Ferrari nascosta, il potenziale è più alto di quello che si è visto

La squadra del Cavallino non ha cercato il tempo, utilizzando solo un treno di gomme soft e sparando il tempo prima degli avversari, quando la pista aveva meno grip. I due piloti sono ottimisti sul weekend di Sochi perché hanno lavorato molto in funzione della gara, traendo buone indicazioni dai long run. Leclerc soddisfatto del motore evo: "Ho sentito che è un po' meglio, il che è fantastico, e ovviamente i dati lo hanno confermato”.

Ferrari nascosta, il potenziale è più alto di quello che si è visto

Per analizzare gli obiettivi a cui la Ferrari potrà ambire nel weekend di Sochi è meglio lasciare da parte i riscontri emersi dalle simulazioni di qualifica completate nella sessione FP2.

La settima posizione di Carlos Sainz e la decima di Charles Leclerc non sono molto indicative del potenziale reale delle due rosse. I due ferraristi hanno utilizzato un solo set di pneumatici soft (al contrario di molti avversari diretti) e anticipando anche un po' i tempi del giro veloce, utilizzando di conseguenza una pista meno gommata.

Più interessanti sono i dati delle simulazioni di gara, ed è qui che (un po' a sorpresa) è emersa una Ferrari a suo agio con le diciotto curve di Sochi. Tolte le due Mercedes e Max Verstappen, i riscontri più interessanti sono arrivati proprio da Sainz e Leclerc, veloci e costanti con la gomma media, candidata ad essere il pneumatico più gettonato nella gara di domenica.

Il problema che accomuna Leclerc e Verstappen è la posizione di partenza, visto che entrambi scatteranno dall’ultima fila a causa del cambio di power unit, ma per Sainz potrebbe presentarsi la possibilità concreta di puntare ad un risultato importante.

Ovviamente nel venerdì della Ferrari c’è stata molta attenzione ai riscontri arrivati dalla monoposto di Leclerc, equipaggiata con la power unit aggiornata.
“È andata molto bene – ha commentato Charles - è stata una giornata positiva. Quando si porta in pista un cambiamento di peso è bello vedere che tutto funziona come previsto. Per quanto riguarda il lavoro ci siamo concentrati principalmente sulla gara, visto che nel mio caso partirò in ultima fila, e sono arrivati dei riscontri positivi. Il motore? Ho sentito che è un po' meglio, il che è fantastico, e ovviamente i dati lo hanno confermato”.

Il sorriso di Leclerc ha contagiato anche Sainz. “È stata una buona giornata per la squadra – ha confermato Carlos - siamo riusciti a testare la PU con Charles senza riscontrare problemi ed è un aspetto incoraggiante. Da parte mia ho avuto una buona giornata, giro dopo giro ho preso le misure ad una pista su cui serve molto la fiducia, viste le tante curve a 90 gradi".

"Molti dei nostri avversari hanno montato un secondo set di gomme soft, credo lo abbiano fatto per il rischio pioggia, ma sono abbastanza fiducioso che ci sarà una qualifica. Ecco perché noi, come squadra, abbiamo deciso di non provarci, crediamo che le possibilità di qualificarsi con i tempi della FP2 siano abbastanza scarse. Penso che se ci saranno dei problemi nella giornata di domani (si attende una forte perturbazione) Formula 1 spingerà per disputare la qualifica domenica mattina”.

 

Ci sono però due punti interrogativi in vista della gara. Per Sainz è l’incognita legata al graining: “È l'unica cosa che ci preoccupa al momento, non siamo del tutto sicuri se avremo a che fare o meno con il graining. Sappiamo che per noi è un problema importante, soprattutto sulle gomme anteriori, quindi dovremo lavorare su questo aspetto in vista di domenica”. Per Leclerc, invece, la preoccupazione è la necessità di recuperare posizioni. “Ho provato a verificare durante la FP2 – ha confermato Charles – ed è stato molto difficile. Farò del mio meglio, ma domenica mi aspetto una gara non semplice”.

condivisioni
commenti
Red Bull: c'è un mini nolder sull'ala anteriore

Articolo precedente

Red Bull: c'è un mini nolder sull'ala anteriore

Prossimo Articolo

Leclerc: "La power unit va un po' meglio, i dati lo confermano"

Leclerc: "La power unit va un po' meglio, i dati lo confermano"
Carica commenti
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021