Ferrari: la AVL realizza il banco dinamico per la Rossa

La squadra del Cavallino avrà in casa uno strumento efficace quasi come se girasse in pista

Ferrari: la AVL realizza il banco dinamico per la Rossa

La Ferrari vuole essere all'avanguardia e sta mettendo a punto un inedito banco dinamico nella nuova sede della Gestione Sportiva. OmniCorse.it vi aveva anticipato a fine dicembre che la squadra del Cavallino rampante ha allacciato una collaborazione con la AVL di Graz, la società leader nella ricerca e simulazione sui motori e sui telai. La Gazzetta dello Sport, con la penna di Luigi Perna, ci dà conto che l'attività non si limita solo allo sviluppo dei pistoni e la camera di combustione della power unit della Rossa, ma ci sarebbe molto di più.

A Maranello hanno capito che il ritorno dei test in pista come base di lavoro per sviluppare una monoposto è un'utopia, per cui hanno deciso di dotarsi di un banco dinamico sul quale la monoposto completa potrà "girare" raccogliendo dati esattamente come se stesse effettuando un collaudo in pista.

Chiariamo subito che non si tratta di una galleria del vento, visto che l'aria che verrà immessa sarà solo quella necessaria al raffreddamento dei sistemi e non a svolgere un'indagine aerodiniamca (altrimenti la Ferrari infrangerebbe i limiti sulla ricerca in wind tunnel), ma si tratta di una piattaforma mobile con sofisticati sistemi di rilavazione dei dati utile alla delibera di ogni nuova soluzione meccanica olre che per la definizione degli assetti e la verifica delle strategie.

La Ferrari, per esempio, ha insistito per liberalizzare nel corso della stagione l'adozione dei 32 gettoni di sviluppo sulla power unit per una semplice ragione: non era in grado di mettere in... macchina tutte le soluzioni che sono allo studio nel raperto di Mattia Binotto, perché prima di essere deliberata ogni modifica deve essere sottoposta a simulazioni di vita di almeno cinque week end di Gran Premio.

A Maranello entro giugno saranno attivi quattro banchi dinamici (meno spinti di quello appena descritto) che permetteranno uno sviluppo molto più rapido delle soluzioni che potranno essere montate sulle Rosse.

Secondo la Gazzetta dello Sport a Maranello sarebbe stato finanziato un investimento di 40 milioni di euro per questo progetto. Va detto che non si tratta del primo team di Formula 1 che usa questi sistemi: la Red Bull, infatti, per cercare di risolvere i guai alla power unit Renault all'inizio della scorsa stagione aveva mandato una Toro Rosso alla sede AVL di Graz per fare girare la STR9. Il caso era emerso per una lettera anonima che aveva informato la FIA di questi test che erano stati considerati illegali da qualcuno.

I team principal sostengono che i test in pista sono troppo costosi, ma quando si investono 40 milioni di euro per un banco dinamico si capisce che si tratta solo di scuse belle e buone che alcuni team usano per mantenere il vantaggio tecnologico che hanno acquisito. E siccome la Ferrari non vuole più essere la "Cenerentola" della simulazione, si sta adeguando e rilancia dotandosi dei nuovi sistemi di ricerca.

condivisioni
commenti
La nuova Ferrari si vedrà fra il 28 e il 30 gennaio

Articolo precedente

La nuova Ferrari si vedrà fra il 28 e il 30 gennaio

Prossimo Articolo

La Ferrari col muso "Mercedes" si vedrà il 30 gennaio

La Ferrari col muso "Mercedes" si vedrà il 30 gennaio
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Kimi Raikkonen , Sebastian Vettel
Autore Franco Nugnes
Piola: "Monte Carlo, toboga che si prepara in modo unico" Prime

Piola: "Monte Carlo, toboga che si prepara in modo unico"

A meno di sette giorni dal Gran Premio di Monaco di Formula 1, Giorgio Piola e Franco Nugnes ci parlano delle novità tecniche che le scuderie erano solite realizzare per l'appuntamento nel Principato. E sulla flessione delle ali attuali scopriamo che...

Hamilton vs Verstappen: fino a quando il duello resterà pulito? Prime

Hamilton vs Verstappen: fino a quando il duello resterà pulito?

Nelle prime quattro gare della stagione Hamilton e Verstappen hanno regalato intense lotte ruota a ruota, senza mai arrivare allo scontro. Questa pace armata durerà quando si arriverà al momento clou della stagione?

Formula 1
15 mag 2021
Mick Schumacher: dopo 4 gare se la gioca già con la Williams Prime

Mick Schumacher: dopo 4 gare se la gioca già con la Williams

Il tedesco della Haas in queste prime quattro gare ha mostrato progressi evidenti e dopo aver annientato il suo compagno di team Mazepin è già riuscito a mettere sotto pressione in più di una occasione Latifi.

Formula 1
15 mag 2021
Tsunoda: il super esordio in F1 è un'arma a doppio taglio Prime

Tsunoda: il super esordio in F1 è un'arma a doppio taglio

I primi punti all'esordio in F1, a Sakhir, poi ecco le prime difficoltà. Analizziamo motivi e perché del momento duro che sta attraversando il promettente giapponese dell'AlphaTauri dopo un avvio di stagione folgorante.

Formula 1
14 mag 2021
Chinchero racconta Max Verstappen - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Max Verstappen - It's a long way to the top

14esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Max Verstappen. Buon ascolto!

Formula 1
13 mag 2021
F1 Stories: il GP di Spagna 2021 Prime

F1 Stories: il GP di Spagna 2021

Andiamo a ripercorrere tutte le emozioni che ci ha offerto il Gran Premio di Spagna di Formula 1

Formula 1
13 mag 2021
Bottas: come finire in un... buco nero Prime

Bottas: come finire in un... buco nero

Il finlandese sta vivendo una stagione in Mercedes molto diversa da quelle precedenti: sa di non essere in lizza per un rinnovo del contratto (il suo posto è promesso a Russell), non deve puntare a traguardi troppo ambiziosi altrimenti toglie punti a Hamilton nel duello con Verstappen, ma non può nemmeno tirare i remi in barca perché rischia di essere sostituito. Eppure sarà l'uomo determinante per conquistat dell'ottavo titolo Costruttori.

Formula 1
12 mag 2021
Alonso, torero dalla spada spuntata Prime

Alonso, torero dalla spada spuntata

Fernando Alonso ha chiuso il GP di Spagna di Formula 1 in diciassettesima posizione, doppiato e ben lontano dalla zona punti. L'asturiano è apparso in difficoltà per tutto il fine settimana, dove è stato regolarmente "suonato" dal compagno di team Esteban Ocon. L'augurio è che, da Monaco in avanti, Alonso possa invertire la china

Formula 1
11 mag 2021