Ferrari: l'arcano delle gomme che non funzionano

Il quarto tempo di Leclerc nelle prove libere del GP di Gran Bretagna a solo tre decimi dalla testa non deve illludere: Charles Leclerc è riuscito a inventare un giro sulla veloce pista di Silverstone, ma la Rossa non è in grado di reggere il passo degli avversari top nei long run. A Maranello hanno puntato su ali molto scariche e un assetto Rake più spinto ma non hanno capito come far funzionare le gomme.

Ferrari: l'arcano delle gomme che non funzionano

Charles Leclerc quarto a 296 millesimi dalla testa della tabella dei tempi. La Ferrari SF1000 come una fetta di prosciutto in mezzo al panino delle Mercedes, terza quella di Bottas e quinta quella di Hamilton. Il verdetto della prima giornata di prove libere del GP di Gran Bretagna indicherebbe che l’Ungheria è lontana. L’infamante doppiaggio di Budapest appartiene al passato?

La Scuderia, dopo la ridistribuzione dei ruoli all’interno della Gestione Sportiva, ha trovato un punto per ripartire? Non bisogna lasciarsi travolgere dalle apparenze, perché la realtà è diversa: nuda e cruda. La sostanza non è cambiata. Anzi è la stessa dell’Hungaroring: a Maranello non hanno ancora capito come bisogna far funzionare le gomme Pirelli.

Un arcano che si trascina dal 2019 a cui non è stata trovata una soluzione, ma che nel dilemma ha macinato ben due macchine. Sbagliate. Non ha funzionato quella a bassa resistenza aerodinamica (la SF90) e nemmeno quella che cercava il carico e ha trovato il drag (la SF1000). Il quesito non ha trovato una risposta, sebbene gli pneumatici siano gli stessi dello scorso anno. E, quindi, ci troviamo con una Ferrari inadeguata che annaspa, sperando che arrivi Godot.

La Ferrari si è presentata a Silverstone con le ali più scariche dello schieramento (mentre quelle della Racing Point erano quelle più cariche), confidando che la nuova sospensione a controllo pneumatico funzioni in modo dignitoso consentendo di adottare l’assetto Rake che era stato pensato in sede di progetto. L’intenzione sarebbe di trovare la spinta verticale dal corpo vettura più che dagli alettoni: il tentativo ha prodotto buone velocità massime nel primo settore e un tempo decente nel giro secco.

Ma è impossibile sperare di ripetere la prestazione in un long run perché i piloti non riescono a disegnare le traiettorie ideali, ma sono costretti ad aggrapparsi al volante per combattere il sovrasterzo nel veloce e il sottosterzo nel lento.

Leclerc è un maestro nel condurre macchine con il dietro che si muove, mentre Vettel si inibisce e somma un errore a quell’altro. La simulazione di durata è stata una delusione perché a un primo giro così così c’è stato un importante incremento dei tempi perché le gomme vanno in “pappa” troppo in fretta e i piloti sono costretti a remare.

Non sarà questa la Ferrari della rinascita, mettiamocelo bene in testa. La riprova l’abbiamo avuta oggi: Sebastian ha rinunciato al primo turno per un problema all’intercooler del turbo, poi risolto, e nel pomeriggio ha fatto i conti con qualcosa che gli ballava sui piedi, tant’è che gli hanno sostituito la pedaliera. Due problemi di affidabilità che non sono accettabili per una squadra che ha seri problemi nel cercare le prestazioni.

Nel momento in cui ci sarebbe bisogno di fare chilometri per raccogliere informazioni utili a indirizzare lo sviluppo che non c’è, il pilota d’esperienza resta ai box a fare i conti anche con quello che si rompe.

La fiducia che il presidente John Elkann ha distribuito all’intera squadra serve a non destabilizzare l’ambiente, ma quando inizierà la ristrutturazione del Reparto Corse per i tagli di personale dovuti al Budget cap si comincerà a fare sul serio. E solo allora si capirà se ci sarà una Rifondazione ferrarista…

condivisioni
commenti
Stroll prova a scrollarsi l'etichetta di "pilota pagante"

Articolo precedente

Stroll prova a scrollarsi l'etichetta di "pilota pagante"

Prossimo Articolo

Renault: telaio nuovo per Ricciardo, violato il coprifuoco

Renault: telaio nuovo per Ricciardo, violato il coprifuoco
Carica commenti
Condizionamenti F1: Wolff e Horner, attenti a quei due! Prime

Condizionamenti F1: Wolff e Horner, attenti a quei due!

Lewis Hamilton e Max Verstappen se le sono suonate in pista a Silverstone, mentre Toto Wolff e Christian Horner continuano a beccarsi a livello mediatico. I due team principal stanno alimentando la rivalità sportiva con comportamenti e dichiarazioni che andrebbero misurati. Quali saranno gli effetti in Ungheria di questi atteggiamenti aggressivi e utilitaristici?

F1 '96 e GP2: dove sono nati i videogames di Formula 1 Prime

F1 '96 e GP2: dove sono nati i videogames di Formula 1

Grand Prix 2 e Formula 1 '96 sono due giochi che hanno segnato un'era a cavallo della metà degli anni '90. Titoli di riferimento al momento dell'uscita, possono essere riconosciuti come veri e propri precursori del genere arcade e simulativo che ha aperto la strada ai videogames odierni

Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari Prime

Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari

Nonostante la giovane età Callum Ilott ha vissuto numerose esperienze nel motorsport. Dopo essere stato scaricato da Helmut Marko, l'inglese ha trovato una seconda opportunità con la Ferrari e adesso punta con decisione ad un ruolo da titolare in F1 nel 2022.

Formula 1
26 lug 2021
F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring Prime

F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring

Piquet, Senna, Schumacher, Vettel... questi sono solo quattro dei tanti nomi che hanno contribuito a fare la storia del Gran Premio d'Ungheria di Formula 1. Riviviamo insieme alcuni degli episodi più significativi della gara ungherese.

Formula 1
26 lug 2021
Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita Prime

Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita

A Silverstone la Scuderia ha sfiorato una clamorosa vittoria con Charles Leclerc. La SF21 è molto migliorata nella gestione delle gomme Pirelli (specie con la mescola media), ma per estrarre il massimo dalla Rossa i due piloti devono portarla il più avanti possibile in qualifica.

Formula 1
24 lug 2021
F1 2021: piloti dal salotto di casa Prime

F1 2021: piloti dal salotto di casa

Andiamo ad analizzare da vicino F1 2021, il videogame dedicato alla stagione attuale di Formula 1 realizzato da Codemasters

Formula 1
24 lug 2021
Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top

16esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 2).

Formula 1
22 lug 2021
Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia Prime

Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia

La storia della Formula 1 è ricca di incidenti, toccatine maliziose e vere e proprie vendette all'arma bianca entrate nell'immaginario collettivo di chi ama questo sport. E quanto visto domenica a Silverstone tra Hamilton e Verstappen sembra non essere destinato a rimanere un caso isolato...

Formula 1
22 lug 2021