Ferrari in prima fila: Sainz ripaga la chiamata giusta del muretto

Il pit-wall del Cavallino ha giocato un jolly che ha proiettato Carlos Sainz in seconda posizione nel GP della Russia. Il pilota spagnolo è stato perfetto nel gestire le gomme slick sull'asfalto umido, regalando alla Scuderia una partenza in prima fila accanto alla McLaren di Norris, mentre Leclerc cercherà di costruire una rimonta dall'ultima fila per la penalizzazione dovuta alla sostituzione della power unit.

Ferrari in prima fila: Sainz ripaga la chiamata giusta del muretto

C’è una Ferrari in prima fila a Sochi. Un risultato insperato, sul quale nessuno avrebbe scommesso alla vigilia delle qualifiche, ma alla luce di quanto emerso nel pomeriggio russo, di fatto meritato sul campo.

In circostanze ordinarie a fare la differenza sono le bontà tecniche della monoposto e quelle di guida del pilota, ma ci sono momenti in cui chi è al muretto box è chiamato a prendere delle decisioni che fanno la differenza, ed oggi il pit-wall della Ferrari (insieme ai colleghi di McLaren e Williams) ha giocato un jolly che ha proiettato Carlos Sainz in seconda posizione.

Dopo il nono tempo ottenuto dallo spagnolo nel primo ‘run’ della Q3 (completato con gomme intermedie) nel box del Cavallino hanno seguito la scelta fatta poco prima da George Russell, decidendo di mandare in pista Sainz con un set di soft.

Da perdere c’era poco, e la prospettiva di poter piazzare la zampata era di fatto allettante, al netto però di saper gestire la monoposto in condizioni di aderenza molto critica.

“È stata una sessione di qualifica difficile – ha commentato Sainz- e per questo sono orgoglioso di come siamo riusciti a mettere assieme un gran giro che ci ha posizionato in prima fila. Queste condizioni complicate mi piacciono e mi sono anche goduto l'ultimo tentativo con le slick. Siamo stati tra i primi a tagliare il traguardo e l'attesa per la conferma della seconda posizione è stata snervante, perché la pista si stava asciugando rapidamente!”.

Leggi anche:

La pole di Norris era nell’aria, visti i tempi ottenuti dall’inglese della McLaren nel primo e secondo settore, ma per il resto nessuno è riuscito a sopravanzare Sainz.
“Carlos è stato bravissimo – ha commentato Laurent Mekies - nel suo ultimo giro con le gomme da asciutto non era assolutamente facile trovare il giusto feeling. La squadra ha lavorato bene, facendo insieme al pilota le scelte giuste al momento giusto”.

Sainz e la Ferrari si sono messi in una posizione insperata sulla griglia di partenza, ed ora la domanda si sposta sui 53 giri in programma domani. A cosa potrà puntare Carlos?
“È molto probabile che sarà asciutto – ha spiegato lo spagnolo – e venerdì con le gomme slick abbiamo confermato un buon passo nei long run. Il graining sulle gomme anteriori sarà impegnativo da gestire ma darò tutto dal primo giro fino alla fine”.

Domani la Ferrari vedrà una monoposto in prima fila ed una in ultima, visto che Leclerc scatterà dalla diciannovesima posizione al fianco di Max Verstappen. Charles è sceso in pista solo nella Q1 solo per assaggiare la pista con le gomme intermedie:
“Le condizioni di oggi non si trovano molto spesso nell’arco di una stagione, e sono anche quelle nelle quali recentemente fatichiamo di più. Per questo, anche se sapevamo di partire dal fondo della griglia domani, abbiamo deciso che almeno nel Q1 valeva la pena di girare per fare un po’ di esperienza e abbiamo portato a termine questo obiettivo. Mi sono divertito a guidare, la pista aveva molto grip sul bagnato e abbiamo riscontrato con piacere che eravamo piuttosto competitivi”.

La speranza per la Ferrari è però una gara asciutta, soprattutto dopo i buoni riscontri emersi nelle simulazioni di venerdì, e una qualifica che un passo con le intermedie non dei migliori, visto che Sainz che ha dovuto far ricorso a due set di intermedie sia in Q1 che in Q2 per passare il taglio. “Sul bagnato abbiamo ancora alcuni problemi da risolvere – ha confermato Carlos - ma sull'asciutto siamo stati competitivi, ovviamente ci sono le due Mercedes e la Red Bull di Perez che domani saranno molto più veloci, ma lotteremo e proveremo a divertirci. Spero di riuscire a prendere Lando alla partenza, scattare dalla seconda posizione qui a Sochi è penalizzante perché vuol dire essere sul lato sporco, quindi dovrò studiare bene cosa fare, ma se riuscirò a prendere la scia della McLaren potrebbe arrivare l’opportunità di un sorpasso alla prima curva”.

condivisioni
commenti
A Sochi spunta la Formula Uomo nella F1 super tecnologica
Articolo precedente

A Sochi spunta la Formula Uomo nella F1 super tecnologica

Prossimo Articolo

Mercedes marca Verstappen: cambiata la power unit di Bottas

Mercedes marca Verstappen: cambiata la power unit di Bottas
Carica commenti
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021
Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021
F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum Prime

F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum

In Qatar abbiamo assistito all'ennesima, stucchevole situazione in cui i toni dei contendenti al titolo iridato si sono alzati in maniera esagerata. Oltre a quello, situazione che avevamo preso in esame, all'indice va messo il comportamento di chi governa il Circus iridato, più simile a quello di sceneggiatori alle prese con una serie tv anziché con una pagina clamorosa di storia dello sport.

Formula 1
23 nov 2021
Minardi: "Questa volta il voto 4 va alla FIA non ai piloti" Prime

Minardi: "Questa volta il voto 4 va alla FIA non ai piloti"

Il Gran Premio del Qatar ha ulteriormente inasprito il tono delle polemiche sportive legate alla stagione 2021 di Formula 1. Stavolta l'insufficienza pesante viene data alla FIA per come sta gestendo la situazione

Formula 1
22 nov 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis, una vittoria di gestione" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis, una vittoria di gestione"

In questa nuova puntata podcast di Piloti Top Secret, Matteo Bobbi e Beatrice Frangione commentano i fatti salienti e determinanti del GP del Qatar. Una lotta continua, che ha visto prevalere Lewis Hamilton, conquistatore della 102esima vittoria in carriera. Ecco svelato il segreto della sua vittoria...

Formula 1
22 nov 2021