Ferrari: richiesta di chiarimento di alcuni team sul motore!

I rivali del Cavallino vogliono sapere dalla FIA se l'utilizzo di "olio" nell'intercooler del turbo sia legale o no. Secondo le squadre che hanno scritto l'aumento di potenza sui rettilinei deriverebbe da questa procedura che non è vietata dalle norme.

Ferrari: richiesta di chiarimento di alcuni team sul motore!

Il motore della Ferrari fa discutere: alcuni team hanno scritto alla FIA chiedendo un chiarimento regolamentare sulla power unit del Cavallino. Il motore Evo 3 secondo i rivali sarebbe capace di creare un vantaggio di otto decimi nei rettilinei di alcune piste rispetto alla migliore concorrenza. E del resto dopo la pausa estiva la Scuderia ha conquistato cinque pole position di seguito, vincendo tre Gran Premi.

Se il motore Spec 3 ha fatto il suo debutto in occasione del GP d’Italia a Monza, sulla SF90 è apparso a Singapore un nuovo pacchetto aerodinamico ad alto carico che ha brillantemente risolto alcuni dei problemi che hanno pesantemente condizionato la competitività della Rossa specie nel portare nella giusta finestra di utilizzo le gomme anteriori.

La Ferrari, quindi, ha fatto un grande salto di competitività, suscitando molti dubbi negli avversari che ritengono che nel motore del Cavallino si possono trovare le risposte sulla sfacciata superiorità delle  Rosse sui rettilinei.

Negli anni scorsi era la Mercedes a dominare il campo motoristico con l'uso dell’olio lubrificante come additivo della benzina che veniva bruciato in camera di scoppio. Per limitare una pratica che si era poi diffusa a molti, tanto che gli… allievi avevano superato i “maestri”, c'erano voluti diversi interventi normativi che hanno portato il consumo del lubrificante a 0,6 l x 100 km, mentre in passato si era arrivati a valori molto superiori a quelli del doppio!

Sia chiaro che ben venga qualsiasi chiarimento regolamentare che fughi qualsiasi dubbio di legalità. Gli inglesi sono convinti che la superiorità del motore Ferrari in certi momenti dipenda dall’uso di una piccola quantità di olio che viene rilasciata dall’intercooler del turbo compressore per entrare nel processo di combustione e produrre un sensibile aumento di potenza.

L'olio nell'intercooler acqua/aria sarebbe utilizzato solo dal motore Ferrari: si tratta di una procedura che non è affatto vietata dall’attuale regolamento. Le norme FIA nell’articolo 20 del Regolamento Tecnico spiegano che per evitare le molteplici “furbate” che si erano viste in passato, l’olio del motore non può migliorare le proprietà del combustibile, né eccitare la combustione. La presenza di qualsiasi componente che razionalmente non serva alla lubrificazione è considerato illegale.

Almeno uno degli avversari (si sussurra la Red Bull-Honda...) Ferrari ritiene che questo potrebbe essere il punto da cui partirebbe il suo vantaggio specie nel giro secco in qualifica e avrebbe chiesto se tale pratica sarebbe consentita. Va aggiunto che la FIA fa regolarmente dei prelievi di carburante e mai dalle analisi effettuate a campione è emersa la presenza in camera di combustione di sostanze diverse da quelle che compongono la benzina omologata.

C’è chi lavora per energizzare il carburante con sostanze chimiche che additivano la benzina senza rivelarne l’esistenza (doping tecnologico) e chi cerca di sviluppare idee alternative lavorando nelle finestre concesse dalle regole esistenti.

Ricordiamo che già l’anno scorso la Ferrari era finita nel tritacarne mediatico per il recupero di energia dell’ERS che era stato messo sotto inchiesta dalla FIA per la delazione di tecnici Mercedes ex Ferrari, Lorenzo Sassi e James Allison, che sostenevano ci fosse un sistema illegale nella batteria della Rossa che aveva due stadi di ricarica e poteva avere due uscite di energie. La Federazione Internazionale, dopo tutte le verifiche, e aver introdotto un sensore di controllo non aveva trovato niente da eccepire. E il motore del Cavallino non aveva mostrato alcuna perdita di competitività dopo i controlli più stretti.

La FIA sulla questione odierna ha dichiarato che "…continua a monitorare tutti i parametri relativi alla conformità delle power unit ai regolamenti tecnici del mondiale di F1". E ha aggiunto di "non aver ricevuto alcuna protesta da alcun concorrente per quanto riguarda i progetti attuali".

In sostanza l’organo legislativo consiglia ai team che hanno dei dubbi di presentare un legittimo reclamo contro il motore Ferrari, proprio come la Racing Point ha fatto con la Renault a Suzuka sostenendo che sulle R.S.19 ci sarebbe un ripartitore di frenata automatico vietatissimo dalle norme.

Le squadre, invece, preferirebbero che fosse la FIA a esprimere un parere e per questo aspettano una risposta da Nikolas Tombazis che ha ricevuto una lettera di chiarimento sul motore Ferrari. Va detto che il tecnico greco è generalmente lento nel dare i suoi pareri, per cui la mancanza di una risposta FIA ha lasciato i rivali del Cavallino nel dubbio su come procedere, visto che in precedenza era Charlie Whiting a trattare questa materia con una certa solerzia, utile a non scatenare dei casi dove questi non c’erano.

La miccia, comunque, è stata innescata. E sarebbe giusto che venisse allo scoperto anche chi ha aperto il caso…

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
1/7

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari
2/7

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari festeggia sul podio con il trofeo
Sebastian Vettel, Ferrari festeggia sul podio con il trofeo
3/7

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
4/7

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari e il vincitore della gara Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, festeggiano nel parco chiuso
Sebastian Vettel, Ferrari e il vincitore della gara Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, festeggiano nel parco chiuso
5/7

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
6/7

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari
Charles Leclerc, Ferrari
7/7

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Renault: la galleria del vento chiusa per oltre un mese

Articolo precedente

Renault: la galleria del vento chiusa per oltre un mese

Prossimo Articolo

Regole 2021: si è cercato un compromesso in alto

Regole 2021: si è cercato un compromesso in alto
Carica commenti
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021