Ferrari: niente illusioni, ma c'è sostanza nella SF21

La squadra del Cavallino sta prendendo coscienza del potenziale della SF21: Leclerc, che si è visto cancellare il giro migliore, sarebbe stato il più veloce sul giro secco e ha mostrato una Ferrari molto consistente nel long run. I tecnici di Maranello grazie al fresco di Imola riescono a mandare in temperature le gomme, scoprendo delle qualità della Rossa che dovrebbero permetterle di diventare la terza forza del campionato.

Ferrari: niente illusioni, ma c'è sostanza nella SF21

Le dichiarazioni ufficiali riportano un cauto ottimismo, ma il body-language degli uomini in rosso ogni tanto si lascia scappare qualche segnale che testimonia qualcosa in più, una fiducia in ascesa che chilometro dopo chilometro sta trovando conferme importanti nell’unico luogo che conta: la pista.

L’impressione è che in Ferrari non vogliano tassativamente creare aspettative superiori a ciò che la squadra può realmente garantire in pista, ma dopo un segnale incoraggiante arrivato in Bahrain, oggi ad Imola i riscontri sono stati di profilo ancora più alto.

Non parliamo di una Ferrari in grado di spaventare Mercedes e Red Bull, perché la Formula 1 non è terra di miracoli, ma di una squadra che punta con decisione a quel ruolo di terza forza che ad inizio anno è stato l’obiettivo fissato da Mattia Binotto.

Gli effetti del lavoro svolto a Maranello emersi in Bahrain sono stati i progressi confermati dalla power unit, mentre il primo assaggio di Imola hanno evidenziato la capacità della SF21 di mandare in temperatura gli pneumatici.

Uno dei talloni d’Achille che per tante stagioni hanno tolto il sonno ai tecnici che si sono avvicendati a Maranello, e che oggi sembra essere (il condizionale è ancora d’obbligo) non più un problema ma un bonus molto prezioso.

Bene il giro secco ed il passo gara

Il venerdì di Imola in cifre dice che Charles Leclerc, su una delle piste che ama di più, ha il giro veloce di giornata, anche se non riportato (giustamente) in classifica, poiché il monegasco ha oltrepassato i limiti della pista alla Piratella.

Mettendo anche in conto un paio di decimi di guadagno, il crono di 1’15”367 è comunque un tempo di rilievo assoluto, e la concorrenza lo ha preso in considerazione nei briefing a fine giornata.

Serve però molta cautela in vista delle qualifiche di domani, poiché i dati gps emersi oggi hanno confermato una modalità di motore della Mercedes molto conservativa, a conferma dei timori (condivisi con il box Red Bull) sul fronte affidabilità in chiave ‘mondiale’.

Molto buoni sono stati anche i riscontri confermati dalla Ferrari nelle simulazioni di gara, sia con Leclerc che con Sainz, ed entrambi hanno confermato dei buoni feedback al termine della FP2. “La giornata di oggi è stata senz’altro positiva – ha commentato Leclerc - nonostante il tempo perso nella prima sessione e l’incidente alla fine della seconda. La vettura è veloce, il bilanciamento è buono e mi sono sentito a mio agio immediatamente. Ovviamente soltanto domani sapremo quali sono i veri valori in campo, anche perché forse qualcuno non ha ancora mostrato tutto il proprio potenziale”.

“Al termine della sessione FP2 ho commesso un errore mentre stavo spingendo a fondo in configurazione gara – ha concluso Charles - mi dispiace per i ragazzi ma per fortuna mancavano solo due minuti. Sono stato contento del mio giro secco: il tempo che mi è stato cancellato per una manciata di centimetri sarebbe stato il migliore e anche sulla distanza credo che abbiamo trovato un buon bilanciamento. La pista è bellissima e non vedo l’ora di tornare in macchina domani per la qualifica, dove penso che un buon risultato possa essere alla nostra portata”.

Obiettivo ‘primi degli altri’

Un risultato che realisticamente potrebbe essere subito alle spalle dei “magnifici 3” qualora Sergio Perez dovesse pagare ancora un gap importante in qualifica nei confronti di Verstappen, o comunque una terza fila che sembra decisamente alla portata.

Leclerc, soprattutto sul giro veloce, sembra avere un passo diverso rispetto a Sainz, ma lo spagnolo sta proseguendo nel suo percorso di adattamento con ottimismo.

“Oggi per me è stata una giornata importante – ha commentato Carlos - perché non vedevo l’ora di provare questa vettura su una pista diversa dal Bahrain in condizioni differenti per tipo di asfalto e temperature, il che ha sicuramente reso oggi molto interessante".

"Pensiamo di essere probabilmente un po' più competitivi questo fine settimana e in generale il feeling con la macchina è stato buono in quanto le condizioni ci si adattano meglio; c’è più grip e mi sto divertendo, acquisendo fiducia giro dopo giro e cercando di trovare il limite in tutta la pista. Non sono ancora arrivato a sfruttare appieno il potenziale, ma oggi è stato un buon inizio di fine settimana e abbiamo ancora le FP3 per mettere a punto tutto in vista delle qualifiche di domani”.

