Ferrari nascosta, il potenziale è più alto di quello che si è visto

La squadra del Cavallino non ha cercato il tempo, utilizzando solo un treno di gomme soft e sparando il tempo prima degli avversari, quando la pista aveva meno grip. I due piloti sono ottimisti sul weekend di Sochi perché hanno lavorato molto in funzione della gara, traendo buone indicazioni dai long run. Leclerc soddisfatto del motore evo: "Ho sentito che è un po' meglio, il che è fantastico, e ovviamente i dati lo hanno confermato”.

Ferrari nascosta, il potenziale è più alto di quello che si è visto

Per analizzare gli obiettivi a cui la Ferrari potrà ambire nel weekend di Sochi è meglio lasciare da parte i riscontri emersi dalle simulazioni di qualifica completate nella sessione FP2.

La settima posizione di Carlos Sainz e la decima di Charles Leclerc non sono molto indicative del potenziale reale delle due rosse. I due ferraristi hanno utilizzato un solo set di pneumatici soft (al contrario di molti avversari diretti) e anticipando anche un po' i tempi del giro veloce, utilizzando di conseguenza una pista meno gommata.

Più interessanti sono i dati delle simulazioni di gara, ed è qui che (un po' a sorpresa) è emersa una Ferrari a suo agio con le diciotto curve di Sochi. Tolte le due Mercedes e Max Verstappen, i riscontri più interessanti sono arrivati proprio da Sainz e Leclerc, veloci e costanti con la gomma media, candidata ad essere il pneumatico più gettonato nella gara di domenica.

Il problema che accomuna Leclerc e Verstappen è la posizione di partenza, visto che entrambi scatteranno dall’ultima fila a causa del cambio di power unit, ma per Sainz potrebbe presentarsi la possibilità concreta di puntare ad un risultato importante.

Ovviamente nel venerdì della Ferrari c’è stata molta attenzione ai riscontri arrivati dalla monoposto di Leclerc, equipaggiata con la power unit aggiornata.
“È andata molto bene – ha commentato Charles - è stata una giornata positiva. Quando si porta in pista un cambiamento di peso è bello vedere che tutto funziona come previsto. Per quanto riguarda il lavoro ci siamo concentrati principalmente sulla gara, visto che nel mio caso partirò in ultima fila, e sono arrivati dei riscontri positivi. Il motore? Ho sentito che è un po' meglio, il che è fantastico, e ovviamente i dati lo hanno confermato”.

Il sorriso di Leclerc ha contagiato anche Sainz. “È stata una buona giornata per la squadra – ha confermato Carlos - siamo riusciti a testare la PU con Charles senza riscontrare problemi ed è un aspetto incoraggiante. Da parte mia ho avuto una buona giornata, giro dopo giro ho preso le misure ad una pista su cui serve molto la fiducia, viste le tante curve a 90 gradi".

"Molti dei nostri avversari hanno montato un secondo set di gomme soft, credo lo abbiano fatto per il rischio pioggia, ma sono abbastanza fiducioso che ci sarà una qualifica. Ecco perché noi, come squadra, abbiamo deciso di non provarci, crediamo che le possibilità di qualificarsi con i tempi della FP2 siano abbastanza scarse. Penso che se ci saranno dei problemi nella giornata di domani (si attende una forte perturbazione) Formula 1 spingerà per disputare la qualifica domenica mattina”.

 

Ci sono però due punti interrogativi in vista della gara. Per Sainz è l’incognita legata al graining: “È l'unica cosa che ci preoccupa al momento, non siamo del tutto sicuri se avremo a che fare o meno con il graining. Sappiamo che per noi è un problema importante, soprattutto sulle gomme anteriori, quindi dovremo lavorare su questo aspetto in vista di domenica”. Per Leclerc, invece, la preoccupazione è la necessità di recuperare posizioni. “Ho provato a verificare durante la FP2 – ha confermato Charles – ed è stato molto difficile. Farò del mio meglio, ma domenica mi aspetto una gara non semplice”.

condivisioni
commenti
Red Bull: c'è un mini nolder sull'ala anteriore
Articolo precedente

Red Bull: c'è un mini nolder sull'ala anteriore

Prossimo Articolo

Leclerc: "La power unit va un po' meglio, i dati lo confermano"

Leclerc: "La power unit va un po' meglio, i dati lo confermano"
Carica commenti
F1 | Mercedes: la paura che fa perdere i Mondiali Prime

F1 | Mercedes: la paura che fa perdere i Mondiali

La Mercedes è protagonista di questa nuova puntata de Il Primo degli Ultimi. Al team di Brackley viene imputata la mancanza di coraggio e di voglia di osare, figlia di chi è abituato ad anni di dominio incontrastato e ora che vede un mondiale scivolargli tra le dita, non vuole andare oltre ciò che dicono i dati per paura di rischiare troppo

Formula 1
26 ott 2021
Minardi: "Verstappen ha anche la maturità del fuoriclasse" Prime

Minardi: "Verstappen ha anche la maturità del fuoriclasse"

Il Gran Premio degli Stati Uniti ha regalato tante sorprese e delusioni. In questo nuovo video di Motorsport.com, ecco i voti ai piloti stilati e commentati da Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi.

Formula 1
26 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Max ha gestito il posteriore meglio di Lewis" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Max ha gestito il posteriore meglio di Lewis"

Max Verstappen ha saputo gestire meglio un posteriore instabile per tutti, in occasione del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1. L'olandese allunga in classifica su Hamilton, che lascia Austin con una vera e propria mazzata a livello morale

Formula 1
25 ott 2021
Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia" Prime

Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia"

Nuovo video di analisi tecnica di Motorsport.com. Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano quanto accaduto nel sabato di Austin, con una Red Bull che conquista una pole position e una grande occasione. C'è il rischio di ripetere un finale mondiale come Hill/Schumacher nel '94?

Formula 1
24 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Formula 1
23 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021