Ferrari: ecco quanto vale l'ibrido evoluto di Leclerc

La squadra del Cavallino ha smarcato il quarto motore per Charles che andrà in penalità, per cui scatterà dal fondo della griglia del GP della Russia. La Scuderia introduce un nuovo sistema ibrido evoluto (non la MGU-K) che permette un incremento di potenza che non arriva a dieci cavalli, ma assicura una maggiore efficienza dell'impianto elettrico che si traduce anche in un risparmio di peso. La telemetria rivela che...

Ferrari: ecco quanto vale l'ibrido evoluto di Leclerc

Quanto vale davvero la power unit evoluta di Charles Leclerc? Il monegasco ha smarcato a Sochi la PU4 che lo costringe a partire dal fondo della griglia di partenza insieme a Max Verstappen.

La decisione di anticipare una tempistica che era prevista per il GP della Turchia è stata dettata da esigenze di affidabilità. La batteria utilizzata da Charles fino a Monza era la stessa del crash di Budapest, quando al via il filotto di Lance Stroll sul bagnato aveva provocato il Ko della power unit numero 2, salvando solo l’accumulatore a ioni di litio.

E, così, la Scuderia ha deciso di anticipare per Carletto l’uso di un motore fresco che adotta il sistema ERS destinato al propulsore Superfast 2022.

Leclerc non dispone di tutto il pacchetto ibrido nuovo perché la MGU-K è rimasta la stessa della PU3, sebbene nella prima comunicazione della FIA era stata annunciata l’omologazione di un’unità completa, poi corretta senza il motore elettrico che ricarica l’energia cinetica in frenata.

La Ferrari, quindi, ha smarcato una nuova batteria insieme alla MGU-H e alla centralina. Il pacchetto completo doveva valere una decina di cavalli (a Maranello insistono per un incremento di potenza a una sola cifra), ma lo 065/6 Evo a questo punto varrà forse qualcosa in meno.

Ecco la telemetria che confronta in FP1 le prestazioni di Leclerc e Sainz: si nota la maggiore efficienza dell'ibrido di Charles.

Ecco la telemetria che confronta in FP1 le prestazioni di Leclerc e Sainz: si nota la maggiore efficienza dell'ibrido di Charles.

Photo by: Matteo Bobbi

Eppure, andando ad analizzare le telemetrie sviluppate dal team di Matteo Bobbi nel primo turno di prove libere in Russia è emerso in modo piuttosto evidente che, al netto delle diverse configurazioni aerodinamiche in cui hanno girato i due ferraristi nelle libere del mattino, un comportamento migliore del motore si può osservare nei grafici che pubblichiamo.

Leggi anche:

Sul rettilineo principale si nota che la velocità massima raggiunta è la stessa, ma la curva rossa di Leclerc ha una gobba maggiore segno che l’ibrido è più efficiente e funziona meglio in potenza media, con un’erogazione dell’energia elettrica che evita il clipping. È il segno che la MGU-H è in grado di alimentare direttamente la MGU-K con una maggiore portata di energia rendendo i 163 cavalli elettrici più a lungo nell’arco del giro con una parcellizzazione della potenza ibrida più diluita ed efficiente.

E allora si scopre che Charles è riuscito a sovrastare lo spagnolo in ogni picco di velocità (tranne che alla curva 14 e 15), ma con valori molto ridotti, mentre alle basse velocità la Rossa del monegasco ha rivelato una maggiore trazione in uscita di curva, segno che i vantaggi del nuovo ibrido si misurano anche in risparmio di peso e miniaturizzazione degli elementi.

Positivo il commento del pilota di Maranello: "Sento che il motore è un pochino meglio e questo è molto positivo, anche perché i dati lo confermano. E' bello sentirlo e anche vederlo".

La Ferrari che a Monza ha dichiarato per voce del suo team principal, Mattia Binotto, che c’era un gap di 20 cavalli rispetto alla power unit Mercedes, fa un piccolo passo avanti nella speranza di chiudere il divario l’anno prossimo, quando sarà omologato il motore che dovrà essere congelato nei prossimi anni.

Charles Leclerc, Ferrari SF21

Charles Leclerc, Ferrari SF21

Photo by: Charles Coates / Motorsport Images

condivisioni
commenti
F1, Sochi: cancellate le Libere 3 a causa del maltempo
Articolo precedente

F1, Sochi: cancellate le Libere 3 a causa del maltempo

Prossimo Articolo

Fotogallery F1: l'incidente di Giovinazzi con l'Alfa Romeo in FP2

Fotogallery F1: l'incidente di Giovinazzi con l'Alfa Romeo in FP2
Carica commenti
Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021