Ferrari: Sainz in Turchia col motore 4 sarà penalizzato

La Scuderia è pronta ad affidare anche allo spagnolo, terzo in Russia, lo 065/6 dotato del nuovo ibrido con il quale ha debuttato Leclerc a Sochi. Il madrileno monta una power unit tutta nuova per cui dovrà pagare la penalità FIA e sarà costretto a scattare in fondo alla griglia perché il motore eccede i tre concessi per una stagione. A Maranello sono soddisfatti dei dati raccolti dall'ERS del monegasco con soluzioni innovative.

Ferrari: Sainz in Turchia col motore 4 sarà penalizzato

La Ferrari sta programmando l’omologazione del motore 4 per Carlos Sainz per il GP di Turchia in programma la prossima settimana. La squadra del Cavallino affiderà al pilota spagnolo la power unit dotata del nuovo sistema ibrido che dovrebbe consentire un aumento di potenza di una decina di cavalli.

Ovviamente il madrileno sarà costretto ad andare in penalità esattamente come è successo a Charles Leclerc nello scorso GP di Russia, per cui partirà in fondo alla griglia. La Scuderia, in effetti, aveva programmato il debutto del nuovo ERS a Istanbul, ma i guai di affidabilità emersi sulla batteria del pilota monegasco dopo il crash al via del GP d’Ungheria (nel quale è stato “rottamato” il motore 2) hanno consigliato i tecnici del Cavallino ad anticipare l’introduzione della PU 4.

Adesso sarà il turno dello spagnolo, dopo il brillante terzo posto portato a casa a Sochi con la SF21 ancora in configurazione di motore standard.

Leggi anche:

Come abbiamo già avuto modo di sottolineare in diverse occasioni, l’introduzione del nuovo ibrido per la Scuderia è una grande occasione per verificare la validità delle nuove soluzioni che sono state introdotte: la batteria a ioni di litio con l’elettrolita allo stato solido e il passaggio del sistema ibrido da bassa (400 volt) ad alta tensione (800 volt) ha implicato che tutto l’impianto sia stato rivisto per assicurare durata, sicurezza e prestazioni.

Ferrari SF21, dettaglio del motore 4 che ha debuttato nel GP di Russia con Leclerc

Ferrari SF21, dettaglio del motore 4 che ha debuttato nel GP di Russia con Leclerc

Photo by: Giorgio Piola

Si tratta di un importante salto generazionale che darà principalmente i suoi effetti nel 2022 sulla macchina a effetto suolo che è stata concepita appositamente intorno al motore Superfast, un 6 cilindri turbo innovativo nella parte alta con nuovi condotti e una camera di combustione ad alta pressione che permetterà tempi di accensione più rapidi.

Dopo l’esperienza della Russia e i dati raccolti sulla macchina di Leclerc capiremo con maggiore chiarezza quali saranno i vantaggi che potrà trarre la Rossa da un impianto ERS che si proietta al futuro, visto che il motore 2022 sarà congelato per tre anni.

condivisioni
commenti
Domenicali difende la F1 sostenibile nel dibattito di Sky Sport 24

Articolo precedente

Domenicali difende la F1 sostenibile nel dibattito di Sky Sport 24

Prossimo Articolo

F1: il Qatar entra nel calendario 2021. Il contratto è decennale

F1: il Qatar entra nel calendario 2021. Il contratto è decennale
Carica commenti
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021