Ferrari: ecco perché il diritto di veto non è un privilegio

Il ritiro della Honda dalla F1 alla fine del mondiale 2021 testimonia la volubilità dei Grandi Costruttori nell'approccio al mondo dei GP: le Case entrano quando vogliono fare grandi operazioni di marketing e se ne vanno all'improvviso senza dare valide giustificazioni. In questo quadro si capisce il valore che nel Circus rappresenta la Ferrari, una squadra che non ha mai tradito la F1. Si capisce perché il veto concesso a Maranello è un diritto e non un privilegio.

Ferrari: ecco perché il diritto di veto non è un privilegio

La questione del diritto di veto di cui beneficia la Ferrari ciclicamente riappare tra gli argomenti più discussi nel paddock. Nessuna altra squadra gode di questo privilegio, e nel corso degli anni ci sono stati avversari che hanno provato a mettere in discussione il benefit di cui gode la Scuderia. Anche durante la stesura dell’ultimo patto della Concordia c’è stato chi ha puntato il dito contro il diritto di veto nelle mani del Cavallino, giudicandolo un ‘plus’ immotivato, che nel 2020 non dovrebbe più essere garantito. L’accusa è sempre la stessa: perché la Ferrari continua ad essere considerata una realtà diversa rispetto al resto delle squadre?

I motivi in realtà sono molti, ed uno dei più importanti è emerso oggi in modo chiaro, quando la Honda ha annunciato l’ennesimo ritiro dalla Formula 1. Poco più di dieci anni fa, a cavallo tra 2008 e 2009, arrivarono a raffica una serie di decisioni prese dai consigli di amministrazione di Honda, BMW e Toyota. Poche righe per dire che la loro presenza in Formula 1 era revocata, con tutte le conseguenze del caso. I grandi Costruttori hanno indubbiamente portato notevoli benefici alla Formula 1, con ingenti investimenti di capitali che hanno permesso lo sviluppo di tanti aspetti, ma c’è un rovescio della medaglia.

Per questi gruppi la Formula 1 è una sfida, un esercizio tecnico e di marketing, ma come tale è anche un programma che può essere tagliato in qualsiasi momento, indipendentemente dai risultati ottenuti.

Se un consiglio di amministrazione decide di ridurre delle spese, il progetto Formula 1 è solo un ramo che si taglia con facilità, senza preavvisi o ripensamenti. Le conseguenze? Non sono di interesse di chi lascia. Le problematiche che queste decisioni improvvise creano a chi gestisce la Formula 1 sono tremende, con squadre che rischiano di saltare in aria, centinaia di posti di lavoro a rischio, monoposto che restano senza motori, un parco partenti che rischia di ridursi etc. etc.

Nel caso della Ferrari non è così. Le origini della Scuderia dicono chiaramente che l’embrione di una storia straordinaria è stato proprio il programma sportivo, da cui poi ha preso forma successivamente la realtà della produzione di vetture di serie. La Formula 1 per la Ferrari non è uno dei tanti rami aziendali, ma un elemento portante, l’architrave della struttura, e non è mai stata in discussione anche nei momenti in cui a Maranello le cose non andavano nel migliore dei modi.

Quando ad inizio degli anni ’80 Bernie Ecclestone concesse ad Enzo Ferrari il diritto di veto, aveva colto in pieno questo aspetto, ovvero l’importanza di una presenza costante nel tempo, che si discosta dalle realtà di case automobilistiche che vanno e vengono a seconda di interessi e situazioni economiche. La Ferrari è qualcosa su cui la Formula 1 può contare nel tempo, e questo ha un valore enorme per chi gestisce questo sport.

Ovviamente quando i rappresentanti di squadre, FIA e detentore dei diritti Commerciali si siedono attorno ad un tavolo per prendere decisioni, tutti hanno lo stesso peso, ma quando si toccano argomenti che coinvolgono il ‘dna’ della Formula 1, è giusto che l’opinione di chi in questo sport c’è da sempre abbia un peso diverso, perché diverso è il peso che la Ferrari attribuisce alla sua presenza in Formula 1.

