Ferrari: l'arcano delle gomme che non funzionano

Il quarto tempo di Leclerc nelle prove libere del GP di Gran Bretagna a solo tre decimi dalla testa non deve illludere: Charles Leclerc è riuscito a inventare un giro sulla veloce pista di Silverstone, ma la Rossa non è in grado di reggere il passo degli avversari top nei long run. A Maranello hanno puntato su ali molto scariche e un assetto Rake più spinto ma non hanno capito come far funzionare le gomme.

Ferrari: l'arcano delle gomme che non funzionano

Charles Leclerc quarto a 296 millesimi dalla testa della tabella dei tempi. La Ferrari SF1000 come una fetta di prosciutto in mezzo al panino delle Mercedes, terza quella di Bottas e quinta quella di Hamilton. Il verdetto della prima giornata di prove libere del GP di Gran Bretagna indicherebbe che l’Ungheria è lontana. L’infamante doppiaggio di Budapest appartiene al passato?

La Scuderia, dopo la ridistribuzione dei ruoli all’interno della Gestione Sportiva, ha trovato un punto per ripartire? Non bisogna lasciarsi travolgere dalle apparenze, perché la realtà è diversa: nuda e cruda. La sostanza non è cambiata. Anzi è la stessa dell’Hungaroring: a Maranello non hanno ancora capito come bisogna far funzionare le gomme Pirelli.

Un arcano che si trascina dal 2019 a cui non è stata trovata una soluzione, ma che nel dilemma ha macinato ben due macchine. Sbagliate. Non ha funzionato quella a bassa resistenza aerodinamica (la SF90) e nemmeno quella che cercava il carico e ha trovato il drag (la SF1000). Il quesito non ha trovato una risposta, sebbene gli pneumatici siano gli stessi dello scorso anno. E, quindi, ci troviamo con una Ferrari inadeguata che annaspa, sperando che arrivi Godot.

La Ferrari si è presentata a Silverstone con le ali più scariche dello schieramento (mentre quelle della Racing Point erano quelle più cariche), confidando che la nuova sospensione a controllo pneumatico funzioni in modo dignitoso consentendo di adottare l’assetto Rake che era stato pensato in sede di progetto. L’intenzione sarebbe di trovare la spinta verticale dal corpo vettura più che dagli alettoni: il tentativo ha prodotto buone velocità massime nel primo settore e un tempo decente nel giro secco.

Ma è impossibile sperare di ripetere la prestazione in un long run perché i piloti non riescono a disegnare le traiettorie ideali, ma sono costretti ad aggrapparsi al volante per combattere il sovrasterzo nel veloce e il sottosterzo nel lento.

Leclerc è un maestro nel condurre macchine con il dietro che si muove, mentre Vettel si inibisce e somma un errore a quell’altro. La simulazione di durata è stata una delusione perché a un primo giro così così c’è stato un importante incremento dei tempi perché le gomme vanno in “pappa” troppo in fretta e i piloti sono costretti a remare.

Non sarà questa la Ferrari della rinascita, mettiamocelo bene in testa. La riprova l’abbiamo avuta oggi: Sebastian ha rinunciato al primo turno per un problema all’intercooler del turbo, poi risolto, e nel pomeriggio ha fatto i conti con qualcosa che gli ballava sui piedi, tant’è che gli hanno sostituito la pedaliera. Due problemi di affidabilità che non sono accettabili per una squadra che ha seri problemi nel cercare le prestazioni.

Nel momento in cui ci sarebbe bisogno di fare chilometri per raccogliere informazioni utili a indirizzare lo sviluppo che non c’è, il pilota d’esperienza resta ai box a fare i conti anche con quello che si rompe.

La fiducia che il presidente John Elkann ha distribuito all’intera squadra serve a non destabilizzare l’ambiente, ma quando inizierà la ristrutturazione del Reparto Corse per i tagli di personale dovuti al Budget cap si comincerà a fare sul serio. E solo allora si capirà se ci sarà una Rifondazione ferrarista…

condivisioni
commenti
Stroll prova a scrollarsi l'etichetta di "pilota pagante"
Articolo precedente

Stroll prova a scrollarsi l'etichetta di "pilota pagante"

Prossimo Articolo

Renault: telaio nuovo per Ricciardo, violato il coprifuoco

Renault: telaio nuovo per Ricciardo, violato il coprifuoco
Carica commenti
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021
Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021
F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum Prime

F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum

In Qatar abbiamo assistito all'ennesima, stucchevole situazione in cui i toni dei contendenti al titolo iridato si sono alzati in maniera esagerata. Oltre a quello, situazione che avevamo preso in esame, all'indice va messo il comportamento di chi governa il Circus iridato, più simile a quello di sceneggiatori alle prese con una serie tv anziché con una pagina clamorosa di storia dello sport.

Formula 1
23 nov 2021