Ferrari: scopriamo perché la SF1000 è un camaleonte

Analizziamo l'anacronistico weekend della Scuderia nel primo GP 2020: la Rossa ha mostrato gravi lacune in qualifica con le gomme soft ed è parsa migliore in gara. Ecco cosa è emerso a Spileberg in attesa dei pezzi nuovi in arrivo.

Ferrari: scopriamo perché la SF1000 è un camaleonte

La Ferrari è un camaleonte. Cambia aspetto ogni volta che scende in pista. Non è mai la stessa, tanto che non la conoscono nemmeno i tecnici del Cavallino. La SF1000 è un oggetto misterioso da maneggiare con cautela. Probabilmente è una monoposto con un potenziale ancora nascosto e tanti difetti da correggere in corsa.

La Scuderia ha arpionato un secondo posto con Charles Leclerc in una gara, il GP d’Austria, nella quale la Rossa avrebbe potuto essere doppiata: con il pieno di benzina il monegasco aveva sommato 13 secondi di distacco in appena 8 giri, dilatando la delusione delle qualifiche quando la SF1000 era risultata 920 millesimi più lenta della SF90 che era partita in pole al Red Bull Ring l’anno prima proprio con il monegasco.

In realtà la Ferrari ha beneficiato di ben tre safety car che puntualmente hanno azzerato i distacchi che si erano materializzati, ma è anche andata migliorando con il trascorrere dei giri, tant’è che alla fine Leclerc ha siglato il quarto giro più veloce in 1’07”901 a 426 millesimi da Lando Norris, e rincorrendo le due frecce nere a un paio di decimi.

La prima considerazione da fare è che la SF1000 soffre le gomme Soft e questo è un problema serio in qualifica. Con la mescola morbida la monoposto non ha scorrevolezza, figuriamoci con il serbatoio pieno di carburante. Le cose sono andate via via migliorando con le Hard e, in particolare, con i due treni di Medie montati durante le safety car.

Ma i cambiamenti non possono essere dovuti solo alle scarpe sostituite. Ci deve essere dell’altro e a ben guardare i tecnici di Maranello hanno messo mano all’ala anteriore scaricando i flap nei pit stop come hanno segnalato i commentatori di Sky durante la diretta. Sorge il dubbio, quindi, che la SF1000 sia un “muro” aerodinamico e spenda in resistenza all’avanzamento una parte della potenza del motore che non è certo l’unità più brillante in circolazione, ma sicuramente il più affidabile.

Con un assetto più critico e una monoposto più leggera, Leclerc è riuscito a vedere in gara velocità massime meno desolanti di quelle registrate in qualifica. Charles è passato da essere ultimo al sabato nel T1 con 314,0 km/h a 13esimo con 322,7 km/h. Certo l’essere in scia ha aiutato, ma il divario dalla Mercedes è sceso da 9,4 km/h in qualifica a 3,3 km/h in gara e anche Lewis ha beneficiato del risucchio aerodinamico sul dritto.

Tutto ciò cosa sta a significare? Che la Ferrari non ha ancora capito la SF1000 e sono bastate delle correzioni in corsa per trovare un potenziale che è ancora nascosto. Il giovane monegasco è stato bravo, bravissimo, ad adeguare il suo stile di guida al variare delle condizioni, mentre Sebastian Vettel è parso subire ciò che la Rossa era in grado di dargli.

Concludendo possiamo dire che la Scuderia ha evitato una figuraccia. La Rossa ha confermato i difetti visti ai test di Barcellona e solo in questo weekend vedremo le prime modifiche che dovrebbero cambiare il comportamento della macchina. Per il GP di Stiria sono attese ala anteriore e posteriore nuova e un fondo modificato, mentre il resto del pacchetto arriverà come previsto in Ungheria.

Cosa ci dovremo aspettare a Spielberg 2? Una Ferrari che riprenda il suo cammino da terza forza, nella consapevolezza di poter contenere il distacco da Mercedes e Red Bull. Con il motore congelato (a Maranello c’è chi sostiene che ci sono 15 cavalli in più rispetto all’unità spedita a Melbourne in marzo), la crescita dovrà giungere da meccanica e aerodinamica confidando in una buona affidabilità visto che le power unit Mercedes, Honda e Renault hanno avuto i loro guai...

Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1, e Charles Leclerc, Ferrari, spruzza lo champagne sul podio
Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1, e Charles Leclerc, Ferrari, spruzza lo champagne sul podio
1/12

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari, sulla griglia
Charles Leclerc, Ferrari, sulla griglia
2/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
3/12

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, lotta con Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, davanti a Lance Stroll, Racing Point RP20
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, lotta con Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, davanti a Lance Stroll, Racing Point RP20
4/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, lascia i box mentre arriva Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, lascia i box mentre arriva Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
5/12

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, sulla griglia di partenza
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, sulla griglia di partenza
6/12

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
7/12

Foto di: Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari, parla ai media dopo la gara
Charles Leclerc, Ferrari, parla ai media dopo la gara
8/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
9/12

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari, sulla griglia
Charles Leclerc, Ferrari, sulla griglia
10/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

In griglia Guenther Steiner, Team Principal, Haas F1, e Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, in griglia
In griglia Guenther Steiner, Team Principal, Haas F1, e Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, in griglia
11/12

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20, in testa mentre Charles Leclerc, Ferrari SF1000, lotta con Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
Sergio Perez, Racing Point RP20, in testa mentre Charles Leclerc, Ferrari SF1000, lotta con Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
12/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Alla Red Bull convinti di poter battere le Mercedes
Articolo precedente

Alla Red Bull convinti di poter battere le Mercedes

Prossimo Articolo

Masi: "Caso Hamilton? I commissari non hanno le telecamere 360°"

Masi: "Caso Hamilton? I commissari non hanno le telecamere 360°"
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura” Prime

Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura”

Insieme a Franco Nugnes ed al dottor Riccardo Ceccarelli andiamo ad analizzare quanto successo in occasione dell'ultimo GP di Formula 1 a Jeddah, dove i piloti si sono dimostrati più forti della paura

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Formula 1
7 dic 2021
Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021