile fare scudo al momento ‘no’ della Ferrari.

Il settimo posto finale di Vettel, arrivato grazie ad una gara in cui la gestione gomma oculata ha giocato un ruolo cruciale, fotografa perfettamente il momento del Cavallino. Nessuno poteva ipotizzare qualcosa in più di una quarta posizione, ma il weekend di Montmelò ha detto ancora meno del previsto. Una sola monoposto in Q3, una sola vettura sul traguardo, un giro di ritardo rispetto al vincitore.

Ad inizio stagione il tallone d’Achille del progetto SF1000 era stato identificato nella mancanza di potenza della power unit, ma gara dopo gara ciò che emerge è che non c’è solo un gap di potenza.

I cavalli sono indiscutibilmente meno di quelli della concorrenza (soprattutto nei confronti della Mercedes) ma manca anche altro. La monoposto non è all’altezza del compito che le è affidato e la mancanza di affidabilità inizia a preoccupare (oggi Leclerc è stato bloccato da un guasto elettrico, dopo il cedimento a Silverstone di una power unit su Vettel).

Manca performance, e questo si traduce nelle necessità di lavorare al massimo possibile sul fronte del setup, cercando di spremere il cento per cento dalla monoposto. Impresa riuscita brillantemente a Silverstone e premiata con due risultati importanti, ma se manca anche pochissimo di quel cento per cento, il rischio è quello di finire parecchio indietro.

I millesimi che sono costanti a Leclerc tre posizioni in qualifica hanno costretto Charles ad una corsa molto più difficile del previsto, ma il monegasco è riuscito a completare ben 30 giri con il set di soft montate al via, precedendo Vettel al cambio gomme di pochi secondi.

Con un set di medie Leclerc avrebbe completato la corsa potendosi permettere di spingere ragionevolmente, ma un problema ad una centralina lo ha bloccato. A cosa avrebbe potuto ambire il monegasco senza l’imprevisto che ha messo fine alla sua corsa?

Il quarto posto, citato da Binotto come target possibile, non sembrava essere un traguardo così certo per Leclerc, considerando che avrebbe dovuto recuperare dieci secondi e Perez (passandolo in pista visto che il messicano era sulla stessa strategia) e difficilmente avrebbe potuto avere ragione di Stroll.

Per come si è svolta la corsa, Leclerc avrebbe potuto provare ad insidiare Sainz puntando alla sesta posizione, e il settimo posto di Vettel non è poi molto distante.

Il muretto del Cavallino ha pensato anche di richiamare ai box Seb per la seconda sosta, e sarebbe stata una scelta di cui gli strateghi si sarebbero pentiti non poco, visto che il tedesco è stato in grado di coprire 36 giri con le soft.

Non è un dato che sorprende più di tanto, visto che Leclerc ha coperto 30 giri con la stessa mescola e con un carico maggiore di carburante, dando un’indicazione importante sulla possibilità di riuscire a coprire la distanza con un singolo pit-stop.

I sei punti conquistati da Vettel a Montmelò, che hanno gratificato un po' il tedesco dopo il momento ‘no’ di Silverstone, non sono comunque riusciti a respingere l’attacco di Racing Point e McLaren nella classifica Costruttori, graduatoria che oggi vede la Ferrari in quinta posizione. Sarà un confronto, quello per il terzo posto finale, destinato a durare a lungo e dagli esiti tutt’altri che scontati.

