Ferrari nascosta, il potenziale è più alto di quello che si è visto

La squadra del Cavallino non ha cercato il tempo, utilizzando solo un treno di gomme soft e sparando il tempo prima degli avversari, quando la pista aveva meno grip. I due piloti sono ottimisti sul weekend di Sochi perché hanno lavorato molto in funzione della gara, traendo buone indicazioni dai long run. Leclerc soddisfatto del motore evo: "Ho sentito che è un po' meglio, il che è fantastico, e ovviamente i dati lo hanno confermato”.

Ferrari nascosta, il potenziale è più alto di quello che si è visto

Per analizzare gli obiettivi a cui la Ferrari potrà ambire nel weekend di Sochi è meglio lasciare da parte i riscontri emersi dalle simulazioni di qualifica completate nella sessione FP2.

La settima posizione di Carlos Sainz e la decima di Charles Leclerc non sono molto indicative del potenziale reale delle due rosse. I due ferraristi hanno utilizzato un solo set di pneumatici soft (al contrario di molti avversari diretti) e anticipando anche un po' i tempi del giro veloce, utilizzando di conseguenza una pista meno gommata.

Più interessanti sono i dati delle simulazioni di gara, ed è qui che (un po' a sorpresa) è emersa una Ferrari a suo agio con le diciotto curve di Sochi. Tolte le due Mercedes e Max Verstappen, i riscontri più interessanti sono arrivati proprio da Sainz e Leclerc, veloci e costanti con la gomma media, candidata ad essere il pneumatico più gettonato nella gara di domenica.

Il problema che accomuna Leclerc e Verstappen è la posizione di partenza, visto che entrambi scatteranno dall’ultima fila a causa del cambio di power unit, ma per Sainz potrebbe presentarsi la possibilità concreta di puntare ad un risultato importante.

Ovviamente nel venerdì della Ferrari c’è stata molta attenzione ai riscontri arrivati dalla monoposto di Leclerc, equipaggiata con la power unit aggiornata.
“È andata molto bene – ha commentato Charles - è stata una giornata positiva. Quando si porta in pista un cambiamento di peso è bello vedere che tutto funziona come previsto. Per quanto riguarda il lavoro ci siamo concentrati principalmente sulla gara, visto che nel mio caso partirò in ultima fila, e sono arrivati dei riscontri positivi. Il motore? Ho sentito che è un po' meglio, il che è fantastico, e ovviamente i dati lo hanno confermato”.

Il sorriso di Leclerc ha contagiato anche Sainz. “È stata una buona giornata per la squadra – ha confermato Carlos - siamo riusciti a testare la PU con Charles senza riscontrare problemi ed è un aspetto incoraggiante. Da parte mia ho avuto una buona giornata, giro dopo giro ho preso le misure ad una pista su cui serve molto la fiducia, viste le tante curve a 90 gradi".

"Molti dei nostri avversari hanno montato un secondo set di gomme soft, credo lo abbiano fatto per il rischio pioggia, ma sono abbastanza fiducioso che ci sarà una qualifica. Ecco perché noi, come squadra, abbiamo deciso di non provarci, crediamo che le possibilità di qualificarsi con i tempi della FP2 siano abbastanza scarse. Penso che se ci saranno dei problemi nella giornata di domani (si attende una forte perturbazione) Formula 1 spingerà per disputare la qualifica domenica mattina”.

 

Ci sono però due punti interrogativi in vista della gara. Per Sainz è l’incognita legata al graining: “È l'unica cosa che ci preoccupa al momento, non siamo del tutto sicuri se avremo a che fare o meno con il graining. Sappiamo che per noi è un problema importante, soprattutto sulle gomme anteriori, quindi dovremo lavorare su questo aspetto in vista di domenica”. Per Leclerc, invece, la preoccupazione è la necessità di recuperare posizioni. “Ho provato a verificare durante la FP2 – ha confermato Charles – ed è stato molto difficile. Farò del mio meglio, ma domenica mi aspetto una gara non semplice”.

condivisioni
commenti
Red Bull: c'è un mini nolder sull'ala anteriore
Articolo precedente

Red Bull: c'è un mini nolder sull'ala anteriore

Prossimo Articolo

Leclerc: "La power unit va un po' meglio, i dati lo confermano"

Leclerc: "La power unit va un po' meglio, i dati lo confermano"
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura” Prime

Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura”

Insieme a Franco Nugnes ed al dottor Riccardo Ceccarelli andiamo ad analizzare quanto successo in occasione dell'ultimo GP di Formula 1 a Jeddah, dove i piloti si sono dimostrati più forti della paura

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Formula 1
7 dic 2021
Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021