Ferrari: il motore Superfast dispone di una nuova lega

La power unit destinata al progetto 672, la monoposto a effetto suolo con la quale la Ferrari deve tornare a lottare per il mondiale, sta crescendo al banco prova con risultati molto incoraggianti anche se i targe di potenza e affidabilità non sono ancora stati raggiunti. L'unità non avrà turbo e compressore separati, ma disporrà di inedite leghe che permetteranno di resistere alle sollecitazioni del 6 cilindri Superfast.

Ferrari: il motore Superfast dispone di una nuova lega

La Ferrari guarda al 2022 in modo ambizioso: il progetto della 672, la vettura a effetto suolo, sta crescendo nella Gestione Sportiva e comincia a montare l’inevitabile pressione per l’attesa di un ritorno della Rossa nella lotta per il titolo mondiale.

La power unit 065/6 è stata un netto passo avanti rispetto al motore dello scorso anno, ma ancora paga un gap di potenza dai propulsori di Mercedes e Honda. A Maranello, quindi, si sta lavorando sodo per deliberare entro il mese di dicembre una power unit che sia in grado di lottare al vertice.

Al banco prova sta girando il motore “Superfast” ideato da Wolf Zimmermann, l’ingegnere a capo degli studi avanzati, che è stato rivisto dallo staff diretto da Enrico Gualtieri. Non ci saranno turbo e compressore separati come hanno Mercedes e Honda (a questa soluzione si adeguerà anche Renault), ma resteranno uniti come oggi.

Ciò non toglie che ci saranno importanti novità nell’architettura del motore con un cassoncino di aspirazione inedito che permetterà di avere un sei cilindri particolarmente basso e compatto a favore dell’aerodinamica.

Il nome “Superfast” nasce da una fase di scoppio in camera di combustione che dovrà avere tempi di accensione rapidissimi. Verranno introdotti nuovi condotti di aspirazione molto lunghi, capaci di creare dei moti turbolenti che dovranno favorire la velocità di propagazione della fiamma, in modo da favorire un contemporaneo aumento di potenza e una riduzione dei consumi.

L’obiettivo è di crescere con la pressione in camera e per assicurare l’indispensabile affidabilità è stato necessario ricorrere a nuove leghe. Gli ambiziosi target di potenza e affidabilità ancora non sono stati raggiunti, ma dalle prime indiscrezioni che filtrano non sono lontani grazie a materiali più sofisticati frutto di studi molto avanzati.

I vincoli di sviluppo dettati dal contingentamento dei banchi prova rende le cose molto più difficili, ma non per questo a Maranello si sono persi d’animo, nella consapevolezza di essere arrivati alla svolta dopo un periodo di… passione.

condivisioni
commenti
F1: Mick Schumacher ha provato la Jordan del padre a Silverstone

Articolo precedente

F1: Mick Schumacher ha provato la Jordan del padre a Silverstone

Prossimo Articolo

Il Mugello è il circuito al mondo più sostenibile

Il Mugello è il circuito al mondo più sostenibile
Carica commenti
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA Prime

Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA

Emerson Fittipaldi non è stato soltanto uno dei più grandi talenti mai apparsi in Formula 1, ma ha scritto pagine di storia indelebili anche in IndyCar. Nigel Roebuck ne ripercorre la carriera attraverso le parole del brasiliano.

Formula 1
16 set 2021
Federica Masolin: "Amore per lo sport grazie alla...gelosia" Prime

Federica Masolin: "Amore per lo sport grazie alla...gelosia"

In questa nuova puntata de "Il Rosa dei Motori", Beatrice Frangione intervista Federica Masolin, giornalista e presentatrice della Formula 1 di Sky Sport. Federica si racconta, ripercorrendo gli anni di una carriera in giro per il mondo, di una vita piena di passioni e viaggi. Da piccola, il suo desiderio era diventare una rockstar. Poi, l'amore per lo sport le ha fatto cambiare idea...

Formula 1
16 set 2021
Ceccarelli: “Fra Max e Lewis vedremo altri contatti” Prime

Ceccarelli: “Fra Max e Lewis vedremo altri contatti”

Torna la rubrica del mercoledì mattina firmata Motorsport.com. In quest puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli tornano a parlare di quanto successo a Monza tra Lewis Hamilton e Max Verstappen. Non è la prima volta che i due vanno a contatto e non sarà nemmeno l'ultima, secondo Ceccarelli...

Formula 1
15 set 2021
"L'inutilità dell'Halo" e altri racconti di fantascienza Prime

"L'inutilità dell'Halo" e altri racconti di fantascienza

Puntata de Il Primo degli Ultimi dedicata a tutti coloro che criticano l'Halo, anche davanti alla sua indubbia utilità. Anche dopo quanto successo in quel di Monza tra Hamilton e Verstappen...

Formula 1
14 set 2021
Bobbi: "Max-Lewis, concorso di colpa. Ma Verstappen..." Prime

Bobbi: "Max-Lewis, concorso di colpa. Ma Verstappen..."

Analizziamo il GP d'Italia di Formula 1 vinto da Daniel Ricciardo su McLaren con Matteo Bobbi e Marco Congiu. Oltre al vincitore, a creare polemica è l'incidente che vede coinvolti Max Verstappen e Lewis Hamilton, con il pilota olandese che - nonostante il concorso di colpa - pare essere il maggior responsabile

Formula 1
13 set 2021
Minardi: "Max abbocca all'amo deve essere più maturo" Prime

Minardi: "Max abbocca all'amo deve essere più maturo"

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio d'Italia di Formula 1, con Daniel Ricciardo che riporta la McLaren alla vittoria. Protagonisti - ed insufficienti - sono anche Lewis Hamilton e Max Verstappen...

Formula 1
13 set 2021