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, torna in garage

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, torna in garage
1/14

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, in pit lane

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, in pit lane
2/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, ai box

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, ai box
3/14

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
4/14

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
5/14

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
6/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
7/14

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
8/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing, saluta Sebastian Vettel, Ferrari

Max Verstappen, Red Bull Racing, saluta Sebastian Vettel, Ferrari
9/14

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, precede Pierre Gasly, AlphaTauri AT01, Lando Norris, McLaren MCL35, Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20, Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, e il resto delle auto alla partenza

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, precede Pierre Gasly, AlphaTauri AT01, Lando Norris, McLaren MCL35, Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20, Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, e il resto delle auto alla partenza
10/14

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Il muretto dei box Ferrari

Il muretto dei box Ferrari
11/14

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
12/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
13/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, precede Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, precede Charles Leclerc, Ferrari SF1000
14/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Binotto: "Siamo da 4° posto, ma partiamo troppo indietro"

Articolo precedente

Binotto: "Siamo da 4° posto, ma partiamo troppo indietro"

Prossimo Articolo

Leclerc aveva le cinture slacciate: si è dovuto fermare!

Leclerc aveva le cinture slacciate: si è dovuto fermare!
Carica commenti
Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita Prime

Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita

A Silverstone la Scuderia ha sfiorato una clamorosa vittoria con Charles Leclerc. La SF21 è molto migliorata nella gestione delle gomme Pirelli (specie con la mescola media), ma per estrarre il massimo dalla Rossa i due piloti devono portarla il più avanti possibile in qualifica.

F1 2021: piloti dal salotto di casa Prime

F1 2021: piloti dal salotto di casa

Andiamo ad analizzare da vicino F1 2021, il videogame dedicato alla stagione attuale di Formula 1 realizzato da Codemasters

Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top

16esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 2).

Formula 1
22 lug 2021
Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia Prime

Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia

La storia della Formula 1 è ricca di incidenti, toccatine maliziose e vere e proprie vendette all'arma bianca entrate nell'immaginario collettivo di chi ama questo sport. E quanto visto domenica a Silverstone tra Hamilton e Verstappen sembra non essere destinato a rimanere un caso isolato...

Formula 1
22 lug 2021
Ceccarelli: "Lewis ha esagerato nel festeggiare con Max in ospedale" Prime

Ceccarelli: "Lewis ha esagerato nel festeggiare con Max in ospedale"

In questo nuovo appuntamento di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli commentano la portata principale offerta dal Gran Premio di Gran Bretagna: Hamilton re di Silverstone, con Max che dal decimo appuntamento della stagione raccoglie solo i tre punti della Sprint Qualifying. Con l'olandese in ospedale, i festeggiamenti del padrone di casa sono stati davvero inopportuni?

Formula 1
21 lug 2021
Hamilton, Verstappen e Wolff: fiera degli errori a Silverstone Prime

Hamilton, Verstappen e Wolff: fiera degli errori a Silverstone

Andiamo ad analizzare in questa puntata de Il Primo degli Ultimi i protagonisti in negativo del Gran Premio di Gran Bretagna di Formula 1. Da un lato, abbiamo Lewis Hamilton che, nonostante la vittoria, perde sul piano morale con festeggiamenti esagerati mentre il rivale è in ospedale. E proprio il rivale, Verstappen, merita comunque un posto in rubrica per non aver ancora chiaro come si vinca un mondiale di F1. E poi c'è Toto Wolff

Formula 1
20 lug 2021
F1: manca davvero lo spettacolo o è un problema di regia? Prime

F1: manca davvero lo spettacolo o è un problema di regia?

Ci si lamenta spesso che la Formula 1 sia noiosa, ma se in realtà il problema nascesse da una regia internazionale che spesso manca i numerosi duelli che avvengono in pista per poi riproporli soltanto tramite replay?

Formula 1
20 lug 2021
GP Silverstone: Leclerc beffato all'ultimo dalla rimonta di Lewis Prime

GP Silverstone: Leclerc beffato all'ultimo dalla rimonta di Lewis

La Ferrari e Charles Leclerc assaporano una vittoria che al Cavallino manca dal GP di Singapore 2019. Charles è stato beffato a due giri dal termine dalla rimonta di Hamilton, che ha piegato la resistenza del ferrarista a pochi km dal traguardo

Formula 1
19 lug 2021