Ferrari: ecco il debutto di Sainz sulla SF71H a Fiorano

Lo spagnolo dopo aver preso confidenza con la squadra di Maranello al simulatore della GeS ha effettuato i suoi primi giri di pista a Fiorano sulla SF71H al volante di una Rossa di F1. Carlos inizia la seconda fase della sua carriera indossando la tuta del Cavallino e prosegue in una splendida giornata di sole la lunga sessione che la Scuderia ha dedicato ai suoi piloti nella terza giornata di lavoro dei cinque programmati anche con i giovani della FDA.

Ferrari: ecco il debutto di Sainz sulla SF71H a Fiorano

E' baciato dal sole. Una splendida giornata invernale, fredda ma non umida, accompagna il debutto in Rosso di Carlos Sainz sulla Ferrari. A Fiorano sul famoso "ponte" si sono assiepati i media e i tifosi che non si vogliono perdere il primo giro dello spagnolo sulla SF71H. Alle 9:30 in punto è stata messa in moto la power unit e poi la Rossa ha preso la strada della pista rompendo il silenzio.

Un giro di installation lap per vedere che tutto funzioni a dovere e che sia comodo nell'abitacolo con il sedile che è stato fatto apposta. Poi un primo giro cronometrato in 59"9 per prendere le misure...

E' l'evento del giorno e Maranello si è animata come non è successo nei giorni precedenti, perché si tratta di una prima assoluta, mentre per Charles Leclerc era il ritorno su una Formula 1 dopo aver contratto il COVID-19.

Una di quelle tappe di una carriera che un pilota porterà nel cuore comunque vada la sua carriera in Rosso: c'è grande fermento anche nel box della pista di Fiorano, con più gente del solito, segno che il momento è sentito tanto fuori che dentro le reti di recinzione del tracciato di casa.

Carlos ha effettuato il primo giro lentamente per prendere confidenza con la SF71H e con la pista che aveva già avuto modo di imparare con una supercar stradale. Ieri Charles ha completato più di 116 giri che è poco più della distanza di un GP per valutare il suo stato di forma dopo la malattia ed è pensabile che al madrileno venga riservato un programma simile.

L'obiettivo per il 26 enne è un altro: scoprire la squadra, i tecnici che lavoreranno con lui durante il mondiale e imparare tutte le modalità di regolazione del volante-computer affinché i movimenti diventino un po' alla volta automatici.

Sainz non è affatto un pivello che arriva alla corte di Maranello: vanta un'esperienza di 118 GP disputati con Toro Rosso, Renault e McLaren. L'anno scorso ha sfiorato la vittoria nel GP d'Italia nella lotta con Pierre Gasly e nel 2020 ha dimostrato di essere determinante nella conquista del terzo posto del mondiale Costruttori con la McLaren.

Ora entra in sfida con un top driver come Leclerc e dovrà contribuire al rilancio della Ferrari dopo l'anno terribile. Dovrà fare meglio di un deludente Sebastian Vettel, ridando gioia ed entusiasmo ad un ambiente che si è molto depresso l'anno scorso.

Per ora assaggia una Rossa che non aveva deluso, con un motore che aveva dato delle soddisfazioni. Avrà tempo per scoprire la SF21 che dovrà essere la Ferrari della rinascita. Intanto è entrato a far parte del mito e chissà quante emozioni in quel casco...

condivisioni
commenti
Ferrari: oltre 100 giri con la SF71H per Leclerc a Fiorano

Articolo precedente

Ferrari: oltre 100 giri con la SF71H per Leclerc a Fiorano

Prossimo Articolo

F1: quando la sterzata diventa irregolare

F1: quando la sterzata diventa irregolare
Carica commenti
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021