Ferrari: scelto il motore Superfast per la 672 a effetto suolo

A Marenello si erano dati tempo fino a giugno per deliberare quale power unit sarebbe stata montata sulla Rossa del prossimo anno: Binotto punta sul progetto estremo di Zimmermann per riportare la Scuderia a lottare per il titolo mondiale con alcuni concetti meno estremi, ma in grado di assicurare l'affidabilità necessaria per vivere tre anni senza aggiornamenti.

Ferrari: scelto il motore Superfast per la 672 a effetto suolo

Mattia Binotto crede nella svolta della Ferrari e insegue l’innovazione. Il team principal vuole una Rossa nuovamente in lotta per il mondiale 2022 e il cambiamento delle regole con il passaggio alle monoposto a effetto suolo può favorire che si rimescolino i valori consolidati in questi ultimi anni, con Mercedes e Red Bull davanti alla Scuderia.

Se i tecnici capitanati da Enrico Cardile sono partiti da un foglio bianco per disegnare la 672, numero di progetto della vettura 2022, i motoristi capeggiati dall’altro Enrico, Gualtieri, devono dare un segno di discontinuità, per chiudere il gap di potenza con la Stella e il motore Honda.

Sulla Rossa a effetto suolo sarà montata una power unit decisamente diversa da quella attuale con diverse soluzioni innovative: alla fine è stato promosso il motore “Superfast” ideato da Wolf Zimmermann, il tedesco a capo dei progetti avanzati.

La gestazione di questa unità è stata piuttosto tribolata, perché almeno durante i primi test al banco non stava dando i risultati che i tecnici si stavano aspettando con soluzioni forse troppo estreme per funzionare subito, senza un adeguato lavoro di sviluppo che richiede tempo. E per quello era stata pensata una linea di lavoro parallela con un motore figlio dell’attuale, con concetti meni estremi. Una scelta definitiva era stata rinviata a giugno. Ora siamo arrivati al momento delle decisioni.

A Maranello non possono sbagliare la scelta: il propulsore che verrà omologato al primo GP del prossimo anno resterà valido per tre anni di fila e fare un salto troppo lungo in avanti potrebbe precludere l’indispensabile affidabilità per puntare subito al titolo iridato.

E, allora, la power unit “Superfast” è stata deliberata con alcuni concetti meno estremi che sono stati traslati con success proprioo dallo 065/6 che si sta rivelando migliore delle previsioni. Nel lavoro di messa a punto, infatti, senza toccare niente di quanto è congelato, il motore di quest’anno ha mostrato doti nascoste che hanno permesso anche un piccolo incremento di potenza rispetto ai target che erano stati cercati.

Ma, come ha ammesso Laurent Mekies, anche i motoristi del Cavallino, come i telaisti, hanno abbandonato lo sviluppo del V6 2021 per dedicarsi in esclusiva al nascente “Superfast”.

Il nuovo motore Ferrari adotta l’architettura del sistema di sovralimentazione che vedrà la separazione di turbina e compressore, riprendendo il concetto introdotto dalla Mercedes e poi adottato dalla Honda.

La… copiatura è finalizzata a introdurre il compressore all’interno del cassoncino di aspirazione per deliberare un 6 cilindri molto basso e compatto a favore di un’aerodinamica più estrema. Il nome “Superfast” sarebbe giustificato da una camera di combustione capace di una fase di scoppio con tempi di accensione rapidissimi.

Sono allo studio condotti di aspirazione inediti capaci di creare dei moti turbolenti che dovranno favorire la velocità di propagazione della fiamma, dando più omogeneità alla miscela aria-benzina e alla fase di scoppio.

Bisogna riconoscere, quindi, a Binotto una giusta dose di coraggio nello sposare un progetto che era nato con molte incognite, ma che con il passare del tempo sta dimostrando di avere concetti molto interessanti: i prossimi sei mesi saranno cruciali per far nascere quella power unit che dovrà riportare la Scuderia a lottare costantemente per la vittoria. Perché alle parole bisognerà far corrispondere i fatti…

condivisioni
commenti
Quanto può valere un post di un pilota di F1 su Instagram?
Articolo precedente

Quanto può valere un post di un pilota di F1 su Instagram?

Prossimo Articolo

Giovinazzi: "Baku mi piace, mi piacerebbe entrare in Q3"

Giovinazzi: "Baku mi piace, mi piacerebbe entrare in Q3"
Carica commenti
Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021