Ferrari: Schumacher e Ilott chiudono il test con la SF71H

Dopo la giornata di Carlos Sainz, oggi è stato il turno di Mick Schumacher e Callum Ilott, due piloti della FDA, che si sono alternati sulla SF71H a Fiorano.

Ferrari: Schumacher e Ilott chiudono il test con la SF71H

A Fiorano è tornato il silenzio dopo due giorni di test con la SF71H, la monoposto di tre anni fa che ha trovato una sua seconda giovinezza. La Scuderia ha deciso di puntare sulla Rossa del 2018 per portare avanti il lavoro di crescita dei giovani piloti della FDA, affiancando ai talenti da far maturare anche l’attività dei due conduttori titolari.

Prima del GP del Made in Italy e dell’Emilia Romagna era stato Charles Leclerc a collezionare circa 400 km, mentre ieri è stato il turno di Carlos Sainz che si è sciroppato la distanza di un GP fra frequenti soste e controlli.

Oggi i riflettori si sono accesi su Mick Schumacher, pilota della Ferrari Driver Academy che è stato girato alla Haas per la sua stagione di debutto in F1, e su Callum Ilott.

L’inglese è rimasto senza un volante ma è stato dirottato dalla Scuderia a correre nel GT World con la 488 GT3 divisa con Davide Rigon e Antonio Fuoco, mantenendo lo status di test driver di F1. E in virtù di questo ruolo il britannico di Cambridge ha chiuso la due giorni di F1 sulla pista di casa del Cavallino.

Tanto Mick Schumacher che Callum Ilott hanno avuto la possibilità di effettuare il programma previsto, senza cercare i tempi, (passo nei giri veloci intorno ai 57 secondi), ma lavorando su run molto brevi con due tornate cronometrate e un giro di cool down fatto in rilascio dalla prima curva al Tornantino, prima di un nuovo lancio.

I due giovani piloti disponevano di gomme Pirelli demo a mescola media (gialla), mentre ieri Sainz ha usato l’intera gamma, compreso un treno di non colorate ma catalogate come pneumatici Academy che non hanno niente da spartire con quelli in uso nei GP.

C’è stata anche la pioggia a metà pomeriggio a bagnare l’asfalto. Più o meno a metà turno di lavoro di Mick e Callum c’è stata una sosta longa ai box e i meccanici del Cavallino hanno lavorato sul retrotreno della Rossa.

C’è chi ha avanzato l’ipotesi che a Maranello stiano sperimentando la simulazione delle ruote sterzanti posteriori, soluzione che Mercedes e, di recente, anche Red Bull, hanno adottato sulle loro vetture.

Niente di illegale perché la correzione dell’angolo delle ruote posteriori avverrebbe con un sistema passivo funzionante solo nelle curve lente. L’effetto sterzante lo si otterrebbe agendo su parametri di motore, differenziale e brake by wire, sfruttando la coppia resistente e la flessibilità degli elementi della sospensione. Si tratterebbe di un esercizio molto complicato da mettere a punto che richiede un grande lavoro che non si può fare solo al simulatore.

condivisioni
commenti
Red Bull: Horner va a caccia dei migliori motoristi

Articolo precedente

Red Bull: Horner va a caccia dei migliori motoristi

Prossimo Articolo

F1 Stories: Imola 2006, la "vendetta" di Schumacher

F1 Stories: Imola 2006, la "vendetta" di Schumacher
Carica commenti
Piola: "Ferrari e Alpha Tauri cambiano il marciapiede" Prime

Piola: "Ferrari e Alpha Tauri cambiano il marciapiede"

La Formula 1 arriva in Francia, sul tracciato del Paul Ricard. Franco Nugnes e Giorgio Piola, analizzano con la lente d'ingrandimento i primi e nuovi dettagli tecnici presenti sulle monoposto.

Alonso: ecco perché è ancora una stella della Formula 1 Prime

Alonso: ecco perché è ancora una stella della Formula 1

Lo spagnolo ha parlato con Motorsport.com del suo ritorno in Formula 1, smentendo le critiche che lo hanno accompagnato negli ultimi appuntamenti e puntando con decisioni ad un futuro di successi grazie anche alla rivoluzione regolamentare.

Mara Sangiorgio: "La mia carriera? Decisa da uno sliding door" Prime

Mara Sangiorgio: "La mia carriera? Decisa da uno sliding door"

In questa puntata de "Il Rosa dei Motori", Beatrice Frangione intervista Mara Sangiorgio, giornalista e pit reporter per la Formula 1 di Sky Sport. Una grande passione per la scrittura che l'accompagna sin da quando era solo una bambina, la conduce alle porte degli studi giornalistici. Dall'Italia a New York, Mara muove i primi passi dentro il mondo dei suoi sogni. Mai avrebbe pensato di raccontare lo sport, fino a quando...

Ceccarelli: “Dal Ricard monitoro anche meccanici e ingegneri” Prime

Ceccarelli: “Dal Ricard monitoro anche meccanici e ingegneri”

Torna l'appuntamento fisso della rubrica del mercoledì mattina firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci parlano dell'imminente Gran Premio di Francia di Formula 1, dove il medico andrà a monitorare una nuova serie di parametri non solo dei piloti

Formula 1
16 giu 2021
F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti Prime

F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti

Le monoposto di Formula 1 sono diventate troppo grosse e pesanti e questo si è visto non solo a Monaco, circuito ormai troppo stretto per le moderne monoposto, ma anche a Baku dove i problemi alla gomme sono derivati anche dagli enormi sforzi richiesti alle gomme.

Formula 1
15 giu 2021
F1 2021: si scaldano i motori... via Play Station Prime

F1 2021: si scaldano i motori... via Play Station

Andiamo a dare uno sguardo da vicino alle prime immagini in-game di F1 2021, nuovo videogame ufficiale della Formula 1 ambientato in questa stagione

Formula 1
15 giu 2021
AlphaTauri: una squadra che si trova nel centro di gravità Prime

AlphaTauri: una squadra che si trova nel centro di gravità

Il team diretto da Franz Tost con il podio di Pierre Gasly a Baku si è portato al quinto postonella classifica del mondiale Costruttori. Anche l'esuberante Yuki Tsunoda, il talentuoso rookie giapponese, comincia a contribuire alla causa, dopo troppi errori. A Faenza assolvono al meglio il ruolo di junior team e, pur con alti e bassi, possono sfidare due marchi ufficiali come Aston Martin e Alpine disponendo di risorse molto inferiori.

Formula 1
14 giu 2021
F1: Il costo umano richiesto da un calendario di 23 gare Prime

F1: Il costo umano richiesto da un calendario di 23 gare

In questa stagione la Formula 1 sta cercando di rispettare il calendario previsto con 23 appuntamenti, ma l'espansione dei gran premi ha un costo umano che alla lunga non potrà più essere sostenibile.

Formula 1
14 giu 2021