Ferrari davanti, ma è davvero il caso di illudersi?

Leclerc e Sainz davanti a tutti a Zandvoort evidenziano che la SF21 messa in pista in Olanda ha marciato subito bene, cancellando gli stenti di Spa-Francorchamps. Ma da qui a dire che la Scuderia vivrà un altro weekend da grande protagonista come a Monaco ce ne passa: i piloti sono consapevoli di quanto sia importante partire davanti, ma sanno anche che per il momento il passo gara della Rossa è tutt'altro che entusiasmante.

Ferrari davanti, ma è davvero il caso di illudersi?

Il dato certo, per ora, è che sia Carlos Sainz che Charles Leclerc hanno concluso con il sorriso la prima giornata di attività in pista a Zandvoort.

Il tandem del Cavallino ha occupato le prime due posizioni al termine della sessione FP2, confermando che la SF21 quando incontra caratteristiche congeniali (curve lente, tratti in accelerazione e poco incidenza della PU) è pur sempre quella che a Monte Carlo ha conquistato la pole position.

I piloti, e non solo loro, tirano il freno, ed è un atteggiamento corretto. Nella classifica dei tempi emessa oggi manca Lewis Hamilton, che non ha preso parte alla sessione FP2 a causa di un problema alla sua power unit, e in parte anche Max Verstappen, che nella simulazione di qualifica non ha messo insieme il potenziale tecnico evidenziato poco dopo molto bene nei long-run.

C’è però del buono nel venerdì della Ferrari, ovvero una macchina ben bilanciata che ha confermato sul giro secco di poter ambire a risultati ben diversi rispetto ad una settimana fa a Spa.

“Non dobbiamo illuderci – ha commentato Leclerc - perché è solamente venerdì e ho la sensazione che i nostri avversari abbiano ancora del potenziale da tirare fuori. Ma anche da parte nostra credo che ci sia ancora del margine per migliorare, e per il momento siamo soddisfatti”.

Poi Charles ha esaltato la pista di Zandvoort, che come molti altri piloti è stata una piacevole sorpresa: “Mi sono proprio divertito! Le sopraelevate trasmettono delle sensazioni molto particolari quando spingi, e nel complesso tutta la pista è piacevole da guidare”.

Con le gomme soft la simulazione di qualifica è stata indubbiamente molto buona, aspetto sottolineato anche da Sainz (“mi sono sentito immediatamente a mio agio con il bilanciamento della vettura e la performance e con le gomme Soft abbiamo ottenuto delle buone prestazioni”), mentre i long run con le soft completato dallo spagnolo lo ha confermato con un passo più lento di Mercedes, Red Bull e McLaren.

Leclerc ha invece simulato la gara con le medie (pochi piloti hanno girato con le ‘gialle’) confermandosi leggermente più veloce dell’Alpine di Esteban Ocon, anch’egli tra le sorprese di giornata.

L’aspetto su cui al momento sono maggiormente concentrate le squadre è, come previsto, la simulazione di qualifica, a causa della scarsa possibilità di sorpassi che la pista consentirà in gara. “Per questo sarà molto importante assicurarsi una buona posizione sulla griglia di partenza – ha confermato Leclerc - il passo gara non è buono come il nostro giro secco ed è su questo che ci dovremo concentrare di più”.

Per puntare al podio sarà necessario qualificarsi nelle prime due file, un target non semplice da raggiungere, ma che dopo i primi riscontri emersi oggi non sembra essere impossibile per Leclerc e Sainz.
“Alcuni avversari sono state penalizzati dalle bandiere rosse – ha sottolineato Sainz - forse è per questo che ci troviamo così in alto in classifica. Ma di certo abbiamo ancora margine per migliorare”.

Freno tirato, appunto, per evitare il temuto effetto delusione qualora mancasse la top-5, ma dati alla mano potrebbe essere un sabato importante quello che affronterà la domani, con la certezza (qualora andasse tutto per il meglio) che su questa pista sarebbe una base importante anche in vista dei 72 giri in programma domenica.

condivisioni
commenti
Bobbi: "Differenti approcci per le traiettorie in Curva 3"
Articolo precedente

Bobbi: "Differenti approcci per le traiettorie in Curva 3"

Prossimo Articolo

Piola: "Ferrari subito forte, fa sognare come a Monaco"

Piola: "Ferrari subito forte, fa sognare come a Monaco"
Carica commenti
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021