F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Ferrari: la SF1000 dal fondo emerge una deriva positiva

La squadra del Cavallino ha saputo ottimizzare a Silverstone il potenziale della SF1000 riuscendo a sfruttare le gomme Pirelli sulla pista inglese: sul fondo si è notato un vistoso flap verticale che era passato inosservato nel GP di Gran Bretagna perché resta nascosto sotto al terzo alettone centrale. Sono attese delle novità per il GP di Spagna di questo weekend se arriveranno pronte in tempo.

Ferrari: la SF1000 dal fondo emerge una deriva positiva

La Ferrari in Gran Bretagna ha ottimizzato il comportamento della SF1000 e ha portato a casa un buon quarto posto con Charles Leclerc.

Confronto dell'ala anteriore della Ferrari SF1000 fra GP d'Ungheria (carica) e GP di Gran Bretagna (scarica)

Confronto dell'ala anteriore della Ferrari SF1000 fra GP d'Ungheria (carica) e GP di Gran Bretagna (scarica)

Photo by: Giorgio Piola

Mentre tutte le altre squadre hanno puntato a scaricare le loro monoposto per il secondo GP a Silverstone, seguendo l’indirizzo indicato dalla Ferrari con un’ala posteriore particolarmente scarica, i tecnici di Maranello sono andati nella direzione opposta cercando un po’ più di spinta verticale dalle ali per sfruttare meglio il potenziale delle gomme Pirelli di mescola C2, C3 e C4.

Dettagli dell'ala posteriore scarica della Ferrari SF1000 vista a Silverstone

Dettagli dell'ala posteriore scarica della Ferrari SF1000 vista a Silverstone

Photo by: Giorgio Piola

La gara del 70° anniversario della F1 ha indicato che nella Gestione Sportiva forse hanno capito come mantenere nella giusta finestra di temperature gli pneumatici della SF1000, mentre Renault, McLaren e anche Racing Point si sono perse proprio in questo campo.

La Rossa vista in Inghilterra era uguale a quella della settimana prima, ma a tutti era sfuggito che sul fondo della SF1000, proprio sotto la terza ala centrale sia apparso un pur vistoso separatore di flussi verticale che è ormai parte integrante dell’ultima versione del fondo.

La Ferrari è riuscita a riportarsi al terzo posto nel mondiale Costruttori in una corsa che faceva presupporre una possibile Caporetto dopo la deludente qualifica.

Charles Leclerc ha confermato di aver corretto uno dei difetti dello scorso anno, quando non sapeva gestire la durata degli pneumatici inseguendo le prestazioni pure, mentre adesso il monegasco mostra una maturità acquisita nel sapere rinunciare a un po’ di performance per garantirsi un piazzamento subito al di fuori dal podio.

Importante è stata anche l’oculata visione del muretto e del remote garage che ha dettato il passo a cui dove procedere il ragazzino e questi si è attenuto alle consegne come un veterano.

Diverso è il discorso per Sebastian Vettel che sembra essersi… perso. Tocca a Mattina Binotto ridare fiducia al tedesco che è in un momento nel quale è irriconoscibile: l’assetto aerodinamico molto scarico ha certamente penalizzato Seb, ma il rendimento generale (al netto dei molti problemi tecnici che hanno afflitto sempre e comunque la sua monoposto) è stato ben al di sotto delle aspettative.

In Spagna la Ferrari dovrà voltare pagina perché la pista di Barcellona richiede un approccio molto diverso da quello di Silverstone proprio nell’uso degli pneumatici che tornano a essere C1, C2, e C3 vale a dire la sequenza più dura fra i compound della Pirelli.

Si torna sulla pista dei test invernali dove la SF1000 sembrava pagare mezzo secondo alle Mercedes sul giro secco. Sarà interessante vedere se questo gap sarà cresciuto nel corso di questo difficile 2020…

condivisioni
commenti
Roy Nissany sulla Williams nelle Libere 1 di Barcellona

Articolo precedente

Roy Nissany sulla Williams nelle Libere 1 di Barcellona

Prossimo Articolo

Hulkenberg parla del 2021 con Alfa Romeo e Haas

Hulkenberg parla del 2021 con Alfa Romeo e Haas
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021