Formula 1
10 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
28 nov
-
01 dic
Evento concluso

F1: Ferrari e Red Bull favorevoli al congelamento dei motori

condivisioni
commenti
F1: Ferrari e Red Bull favorevoli al congelamento dei motori
Di:
30 nov 2019, 13:01

Mattia Binotto e Toyoharu Tanabe spingono per il congelamento degli attuali V6 ibridi, mentre secondo Cyril Abiteboul ci sarà spazio per un incremento delle performance in futuro con i nuovi materiali.

La prossima rivoluzione tecnica entrerà in vigore nel 2021 quando l’aspetto delle future F1 sarà stravolto, mentre i motori V6 turbo ibridi, introdotti nel 2014, resteranno in vigore.

I quattro costruttori, Mercedes, Ferrari, Honda e Renault, si sono opposti per l’abbandono della MGU-H sui prossimi propulsori e Mattia Binotto si è detto convito che ci sarà una convergenza con la stessa formula del motore per i prossimi anni.

“Ci saranno delle restrizioni e crediamo che non ci sarà più la necessità di sviluppare i motori come avviene oggi. Probabilmente ci sarà anche un opportunità di congelamento” ha dichiarato Binotto.

“Il fatto che stiamo iniziando a congelare alcuni dei componenti è perché crediamo che ci sia solo un beneficio molto marginale in qualche fase dello sviluppo. Ed è positivo per la sostenibilità iniziare a congelare e ridurre l'attività al banco”.

“Quindi sì, siamo tutti convinti che si arriverà a una convergenza. Ci stiamo già muovendo in questa direzione e nel prossimo periodo questo avverrà certamente”.

Mercedes e Renault hanno già firmato contratti di fornitura pluriennali con altri team, mentre la Honda ha confermato la sua presenza in Formula 1 soltanto per il 2021.

Toyoharu Tanabe, direttore tecnico di Honda F1, ha dichiarato a Motorsport.com: “Vorremmo congelare i motori ma, dato che abbiamo iniziato la nostra attività in ritardo rispetto agli altri, le performance dei nostri rivali sono superiori. Per questo motivo Mattia può dirsi favorevole al congelamento, ma noi stiamo ancora imparando e migliorando”.

“Dall’altra parte dobbiamo ridurre i costi. Honda spende davvero molto così come tutti gli altri costruttori, ma dobbiamo intervenire per creare power unit più economiche”.

Mercedes e Renault credono che le prestazioni tra i vari costruttori siano simili, ma credono che in futuro ci potrà sempre essere spazio per migliorare le performance in presenza di regolamenti stabili.

Toto Wolff ha dichiarato: “Vedrete che nel lungo termine le performance dei motori andranno ad equivalersi. Credo che abbiamo visto alcune gare in cui il motore Ferrari ha fornito delle ottime performance così come grandi passi avanti sono stati compiuti da Renault. Nei prossimi anni le differenze saranno ridotte”.

Cyril Abiteboul, invece, crede che anche in futuro ci saranno spazi per aumentare le prestazioni del motore grazie all’introduzione di nuovi processi e materiali.

“C'è una quantità enorme di innovazione ed è un peccato che non si possa parlare di tutti i segreti e di tutti gli investimenti associati. I nostri ingegneri continuano ad avere molte idee e questo è fantastico da vedere”.

"Abbiamo reclutato molti giovani provenienti dall'università. Non sono necessariamente appassionati di Formula 1, ma posso dirvi che sono appassionati di sviluppo nel campo del motore a combustione interna e della potenza”.

 

Prossimo Articolo
LIVE F1, GP di Abu Dhabi: Qualifiche

Articolo precedente

LIVE F1, GP di Abu Dhabi: Qualifiche

Prossimo Articolo

Hamilton: pole ad Abu Dhabi, Mercedes domina

Hamilton: pole ad Abu Dhabi, Mercedes domina
Carica commenti