Il fulmine a ciel sereno piombato oggi sulla Formula 1 è un esempio chiaro in questo senso. Per la Honda il programma nel Circus è qualcosa a cui si può rinunciare, e lo stesso vale per Mercedes e Renault, che in passato hanno detto addio per poi tornare. Per la Ferrari no, ed è giusto che alla Scuderia venga riconosciuto concretamente il valore della sua storia, un valore che per la Formula 1 è una garanzia tremendamente importante su cui pianificare il futuro.

condivisioni
commenti
Ferrari tace, ma la fornitura alla Red Bull non interessa
Articolo precedente

Ferrari tace, ma la fornitura alla Red Bull non interessa

Prossimo Articolo

Honda: un addio poco green che deve far riflettere la F1

Honda: un addio poco green che deve far riflettere la F1
Carica commenti
Video F1 | Piola: "Ecco perché la Williams ha mantenuto la sua identità tecnica" Prime

Video F1 | Piola: "Ecco perché la Williams ha mantenuto la sua identità tecnica"

In attesa delle nuove monoposto, continua l'analisi delle vetture protagoniste della Formula 1 2021. In questo nuovo video di Motorsport.com, la lente d'ingrandimento tecnica di Franco Nugnes e Giorgio Piola è sulla Williams, team che mai come nella passata stagione ha adottato soluzioni inedite...

Video | Piola: "Alfa Romeo: buona meccanica ma carente in aero" Prime

Video | Piola: "Alfa Romeo: buona meccanica ma carente in aero"

Alfa Romeo ha investito tutte le proprie risorse in vista della stagione 2022 di Formula 1. Ciononostante, la C41 si è rivelata una monoposto dalla valida base meccanica, come dimostrato tanto da Raikkonen quanto da Giovinazzi, ma carente a livello aerodinamico

Formula 1
16 gen 2022
Video | Piola: “L’Alpine ritrovata dopo il reset in galleria” Prime

Video | Piola: “L’Alpine ritrovata dopo il reset in galleria”

Torniamo a parlare dei team di Formula 1 partecipanti alla stagione 2021 e di come si sono evoluti nel corso dell'anno appena trascorso. Ora tocca all'Alpine: la scuderia di Enstone è tornata alla vittoria in Ungheria e a podio in Qatar, sapendo correggere il tiro in corso d'opera

Formula 1
14 gen 2022
Video F1 | Ceccarelli: “Come vincere le proprie resistenze” Prime

Video F1 | Ceccarelli: “Come vincere le proprie resistenze”

In compagnia di Franco Nugnes, del Dottor Riccardo Ceccarelli e della psicologa Alice Ferrisi di Formula Medicine, in questa puntata di Doctor F1 andiamo ad analizzare e comprendere quelli che sono i comportamenti di un pilota nel suo confronto con i propri limiti

Formula 1
12 gen 2022
Video F1 | Piola: "AlphaTauri più spinta dell'Alpine, meritava il 5° posto" Prime

Video F1 | Piola: "AlphaTauri più spinta dell'Alpine, meritava il 5° posto"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano i dettagli tecnici dell'AlphaTauri. Il team di Faenza, giunto sesto in classifica finale dietro all'Alpine, avrebbe meritato di più da questo 2021. Ecco perchè...

Formula 1
11 gen 2022
Video | Penalità in F1: quali sono e come si ottengono Prime

Video | Penalità in F1: quali sono e come si ottengono

Le penalità in Formula 1 sono tra gli argomenti più discussi dell'ultimo periodo. Spesso e volentieri hanno avuto voce in capitolo per decidere il vincitore di un GP, altre volte addirittura per annullare tutti i punti conquistati in una stagione. Ecco una panoramica approfondita e dettagliata per spiegare chi le commina, perché e di che tipo possono essere

Formula 1
9 gen 2022
Le migliori gare del 2021: a Silverstone il Big Bang tra Lewis e Max Prime

Le migliori gare del 2021: a Silverstone il Big Bang tra Lewis e Max

Tra le migliori gare del 2021 c'è sicuramente quella che ha dato il là e ha acceso davvero il duello tra Max Verstappen e Lewis Hamilton. Stiamo parlando del GP di gran Bretagna, che ha avuto come momento più alto l'incidente tra i due contendenti per il titolo alla curva Copse, al primo giro della gara.

Formula 1
8 gen 2022
Video F1 | Piola: "McLaren costretta a fermare lo sviluppo presto" Prime

Video F1 | Piola: "McLaren costretta a fermare lo sviluppo presto"

Continua l'analisi tecnica delle monoposto di Formula 1 presenti sulla griglia del 2021. In questo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano i dettagli della McLaren, un team che per gran parte della stagione si è dimostrata una rivelazione. Fino a quando...

Formula 1
7 gen 2022