Ferrari: il motore Superfast dispone di una nuova lega

La power unit destinata al progetto 672, la monoposto a effetto suolo con la quale la Ferrari deve tornare a lottare per il mondiale, sta crescendo al banco prova con risultati molto incoraggianti anche se i targe di potenza e affidabilità non sono ancora stati raggiunti. L'unità non avrà turbo e compressore separati, ma disporrà di inedite leghe che permetteranno di resistere alle sollecitazioni del 6 cilindri Superfast.

Ferrari: il motore Superfast dispone di una nuova lega

La Ferrari guarda al 2022 in modo ambizioso: il progetto della 672, la vettura a effetto suolo, sta crescendo nella Gestione Sportiva e comincia a montare l’inevitabile pressione per l’attesa di un ritorno della Rossa nella lotta per il titolo mondiale.

La power unit 065/6 è stata un netto passo avanti rispetto al motore dello scorso anno, ma ancora paga un gap di potenza dai propulsori di Mercedes e Honda. A Maranello, quindi, si sta lavorando sodo per deliberare entro il mese di dicembre una power unit che sia in grado di lottare al vertice.

Al banco prova sta girando il motore “Superfast” ideato da Wolf Zimmermann, l’ingegnere a capo degli studi avanzati, che è stato rivisto dallo staff diretto da Enrico Gualtieri. Non ci saranno turbo e compressore separati come hanno Mercedes e Honda (a questa soluzione si adeguerà anche Renault), ma resteranno uniti come oggi.

Ciò non toglie che ci saranno importanti novità nell’architettura del motore con un cassoncino di aspirazione inedito che permetterà di avere un sei cilindri particolarmente basso e compatto a favore dell’aerodinamica.

Il nome “Superfast” nasce da una fase di scoppio in camera di combustione che dovrà avere tempi di accensione rapidissimi. Verranno introdotti nuovi condotti di aspirazione molto lunghi, capaci di creare dei moti turbolenti che dovranno favorire la velocità di propagazione della fiamma, in modo da favorire un contemporaneo aumento di potenza e una riduzione dei consumi.

L’obiettivo è di crescere con la pressione in camera e per assicurare l’indispensabile affidabilità è stato necessario ricorrere a nuove leghe. Gli ambiziosi target di potenza e affidabilità ancora non sono stati raggiunti, ma dalle prime indiscrezioni che filtrano non sono lontani grazie a materiali più sofisticati frutto di studi molto avanzati.

I vincoli di sviluppo dettati dal contingentamento dei banchi prova rende le cose molto più difficili, ma non per questo a Maranello si sono persi d’animo, nella consapevolezza di essere arrivati alla svolta dopo un periodo di… passione.

condivisioni
commenti
F1: Mick Schumacher ha provato la Jordan del padre a Silverstone

Articolo precedente

F1: Mick Schumacher ha provato la Jordan del padre a Silverstone

Prossimo Articolo

Il Mugello è il circuito al mondo più sostenibile

Il Mugello è il circuito al mondo più sostenibile
Carica commenti
Condizionamenti F1: Wolff e Horner, attenti a quei due! Prime

Condizionamenti F1: Wolff e Horner, attenti a quei due!

Lewis Hamilton e Max Verstappen se le sono suonate in pista a Silverstone, mentre Toto Wolff e Christian Horner continuano a beccarsi a livello mediatico. I due team principal stanno alimentando la rivalità sportiva con comportamenti e dichiarazioni che andrebbero misurati. Quali saranno gli effetti in Ungheria di questi atteggiamenti aggressivi e utilitaristici?

F1 '96 e GP2: dove sono nati i videogames di Formula 1 Prime

F1 '96 e GP2: dove sono nati i videogames di Formula 1

Grand Prix 2 e Formula 1 '96 sono due giochi che hanno segnato un'era a cavallo della metà degli anni '90. Titoli di riferimento al momento dell'uscita, possono essere riconosciuti come veri e propri precursori del genere arcade e simulativo che ha aperto la strada ai videogames odierni

Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari Prime

Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari

Nonostante la giovane età Callum Ilott ha vissuto numerose esperienze nel motorsport. Dopo essere stato scaricato da Helmut Marko, l'inglese ha trovato una seconda opportunità con la Ferrari e adesso punta con decisione ad un ruolo da titolare in F1 nel 2022.

Formula 1
26 lug 2021
F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring Prime

F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring

Piquet, Senna, Schumacher, Vettel... questi sono solo quattro dei tanti nomi che hanno contribuito a fare la storia del Gran Premio d'Ungheria di Formula 1. Riviviamo insieme alcuni degli episodi più significativi della gara ungherese.

Formula 1
26 lug 2021
Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita Prime

Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita

A Silverstone la Scuderia ha sfiorato una clamorosa vittoria con Charles Leclerc. La SF21 è molto migliorata nella gestione delle gomme Pirelli (specie con la mescola media), ma per estrarre il massimo dalla Rossa i due piloti devono portarla il più avanti possibile in qualifica.

Formula 1
24 lug 2021
F1 2021: piloti dal salotto di casa Prime

F1 2021: piloti dal salotto di casa

Andiamo ad analizzare da vicino F1 2021, il videogame dedicato alla stagione attuale di Formula 1 realizzato da Codemasters

Formula 1
24 lug 2021
Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top

16esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 2).

Formula 1
22 lug 2021
Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia Prime

Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia

La storia della Formula 1 è ricca di incidenti, toccatine maliziose e vere e proprie vendette all'arma bianca entrate nell'immaginario collettivo di chi ama questo sport. E quanto visto domenica a Silverstone tra Hamilton e Verstappen sembra non essere destinato a rimanere un caso isolato...

Formula 1
22 lug 2021