Ferrari: da Reggio Emilia con tanta fame di vincere

La squadra del Cavallino ha scelto una location piena di significati per il lancio della SF1000, ma dal teatro Valli è emerso un messaggio chiaro per la concorrenza: la nuova macchina è l'arma con la quale da Elkann a Binotto, passando per Camilleri, la Scuderia puntano in alto anche se non si sentono affatto i favoriti.

Ferrari: da Reggio Emilia con tanta fame di vincere

La presentazione della SF1000 ha proposto la Ferrari nella sua essenza. Da una parte storia e tradizione, dall’altra tecnologia e futuro, il tutto amalgamato dal forte orgoglio dell’italianità che l’attuale dirigenza del Cavallino ha voluto sottolineare in più forme e momenti.

La sede dell’evento è stata la scelta più appariscente, il teatro Valli posto nel centro della città (Reggio Emilia) che ha dato i natali al Tricolore. Poi il crescendo, concluso con le parole di John Elkann: “siamo orgogliosi di rappresentare l’Italia nel Mondo”.

A cosa potrà ambire la SF1000? Il primo confronto ‘visivo’ con le due rivali dirette (Red Bull e Mercedes) inizierà oggi, poi ci saranno i test di Barcellona e finalmente una classifica vera, quella del primo Gran Premio stagionale in Australia.

Una cosa però la si può anticipare: a Maranello hanno lavorato, ed anche parecchio, quindi nessun anno di transizione. Mattia Binotto sa di giocarsi molto con questo progetto, anche se la tendenza generale di tutti i team è far credere che le monoposto 2020 siano destinate ad essere messe da parte molto presto nella testa dei tecnici, chiamati a concentrarsi al 100% sulla vettura 2021.

Ma non sarà così se Vettel e Leclerc (o uno dei due) saranno in lotta per quel titolo che manca da dodici anni. Ed è in fondo ciò che sparano tutti a Maranello.

John Elkann ha celebrato la storia Ferrari, come è giusto che sia, ma il passato deve essere un segnale di direzione, non un palo dove appoggiarsi.

“Abbiamo tanta fame”, ha sottolineato il Presidente, apparso molto più ‘sul pezzo’ rispetto alle prime apparizioni ufficiali nel suo ruolo attuale, un messaggio neanche tanto in codice sugli obiettivi stagionali. La Ferrari potrà vincere o perdere, ma dovrà giocarsela fino in fondo.

I piloti sembrano decisamente pronti, ma Vettel sa bene che dovrà portarsi dietro un sasso di discrete dimensioni che potrebbe rapidamente trasformarsi in un macigno. Vettel deve mettersi dietro Leclerc, Vettel deve convincere la Ferrari di meritare la riconferma, Vettel deve battere la concorrenza di chi si vedrebbe bene a Maranello.

Le raffiche di domande piovute addosso al tedesco, già pochi minuti dopo la presentazione della SF1000, sono state quanto mai esplicative. “Temi Lewis?”, “Ti senti traballante?”, e via su questo tono. Dovrà farci l’abitudine, Seb, almeno per qualche mese.

Da oggi la parola torna già al presente, passato e futuro, ora devono farsi da parte perché c’è una stagione che si appresta a muovere i primi passi in pista. L’attività che precede la partenza per Montmelò è frenetica, ed indipendentemente dai riscontri che arriveranno dai test spagnoli, non aspettiamoci dichiarazioni entusiaste da parte dei piloti o di Binotto.

Lo smacco di dodici mesi fa pesa ancora, e Binotto è stato subito molto chiaro. “Noi favoriti? Non direi, visto che non siamo noi ad aver vinto gli ultimi titoli Mondiali, né l’ultima gara del 2019”.

Mattia ha ragione, la chiusura della scorsa stagione ad Abu Dhabi ha visto una delle Mercedes più stellari degli ultimi anni, e le due Ferrari di beccarono 43 secondi con Leclerc ed oltre un minuto con Vettel. A Maranello non lo hanno dimenticato.