Charles Leclerc, Ferrari SF21 va contro il muro, all'uscita della Rivazza

Charles Leclerc, Ferrari SF21 va contro il muro, all'uscita della Rivazza
1/11

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21, esce dalla sua monoposto

Charles Leclerc, Ferrari SF21, esce dalla sua monoposto
2/11

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21, scende dalla macchina dopo l'incidente

Charles Leclerc, Ferrari SF21, scende dalla macchina dopo l'incidente
3/11

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21, ritorna ai box a piedi dopo l'incidente nelle Prove Libere 2

Charles Leclerc, Ferrari SF21, ritorna ai box a piedi dopo l'incidente nelle Prove Libere 2
4/11

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

L'auto di Charles Leclerc, Ferrari SF21 viene caricata sul carroattrezzi

L'auto di Charles Leclerc, Ferrari SF21 viene caricata sul carroattrezzi
5/11

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

I danni sull'auto di Charles Leclerc, Ferrari SF21 dopo l'incidente

I danni sull'auto di Charles Leclerc, Ferrari SF21 dopo l'incidente
6/11

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21

Charles Leclerc, Ferrari SF21
7/11

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21

Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21
8/11

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21

Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21
9/11

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21

Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21
10/11

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21

Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21
11/11

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Mercedes cresciuta, ma la Red Bull non si è vista

Articolo precedente

Mercedes cresciuta, ma la Red Bull non si è vista

Prossimo Articolo

Szafnauer è solo nella Crociata Aston Martin contro la FIA

Szafnauer è solo nella Crociata Aston Martin contro la FIA
Carica commenti
F1 Stories: Ferrari e Francia, un fil rouge leggendario Prime

F1 Stories: Ferrari e Francia, un fil rouge leggendario

Cos'hanno in comune la corsa più antica della storia automobilistica e la Scuderia più leggendaria di sempre? Un filo conduttore glorioso fatto di 17 vittorie. Andiamo a scoprire insieme alcune delle imprese memorabili compiute dalla Scuderia Ferrari al Gran Premio di Francia.

Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna Prime

Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna

Si sta facendo un gran parlare attorno alle ali flessibili in Formula 1. A partire dal GP di Francia, la situazione dovrebbe normalizzarsi, ma ecco cos'ha causato l'oggetto del contendere tra Mercedes e Red Bull

Formula 1
12 giu 2021
Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21 Prime

Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21

La Scuderia è terza nel mondiale Costruttori con 92 punti davanti alla McLaren: la SF21 ha un potenziale nettamente superiore a quello della SF1000, ma la Rossa finora ha raccolto meno del potenziale mostrato in pista. Andiamo a capire perché c'è una differenza fra il giro secco e il passo gara, per capire come mai a due pole position conquistate in prova non abbia corrisposto almeno una vittoria.

Formula 1
11 giu 2021
Chinchero racconta Ricciardo (p. 1) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p. 1) - It's a long way to the top

15esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 1).

Formula 1
10 giu 2021
Perez: l'alfiere di re Max nella partita a scacchi per il titolo Prime

Perez: l'alfiere di re Max nella partita a scacchi per il titolo

Con la vittoria a Baku il messicano ha portato punti preziosi nel Costruttori ed ha dimostrato come in questa stagione, nella lotta tra Verstappen e Hamilton, le seconde guide dei due team di punta avranno un ruolo determinante.

Formula 1
10 giu 2021
GP Baku: Perez trionfa nel week end nero Mercedes Prime

GP Baku: Perez trionfa nel week end nero Mercedes

Sergio Perz ha vinto in maniera rocambolesca il Gran Premio d'Azerbaijan, sesta prova del Mondiale 2021 di Formula 1. Il messicano ha avuto la meglio di Vettel e Gasly, con Verstappen out a tre giri dal termine dopo aver ampiamente dominato la corsa

Formula 1
10 giu 2021
Bottas: il vero punto debole della Mercedes Prime

Bottas: il vero punto debole della Mercedes

Valtteri Bottas è il protagonista indiscusso di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il finlandese in Azerbaijan ha vissuto uno dei suoi fine settimana peggiori da quando è in Mercedes. Proviamo a capire ed analizzare quali fattori possono aver portato a ciò.

Formula 1
8 giu 2021
GP d'Azerbaijan: caos, rimonte e sorprese a Baku Prime

GP d'Azerbaijan: caos, rimonte e sorprese a Baku

Il GP d'Azerbaijan di Formula 1 non è stato per nulla avaro di sorprese. A Baku abbiamo assistito ad una gara animata da ricchi colpi di scena, con cambi al vertice e situazioni insperate. Ecco com'è andata nella nostra esclusiva animazione grafica

Formula 1
7 giu 2021