Ferrari: corretti gli errori, vedremo la vera rossa

La Scuderia non poteva immaginare di trovare un asfalto tanto polveroso a Città del Messico da non permettere di trovare il grip minimo sul posteriore della SF21: su un tracciato dove serve il massimo carico aerodinamico per bilanciare l'aria rarefatta, la rossa era troppo scarica. Nel lavoro notturno si è cercata una messa a punto più consona all'impianto e già dalle prove libere del sabato vedremo un'altra Ferrari.

Ferrari: corretti gli errori, vedremo la vera rossa

Il quinto e settimo posto della Ferrari dopo le prove libere del venerdì nel GP del Messico non hanno certo entusiasmato i tifosi del Cavallino che si aspettano una SF21 molto più vicina ai due top team, Red Bull e Mercedes.

La Scuderia, invece, ha rimediato un distacco di un secondo da Max Verstappen con Carlos Sainz che meglio se l’è cavata sulla pista dedicata ai fratelli Rodriguez. È andata peggio a Charles Leclerc che ha pagato anche un piccolo incidente nell’ultima curva, laddove la rossa ha mostrato una sensibile carenza di downforce.

Il lavoro notturno, però, avrebbe messo in evidenza gli errori di set-up che sono stati fatti nella configurazione della macchina per il tracciato in altura dove l’aria è molto rarefatta. Lo sbaglio più grosso che sarebbe stato commesso è stato nel non caricare a sufficienza le ali, tanto da spingere anche un pilota che sa gestire il sovrasterzo, come Charles Leclerc, a commettere un errore che gli ha tolto un po’ di convinzione a causa del pessimo grip generato dall’asfalto polveroso di Città del Messico.

Leggi anche:

La Ferrari che vedremo oggi prima delle qualifiche nel terzo turno di libere dovrebbe mostrare il vero volto della rossa per questo weekend che sarà più ambizioso di quello che abbiamo osservato fino ad ora. La SF21 potrà disporre, almeno inizialmente, di una spinta verticale maggiore per poi scaricare gradualmente man mano che il grip dell’asfalto andrà migliorando l’aderenza del retrotreno.

Promosso il nuovo disco della Brembo

Il polverone che si è trovato nella capitale messicana ha preso un po’ di sorpresa i ferraristi (e non solo loro). Positivi i giudizi sui nuovi dischi dei freni Brembo che hanno fatto il loro debutto su entrambe le monoposto e che, una volta promossi, saranno utilizzati per tutto il weekend e, forse, nelle gare rimanenti della stagione.

La Scuderia beneficia di un nuovo disco con materiali evoluti per il 2022 e con una resistenza strutturale maggiorata grazie alla rinuncia di alcuni buchi di raffreddamento a favore di una più spessa parete laterale, secondo un disegno geometrico molto specifico.

Ferrari 2022, dettaglio del nuovo disco anteriore che prefigura i materiali 2022

Ferrari 2022, dettaglio del nuovo disco anteriore che prefigura i materiali 2022

Photo by: Giorgio Piola

condivisioni
commenti
Wolff: "Lewis non cambia motore, abbiamo risolto il problema"
Articolo precedente

Wolff: "Lewis non cambia motore, abbiamo risolto il problema"

Prossimo Articolo

Red Bull: è allarme per i ricambi nella triplice trasferta

Red Bull: è allarme per i ricambi nella triplice trasferta
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021