Ferrari SF1000

Ferrari SF1000
1/15

Foto di: Ferrari

Ferrari SF1000

Ferrari SF1000
2/15

Foto di: Ferrari

Ferrari SF1000

Ferrari SF1000
3/15

Foto di: Ferrari

Louis Camilleri, CEO of Ferrari

Louis Camilleri, CEO of Ferrari
4/15

Foto di: Ferrari

Ferrari SF1000

Ferrari SF1000
5/15

Foto di: Ferrari

Dettaglio tecnico della Ferrari SF1000

Dettaglio tecnico della Ferrari SF1000
6/15

Foto di: Ferrari

Ferrari SF1000 dettaglio laterale

Ferrari SF1000 dettaglio laterale
7/15

Foto di: Ferrari

Ferrari SF1000

Ferrari SF1000
8/15

Foto di: Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
9/15

Foto di: Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
10/15

Foto di: Ferrari

Dettagli del muso della Ferrari SF1000

Dettagli del muso della Ferrari SF1000
11/15

Foto di: Ferrari

Louis Camilleri, CEO of Ferrari

Louis Camilleri, CEO of Ferrari
12/15

Foto di: Ferrari

Dettaglio tecnico della Ferrari SF1000

Dettaglio tecnico della Ferrari SF1000
13/15

Foto di: Ferrari

Ferrari SF1000, dettaglio tecnico

Ferrari SF1000, dettaglio tecnico
14/15

Foto di: Ferrari

Ferrari SF1000

Ferrari SF1000
15/15

Foto di: Ferrari

condivisioni
commenti
Ferrari: ecco la scheda tecnica della SF1000 di Leclerc e Vettel

Articolo precedente

Ferrari: ecco la scheda tecnica della SF1000 di Leclerc e Vettel

Prossimo Articolo

Red Bull: la RB16 ci mette il... becco

Red Bull: la RB16 ci mette il... becco
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento Presentazione Ferrari
Sotto-evento Presentazione
Piloti Sebastian Vettel , Charles Leclerc
Team Ferrari
Autore Roberto Chinchero
Podcast, Bobbi: "Verstappen e Red Bull, occasione sprecata" Prime

Podcast, Bobbi: "Verstappen e Red Bull, occasione sprecata"

Andiamo ad analizzare il Gran Premio di Spagna di Formula 1 vinto da Lewis Hamilton insieme a Marco Congiu e Matteo Bobbi. A deludere le aspettative su una pista che sulla carta si presentava a suo vantaggio è la Red Bull, che lascia Barcellona con il secondo posto di Verstappen

Minardi: "Verstappen ha dato tutto, manca la Red Bull" Prime

Minardi: "Verstappen ha dato tutto, manca la Red Bull"

In compagnia del Direttore di Motorsport.com, Franco Nugnes, e dell'ex Team Principal di Formula 1, Gian Carlo Minardi, andiamo a dare i voti al Gran Premio di Spagna di F1.

GP Spagna: l'animazione grafica della gara Prime

GP Spagna: l'animazione grafica della gara

Andiamo a rivivere le emozioni del GP di Spagna di F1 in questa nostra animazione grafica, dove ripercorriamo l'andamento in classifica dei vari piloti

Podcast F1: Chinchero analizza il GP di Spagna Prime

Podcast F1: Chinchero analizza il GP di Spagna

Roberto Chinchero e Giacomo Rauli analizzano nel podcast il Gran Premio di Spagna, quarto appuntamento del Mondiale 2021 di Formula 1. Buon ascolto!

Formula 1
9 mag 2021
GP di Spagna: la griglia di partenza Prime

GP di Spagna: la griglia di partenza

Andiamo a scoprire insieme la griglia di partenza del Gran Premio di Spagna, quarta prova del Mondiale 2021 di Formula 1

Formula 1
9 mag 2021
Piola: "La Red Bull ha preso l'azzardo di scaricare l'ala" Prime

Piola: "La Red Bull ha preso l'azzardo di scaricare l'ala"

Continuano le novità tecniche mostrate dalle monoposto nel fine settimana spagnolo. Andiamo ad analizzare, in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola, quali sono state le mosse sei team. Sotto la lente d'ingrandimento, la Red Bull, che ha optato per l'ala scarica...

Formula 1
8 mag 2021
Podcast F1: Chinchero analizza le Qualifiche del GP di Spagna Prime

Podcast F1: Chinchero analizza le Qualifiche del GP di Spagna

Roberto Chinchero e Giacomo Rauli analizzano nel podcast le Qualifiche del Gran Premio di Spagna, quarto appuntamento del Mondiale 2021 di Formula 1. Buon ascolto!

Formula 1
8 mag 2021
Podcast, Bobbi: "Hamilton, un 'ingegnere' al volante" Prime

Podcast, Bobbi: "Hamilton, un 'ingegnere' al volante"

Andiamo ad analizzare insieme a Matteo Bobbi e Marco Congiu l'andamento delle prime prove libere del GP di Spagna di Formula 1. A stupire è l'abilità di Hamilton di effettuare del "fine tuning" seguendo via radio le indicazioni del suo ingegnere di pista

Formula 1
8 mag 2021